Salute 2 Luglio 2020

Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia

Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”

Il nuovo coronavirus non colpisce solo i polmoni. Già all’inizio dell’epidemia, i medici del San Matteo di Pavia sospettavano che l’infezione potesse attaccare il cuore, provocando miocarditi.

LA STORIA

«La conferma arriva quando un giovane sedicenne si presenta al pronto soccorso lamentando forti dolori al petto e al braccio sinistro – si legge in una nota dell’ospedale -. È la mattina del 1° marzo; il giorno precedente il ragazzo aveva avuto febbre alta, ma nessun altro sintomo, nessuna anamnesi significativa e apparentemente nessun contatto con soggetti positivi al Covid-19.

LEGGI ANCHE: NON SOLO POLMONI, IL COVID-19 INTERESSA ANCHE IL CERVELLO

«In ospedale i suoi segni vitali erano normali – spiega Massimiliano Gnecchi, cardiologo dell’UTIC e responsabile del Laboratorio di Cardiologia Sperimentale del Policlinico San Matteo di Pavia che per primo ha valutato il paziente – non aveva sintomi respiratori» a parte febbre a 38,5°C. L’ECG, invece, era indicativo di «danno cardiaco e la troponina elevata ha confermato il sospetto».

LA TERAPIA

Trasferito in Unità Coronarica, il dolore del paziente è gradualmente migliorato grazie alle terapie. I test virologici ed immunologici eseguiti per escludere le cause più frequenti di miocardite hanno dato esito negativo ma il tampone nasofaringeo per SARS-CoV-2 è risultato positivo.

«Si è quindi iniziata una terapia con idrossiclorochina e antivirale – precisa l’ospedale -. Le misurazioni seriali della concentrazione di troponina hanno fatto registrare una graduale riduzione, i marcatori infiammatori sono tornati alla normalità e le anomalie all’ECG sono regredite. L’esecuzione di una risonanza magnetica ha confermato definitivamente la diagnosi di miocardite».

LEGGI ANCHE: COVID E CUORE, VALENTE: «PAZIENTI CARDIOPATICI TRA I PIÙ COLPITI DA COVID-19. MA NON È L’UNICO MOTIVO PER TENERSI AGGIORNATI»

IL CASO CLINICO

Al dodicesimo giorno, dopo due tamponi negativi e in assenza di sintomi, il ragazzo è stato dimesso. «Questo paziente non ha mai avuto sintomi o segni, ad eccezione della febbre, riferibili a COVID-19 – sottolineano i medici che hanno seguito il caso -. Niente tosse, niente difficoltà respiratorie, niente perdita di gusto e olfatto, niente diarrea. Questo ci conferma che il virus SARS- CoV-2 è in grado di attaccare e danneggiare il muscolo cardiaco indipendentemente dall’interessamento polmonare grave. La seconda cosa che stupisce – evidenziano – è la giovane età del paziente». Il caso clinico è stato oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”.

LA RACCOMANDAZIONE

«Questo ci spinge a raccomandare che i pazienti – concludono i medici – anche quelli pediatrici, che riferiscono dolore toracico ed hanno altre caratteristiche suggestive di miocardite acuta – con o senza sintomi respiratori – dovrebbero eseguire da oggi anche il test per verificare o escludere l’infezione da SARS-CoV-2».

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
La Fase 3 e l’aumento delle psicopatologie: l’importanza di medici e farmacisti
di Giacomo Cicalini, Farmacista
di Giacomo Cicalini, Direzione Tecnica Cofardis SpA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»