Salute 2 Luglio 2020 07:00

Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia

Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”

Il nuovo coronavirus non colpisce solo i polmoni. Già all’inizio dell’epidemia, i medici del San Matteo di Pavia sospettavano che l’infezione potesse attaccare il cuore, provocando miocarditi.

LA STORIA

«La conferma arriva quando un giovane sedicenne si presenta al pronto soccorso lamentando forti dolori al petto e al braccio sinistro – si legge in una nota dell’ospedale -. È la mattina del 1° marzo; il giorno precedente il ragazzo aveva avuto febbre alta, ma nessun altro sintomo, nessuna anamnesi significativa e apparentemente nessun contatto con soggetti positivi al Covid-19.

LEGGI ANCHE: NON SOLO POLMONI, IL COVID-19 INTERESSA ANCHE IL CERVELLO

«In ospedale i suoi segni vitali erano normali – spiega Massimiliano Gnecchi, cardiologo dell’UTIC e responsabile del Laboratorio di Cardiologia Sperimentale del Policlinico San Matteo di Pavia che per primo ha valutato il paziente – non aveva sintomi respiratori» a parte febbre a 38,5°C. L’ECG, invece, era indicativo di «danno cardiaco e la troponina elevata ha confermato il sospetto».

LA TERAPIA

Trasferito in Unità Coronarica, il dolore del paziente è gradualmente migliorato grazie alle terapie. I test virologici ed immunologici eseguiti per escludere le cause più frequenti di miocardite hanno dato esito negativo ma il tampone nasofaringeo per SARS-CoV-2 è risultato positivo.

«Si è quindi iniziata una terapia con idrossiclorochina e antivirale – precisa l’ospedale -. Le misurazioni seriali della concentrazione di troponina hanno fatto registrare una graduale riduzione, i marcatori infiammatori sono tornati alla normalità e le anomalie all’ECG sono regredite. L’esecuzione di una risonanza magnetica ha confermato definitivamente la diagnosi di miocardite».

LEGGI ANCHE: COVID E CUORE, VALENTE: «PAZIENTI CARDIOPATICI TRA I PIÙ COLPITI DA COVID-19. MA NON È L’UNICO MOTIVO PER TENERSI AGGIORNATI»

IL CASO CLINICO

Al dodicesimo giorno, dopo due tamponi negativi e in assenza di sintomi, il ragazzo è stato dimesso. «Questo paziente non ha mai avuto sintomi o segni, ad eccezione della febbre, riferibili a COVID-19 – sottolineano i medici che hanno seguito il caso -. Niente tosse, niente difficoltà respiratorie, niente perdita di gusto e olfatto, niente diarrea. Questo ci conferma che il virus SARS- CoV-2 è in grado di attaccare e danneggiare il muscolo cardiaco indipendentemente dall’interessamento polmonare grave. La seconda cosa che stupisce – evidenziano – è la giovane età del paziente». Il caso clinico è stato oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”.

LA RACCOMANDAZIONE

«Questo ci spinge a raccomandare che i pazienti – concludono i medici – anche quelli pediatrici, che riferiscono dolore toracico ed hanno altre caratteristiche suggestive di miocardite acuta – con o senza sintomi respiratori – dovrebbero eseguire da oggi anche il test per verificare o escludere l’infezione da SARS-CoV-2».

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...