Salute 2 Luglio 2020

Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia

Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”

Il nuovo coronavirus non colpisce solo i polmoni. Già all’inizio dell’epidemia, i medici del San Matteo di Pavia sospettavano che l’infezione potesse attaccare il cuore, provocando miocarditi.

LA STORIA

«La conferma arriva quando un giovane sedicenne si presenta al pronto soccorso lamentando forti dolori al petto e al braccio sinistro – si legge in una nota dell’ospedale -. È la mattina del 1° marzo; il giorno precedente il ragazzo aveva avuto febbre alta, ma nessun altro sintomo, nessuna anamnesi significativa e apparentemente nessun contatto con soggetti positivi al Covid-19.

LEGGI ANCHE: NON SOLO POLMONI, IL COVID-19 INTERESSA ANCHE IL CERVELLO

«In ospedale i suoi segni vitali erano normali – spiega Massimiliano Gnecchi, cardiologo dell’UTIC e responsabile del Laboratorio di Cardiologia Sperimentale del Policlinico San Matteo di Pavia che per primo ha valutato il paziente – non aveva sintomi respiratori» a parte febbre a 38,5°C. L’ECG, invece, era indicativo di «danno cardiaco e la troponina elevata ha confermato il sospetto».

LA TERAPIA

Trasferito in Unità Coronarica, il dolore del paziente è gradualmente migliorato grazie alle terapie. I test virologici ed immunologici eseguiti per escludere le cause più frequenti di miocardite hanno dato esito negativo ma il tampone nasofaringeo per SARS-CoV-2 è risultato positivo.

«Si è quindi iniziata una terapia con idrossiclorochina e antivirale – precisa l’ospedale -. Le misurazioni seriali della concentrazione di troponina hanno fatto registrare una graduale riduzione, i marcatori infiammatori sono tornati alla normalità e le anomalie all’ECG sono regredite. L’esecuzione di una risonanza magnetica ha confermato definitivamente la diagnosi di miocardite».

LEGGI ANCHE: COVID E CUORE, VALENTE: «PAZIENTI CARDIOPATICI TRA I PIÙ COLPITI DA COVID-19. MA NON È L’UNICO MOTIVO PER TENERSI AGGIORNATI»

IL CASO CLINICO

Al dodicesimo giorno, dopo due tamponi negativi e in assenza di sintomi, il ragazzo è stato dimesso. «Questo paziente non ha mai avuto sintomi o segni, ad eccezione della febbre, riferibili a COVID-19 – sottolineano i medici che hanno seguito il caso -. Niente tosse, niente difficoltà respiratorie, niente perdita di gusto e olfatto, niente diarrea. Questo ci conferma che il virus SARS- CoV-2 è in grado di attaccare e danneggiare il muscolo cardiaco indipendentemente dall’interessamento polmonare grave. La seconda cosa che stupisce – evidenziano – è la giovane età del paziente». Il caso clinico è stato oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”.

LA RACCOMANDAZIONE

«Questo ci spinge a raccomandare che i pazienti – concludono i medici – anche quelli pediatrici, che riferiscono dolore toracico ed hanno altre caratteristiche suggestive di miocardite acuta – con o senza sintomi respiratori – dovrebbero eseguire da oggi anche il test per verificare o escludere l’infezione da SARS-CoV-2».

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...