Salute 18 Febbraio 2020 17:09

Leucemia, per la prima volta complicanza da immunoterapia risolta con depurazione del sangue

Il ragazzo, in terapia intensiva per gli effetti collaterali dell’immunoterapia con Car-T, è stato trattato con emoperfusione e dimesso dopo soli 15 giorni. Gabriella Bottari (Rianimatore pediatrico Bambino Gesù): «Nuova possibilità per i pazienti»

Leucemia, per la prima volta complicanza da immunoterapia risolta con depurazione del sangue

Per la prima volta al mondo, all’Ospedale Bambino Gesù di Roma un paziente di 14 anni affetto da leucemia acuta è stato trattato con una tecnica di depurazione del sangue che è riuscita a contenere e contrastare gli effetti collaterali infiammatori e potenzialmente letali della terapia Car-T, considerata la nuova frontiera nella lotta ai tumori del sangue.

La leucemia acuta è la forma più diffusa in età pediatrica: a livello nazionale si contano circa 400 nuovi casi l’anno. Ad oggi, l’immunoterapia con cellule Car-T è l’arma in più per il trattamento dei tumori del sangue refrattari alla chemioterapia. Nei bambini come negli adulti, però, si registrano gravi effetti collaterali, come la cosiddetta Cytokine Release Syndrome (CRS). È una risposta infiammatoria incontrollata e potenzialmente letale che è stata gestita, finora, con farmaci che non sempre riescono a controllare lo stato infiammatorio, oltre a sopprimere il sistema immunitario aumentando il rischio di infezione grave.

LEGGI ANCHE: MALATA DI LEUCEMIA, TUTTA LA CLASSE SI VACCINA PER FARLA TORNARE A SCUOLA

«Oltre il 50% dei pazienti sviluppano questa reazione, anche se con diversa gravità – spiega a Sanità Informazione la dottoressa Gabriella Bottari che lavora presso la Terapia intensiva pediatrica Area Rossa dell’Ospedale Bambino Gesù. Ed è proprio quello che è accaduto, mesi fa, al giovane paziente: «Il ragazzo – precisa la dottoressa Bottari – a distanza di una settimana dall’infusione di CAR-T, ha avuto una complicanza legata alla terapia con l’immunoterapia che si chiama sindrome da rilascio citochinico, uno stato infiammatorio generalizzato che gli ha indotto una grave insufficienza respiratoria acuta ed è stato ricoverato in terapia intensiva pediatrica».

«Qui – sottolinea la dottoressa – è stato sottoposto alle terapie standard di terapia intensiva pediatrica dal team guidato dal dottor Cecchetti ed è stato trattato con una tecnica di depurazione del sangue chiamata emoperfusione con colonne ad assorbimento» con l’obiettivo di “ripulire” il sangue nella maniera più efficace e rapida possibile.

LEGGI ANCHE: TUMORI DEL SANGUE, PAMELA GUARITA GRAZIE ALLA TERAPIA CAR-T. MA IN ITALIA LA CURA È ANCORA SPERIMENTALE

La tecnica già esisteva, ma per la prima volta «l’abbiamo applicata in questo ambito, in relazione alla complicanza dell’immunoterapia». Il risultato è stato sorprendente: «Sono stati rimossi i mediatori dell’infiammazione e il paziente, in soli 15 giorni, è stato dimesso dalla terapia intensiva». L’approccio innovativo, per questo ambito, ha permesso di ridurre drasticamente i valori delle citochine fino a livelli di equilibrio impensabili con le attuali terapie farmacologiche. Tutto questo senza compromettere il sistema immunitario.

Lo studio apre nuove prospettive terapeutiche e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Critical Care Explorations: «È una nuova possibilità che va confermata – conclude la dottoressa Bottari -. Cercheremo di estendere lo studio a più pazienti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Il 19, 20 e 21 marzo tornano le uova di Pasqua AIL a sostegno della ricerca e dell’assistenza per i malati di leucemia
Il tradizionale appuntamento è realizzato grazie all’impegno delle 82 sezioni provinciali e degli oltre 20mila volontari che offriranno, con una donazione minima di 12 euro, un uovo di cioccolato contrassegnato dal logo dell’Associazione
Che cos’è l’autoemoterapia e perché aiuta ad alzare le difese immunitarie
Apuzzo (Sapienza): «Grande e piccola auto emo-infusione permettono di stimolare la produzione di anticorpi e mantenere alta l’ossigenazione del sangue»
di Federica Bosco
Scoperto il meccanismo con cui la mutazione del gene ETNK1 causa la leucemia mieloide cronica atipica
Il lavoro di ricerca condotto dal team di Ematologia dell’Università di Milano Bicocca è stato pubblicato sulla rivista “Nature Communications”
di Federica Bosco
Melanoma metastatico, progetto pilota di radiogenomica per valutare risposta a immunoterapia
L’IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per “Giovani Ricercatori”. Il finanziamento è a carico del Ministero della Salute e il Principal Investigator è Antonio Guerrisi, medico radiologo dell’ISG
Tumore del polmone, scoperte le mutazioni che causano resistenza all’immunoterapia
Nuovo studio su Annals of Oncology dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena in collaborazione con il Polo Oncologico Sapienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...