Salute 4 Luglio 2017

Il defibrillatore può salvare la vita: in vigore l’obbligo per le società sportive dilettantistiche

A fronte di migliaia di decessi l’anno causati da fenomeni cardiopatici improvvisi, finalmente operativa la norma che perfeziona il decreto Balduzzi del 2013: oltre ai defibrillatori a bordo campo, sarà obbligatorio anche personale formato per interventi d’urgenza

Dal mese di luglio è scattato l’obbligo della presenza di defibrillatori in tutti gli impianti sportivi, anche quelli dilettantistici. Il decreto, che ha visto la collaborazione tra Ministero della Salute e Ministero dello Sport, entra finalmente in vigore dopo tre rinvii che ne hanno prolungato l’attesa di oltre un anno.

Le disposizioni sono rigorose: in mancanza del defibrillatore sarà impossibile svolgere attività sportive. «Un modo per rendere più sicuri e tutelati i tanti momenti di agonismo e di esercizio fisico» scrive il Ministro dello Sport Luca Lotti su Facebook all’indomani dell’approvazione del decreto. «Non sono pochi gli atleti – prosegue il Ministro – che per tanti motivi si possono trovare in una condizione di emergenza mentre fanno sport».

Per le società sportive professionistiche l’obbligo dei defibrillatori è diventato vigente con l’adozione del decreto ministeriale Balduzzi del 2013, ma finora il vincolo non era altrettanto valido per le società dilettantistiche. Con questo decreto i Ministeri, di comune accordo, hanno ritenuto necessario perfezionare le linee guida del decreto Balduzzi per preservare la salvaguardia di tutti coloro che svolgono attività sportiva a livello non agonistico.

Il decreto, oltre a prevedere la presenza del defibrillatore a bordo campo, vincola l’impianto sportivo a dotarsi di personale qualificato ad utilizzare lo strumento. Durante ogni evento sportivo deve essere presente e operativa almeno una persona debitamente formata all’uso del defibrillatore e spetta alle stesse associazioni e società controllare, prima dell’inizio delle competizioni, la presenza del macchinario all’interno della struttura e la sua conforme manutenzione.

Le uniche realtà sportive escluse dall’obbligo sono le attività a «ridotto impegno cardiocircolatorio», come tiro, vela, golf o bowling, nonché tutte le attività sportive svolte al di fuori degli impianti sportivi.

L’obbligo è stato regolamentato anche a fronte di una serie di dati allarmanti rispetto ai decessi improvvisi durante attività sportive non agonistiche. Secondo recenti stime infatti, circa 1.000 giovani con meno di 35 anni e l’80% dei decessi improvvisi è riconducibile alla cardiopatia ischemica. Secondo i cardiologi, dei 50.000 casi italiani l’anno, un quarto potrebbe salvarsi con il defibrillatore, soprattutto se l’intervento viene effettuato entro 5 minuti dall’evento, anche perché ogni minuto che passa la possibilità di sopravvivere si riduce del 10%.

Articoli correlati
Covid, i dati dell’ultimo report: «Nuovo aumento dei contagi, fondamentale rispettare misure di precauzione»
«L’aumento dell’età dei casi diagnosticati nella settimana di monitoraggio riflette la trasmissione del virus dalle fasce di età più giovanili a quelle più anziane, soprattutto all’interno della famiglia. Si raccomanda quindi di adottare tutte le opportune precauzioni anche in ambito familiare». È quanto afferma l’ultimo report settimanale delle Regioni a cura della Cabina di Regia.
Aggiornati gli elenchi dei medici di bordo abilitati e supplenti
L’elenco dei medici di bordo abilitati ad operare sulle navi e l’elenco dei medici di bordo supplenti, sono stati aggiornati. Il medico di bordo è il medico che ha superato un concorso di esame ed è stato ritenuto idoneo dal Ministero della salute ad iscriversi nell’elenco che gli consente l’imbarco come Direttore sanitario. Il medico di […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
Covid-19, Speranza: «Primi risultati incoraggianti su ricerca vaccino. Continuiamo ad investire su ricerca scientifica per sconfiggere il virus»
«Serve ancora tempo e prudenza. Ma i primi riscontri scientifici sul vaccino dell’Università di Oxford, il cui vettore virale è fatto a Pomezia e che verrà infialato ad Anagni sono incoraggianti. L’Italia, con Germania, Francia e Olanda, è nel gruppo di testa per questa sperimentazione. Continuiamo ad investire sulla ricerca scientifica come chiave per sconfiggere […]
Covid, nuovo report Ministero: «Attenzione su nuovi focolai. Non abbassare la guardia»
«Sebbene le misure di lockdown in Italia abbiano permesso un controllo efficace dell’infezione da SARS-CoV-2, persiste una trasmissione diffusa del virus che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 settembre, sono 33.081.725 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 997.777 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...