Salute 18 Febbraio 2020

Leucemia, per la prima volta complicanza da immunoterapia risolta con depurazione del sangue

Il ragazzo, in terapia intensiva per gli effetti collaterali dell’immunoterapia con Car-T, è stato trattato con emoperfusione e dimesso dopo soli 15 giorni. Gabriella Bottari (Rianimatore pediatrico Bambino Gesù): «Nuova possibilità per i pazienti»

Immagine articolo

Per la prima volta al mondo, all’Ospedale Bambino Gesù di Roma un paziente di 14 anni affetto da leucemia acuta è stato trattato con una tecnica di depurazione del sangue che è riuscita a contenere e contrastare gli effetti collaterali infiammatori e potenzialmente letali della terapia Car-T, considerata la nuova frontiera nella lotta ai tumori del sangue.

La leucemia acuta è la forma più diffusa in età pediatrica: a livello nazionale si contano circa 400 nuovi casi l’anno. Ad oggi, l’immunoterapia con cellule Car-T è l’arma in più per il trattamento dei tumori del sangue refrattari alla chemioterapia. Nei bambini come negli adulti, però, si registrano gravi effetti collaterali, come la cosiddetta Cytokine Release Syndrome (CRS). È una risposta infiammatoria incontrollata e potenzialmente letale che è stata gestita, finora, con farmaci che non sempre riescono a controllare lo stato infiammatorio, oltre a sopprimere il sistema immunitario aumentando il rischio di infezione grave.

LEGGI ANCHE: MALATA DI LEUCEMIA, TUTTA LA CLASSE SI VACCINA PER FARLA TORNARE A SCUOLA

«Oltre il 50% dei pazienti sviluppano questa reazione, anche se con diversa gravità – spiega a Sanità Informazione la dottoressa Gabriella Bottari che lavora presso la Terapia intensiva pediatrica Area Rossa dell’Ospedale Bambino Gesù. Ed è proprio quello che è accaduto, mesi fa, al giovane paziente: «Il ragazzo – precisa la dottoressa Bottari – a distanza di una settimana dall’infusione di CAR-T, ha avuto una complicanza legata alla terapia con l’immunoterapia che si chiama sindrome da rilascio citochinico, uno stato infiammatorio generalizzato che gli ha indotto una grave insufficienza respiratoria acuta ed è stato ricoverato in terapia intensiva pediatrica».

«Qui – sottolinea la dottoressa – è stato sottoposto alle terapie standard di terapia intensiva pediatrica dal team guidato dal dottor Cecchetti ed è stato trattato con una tecnica di depurazione del sangue chiamata emoperfusione con colonne ad assorbimento» con l’obiettivo di “ripulire” il sangue nella maniera più efficace e rapida possibile.

LEGGI ANCHE: TUMORI DEL SANGUE, PAMELA GUARITA GRAZIE ALLA TERAPIA CAR-T. MA IN ITALIA LA CURA È ANCORA SPERIMENTALE

La tecnica già esisteva, ma per la prima volta «l’abbiamo applicata in questo ambito, in relazione alla complicanza dell’immunoterapia». Il risultato è stato sorprendente: «Sono stati rimossi i mediatori dell’infiammazione e il paziente, in soli 15 giorni, è stato dimesso dalla terapia intensiva». L’approccio innovativo, per questo ambito, ha permesso di ridurre drasticamente i valori delle citochine fino a livelli di equilibrio impensabili con le attuali terapie farmacologiche. Tutto questo senza compromettere il sistema immunitario.

Lo studio apre nuove prospettive terapeutiche e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Critical Care Explorations: «È una nuova possibilità che va confermata – conclude la dottoressa Bottari -. Cercheremo di estendere lo studio a più pazienti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cellule Staminali Cordonali salvano un paziente con leucemia a Vicenza
Un paziente affetto da leucemia, in gravi condizioni dopo il trapianto di midollo osseo, è stato salvato grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale. Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale salvano ancora vite. L’Italia si sta aprendo a queste nuove terapie. Lo sta facendo in quelle Cell Factory che possono produrre farmaci a base di cellule staminali. […]
di Dott.ssa Pierangela Totta, Responsabile Scientifica Futura Stem Cells
Test sierologici privati in Lombardia, migliaia di prenotazioni e prime positività
Multimedica, rete di strutture che ha messo a disposizione i test, informa: 18% ha IgG e 5,5% IgM. Poliambulanza Brescia: su 688 test, 50 con IgG
I test sierologici devono essere standard in tutto il Paese e servire alla ricerca epidemiologica di sieroprevalenza
Gentile Direttore, Desideriamo inviare il seguente messaggio a tutte le istituzioni regionali. Non è ancora possibile utilizzare i test sierologici (specialmente quelli già esistenti e commercializzati da alcune Regioni) per fare diagnosi e soprattutto conferire il patentino d’immunità alla popolazione generale per rientrare al lavoro. Qualsiasi protocollo di operatività o algoritmo decisionale per la fase 2 da […]
di Antonio Ingarozza, Segretario Scientifico Nazionale AIMEF
Tocilizumab, semaforo verde dall’Aifa per la sperimentazione su larga scala
Intervista al professor Paolo Ascierto (Istituto Pascale di Napoli): «Di 11 pazienti di cui abbiamo i dati, otto hanno avuto un miglioramento. Così combattiamo la tempesta citochinica scatenata dal Coronavirus»
Il seme? Si trova online. L’allarme dell’andrologo sulla fecondazione ‘fai da te’
“Stiamo assistendo alla diffusione di una nuova pratica: la fecondazione ottenuta con il seme fresco di un donatore spesso contattato in Rete o in appositi gruppi sui social network - spiega il Professor Salvatore Sansalone -. Una zona d'ombra anche dal punto di vista legale in cui nessuno è tutelato e senza la mediazione di una struttura sanitaria esiste un alto margine di rischio"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...