Salute 2 Luglio 2020 07:00

Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia

Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”

Il nuovo coronavirus non colpisce solo i polmoni. Già all’inizio dell’epidemia, i medici del San Matteo di Pavia sospettavano che l’infezione potesse attaccare il cuore, provocando miocarditi.

LA STORIA

«La conferma arriva quando un giovane sedicenne si presenta al pronto soccorso lamentando forti dolori al petto e al braccio sinistro – si legge in una nota dell’ospedale -. È la mattina del 1° marzo; il giorno precedente il ragazzo aveva avuto febbre alta, ma nessun altro sintomo, nessuna anamnesi significativa e apparentemente nessun contatto con soggetti positivi al Covid-19.

LEGGI ANCHE: NON SOLO POLMONI, IL COVID-19 INTERESSA ANCHE IL CERVELLO

«In ospedale i suoi segni vitali erano normali – spiega Massimiliano Gnecchi, cardiologo dell’UTIC e responsabile del Laboratorio di Cardiologia Sperimentale del Policlinico San Matteo di Pavia che per primo ha valutato il paziente – non aveva sintomi respiratori» a parte febbre a 38,5°C. L’ECG, invece, era indicativo di «danno cardiaco e la troponina elevata ha confermato il sospetto».

LA TERAPIA

Trasferito in Unità Coronarica, il dolore del paziente è gradualmente migliorato grazie alle terapie. I test virologici ed immunologici eseguiti per escludere le cause più frequenti di miocardite hanno dato esito negativo ma il tampone nasofaringeo per SARS-CoV-2 è risultato positivo.

«Si è quindi iniziata una terapia con idrossiclorochina e antivirale – precisa l’ospedale -. Le misurazioni seriali della concentrazione di troponina hanno fatto registrare una graduale riduzione, i marcatori infiammatori sono tornati alla normalità e le anomalie all’ECG sono regredite. L’esecuzione di una risonanza magnetica ha confermato definitivamente la diagnosi di miocardite».

LEGGI ANCHE: COVID E CUORE, VALENTE: «PAZIENTI CARDIOPATICI TRA I PIÙ COLPITI DA COVID-19. MA NON È L’UNICO MOTIVO PER TENERSI AGGIORNATI»

IL CASO CLINICO

Al dodicesimo giorno, dopo due tamponi negativi e in assenza di sintomi, il ragazzo è stato dimesso. «Questo paziente non ha mai avuto sintomi o segni, ad eccezione della febbre, riferibili a COVID-19 – sottolineano i medici che hanno seguito il caso -. Niente tosse, niente difficoltà respiratorie, niente perdita di gusto e olfatto, niente diarrea. Questo ci conferma che il virus SARS- CoV-2 è in grado di attaccare e danneggiare il muscolo cardiaco indipendentemente dall’interessamento polmonare grave. La seconda cosa che stupisce – evidenziano – è la giovane età del paziente». Il caso clinico è stato oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”.

LA RACCOMANDAZIONE

«Questo ci spinge a raccomandare che i pazienti – concludono i medici – anche quelli pediatrici, che riferiscono dolore toracico ed hanno altre caratteristiche suggestive di miocardite acuta – con o senza sintomi respiratori – dovrebbero eseguire da oggi anche il test per verificare o escludere l’infezione da SARS-CoV-2».

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco