Salute 19 Luglio 2019

Tumori del sangue, Pamela guarita grazie alla terapia Car-T. Ma in Italia la cura è ancora sperimentale

Su questo è intervenuto il direttore generale dell’Aifa, Luca Li Bassi: «C’è già una stima di prezzo per l’approvazione delle terapie Car-T. Siamo molto vicini a concludere con un’azienda farmaceutica»

Immagine articolo

“Remissione totale”. Ha vinto la battaglia contro il cancro Pamela Angelelli, la mamma di 37 anni di Montefalcone affetta da un linfoma primitivo del mediastino non – Hodgkin di tipo aggressivo, curata con l’innovativa terapia Car-T.

La storia di Pamela in questi mesi era salita alle cronache per la straordinaria gara di solidarietà intrapresa con una raccolta fondi che le ha permesso di raggiungere Tel Aviv per curarsi. Come si legge nel blog dell’associazione Andrà Tutto Bene Pamela, nata per sostenere la donna nella sua battaglia contro il cancro: “Pamela, stava perdendo la speranza di veder crescere il suo piccolo Nicola, dopo essersi sottoposta a diversi cicli chemioterapici che non riuscivano a contrastare come sperato la terribile malattia. Da qui l’appello della famiglia e degli amici per raccogliere 500 mila euro, cifra stimata per permettere a Pamela di sottoporsi alla cura sperimentale ed affrontare in seguito l’intero percorso terapeutico”.

LEGGI ANCHE: CAR-T, FRANCO LOCATELLI (BAMBIN GESU’): «PROSSIMA SFIDA ESTENDERE QUESTA TERAPIA ALLE NEOPLASIE SOLIDE»

La terapia Car-T è una vera rivoluzione per il mondo medico, come ci ha spiegato il Professor Fabrizio Pane, Direttore di Ematologia e Trapianti all’Ospedale Federico II di Napoli, in occasione della Giornata nazionale per le lotta contro le leucemie. «Stiamo parlando di qualcosa di assolutamente innovativo. Si modificano direttamente i soldati, cioè questi linfociti T in modo che riconoscano direttamente le cellule leucemiche. Un aspetto da sottolineare è che il riconoscimento è associato anche alla moltiplicazione dei soldati e quindi questo presidio terapeutico, direttamente in vivo nel paziente, accentua la sua efficienza attraverso la moltiplicazione indotta da questo contatto. Questo è un concetto assolutamente innovativo e i risultati sono sorprendenti».

LEGGI: RAPPORTO AIFA SU USO FARMACI, GLI ITALIANI NON SI FIDANO DEI GENERICI E COSÌ SI SPENDE DI PIÙ

Tuttavia, accedere a questa terapia in Italia al momento non è possibile. Il trattamento non è ancora disponibile negli ospedali italiani e proprio su questo è intervenuto il direttore generale dell’Aifa, Luca Li Bassi: «C’è già una stima di prezzo per l’approvazione delle terapie Car-T contro alcuni tumori del sangue, di cui per ora stiamo sfruttando la riservatezza in un’ottica di futura trasparenza. Siamo molto vicini a concludere con un’azienda farmaceutica. L’approvazione non è il tassello più importante. Le Car-T non sono come i farmaci tradizionali. Si tratta, invece, di procedure innovative entusiasmanti a livello scientifico e clinico per le quali è stato necessario seguire un percorso anche con le Regioni, in modo da selezionare i centri eleggibili per somministrare il trattamento: una rete di strutture – ha concluso – che siano pronte a questo scopo. L’approvazione in sé quindi richiede del tempo, ma ci vuole anche tempo affinché il Servizio sanitario nazionale possa recepire questa terapia».

Articoli correlati
Leucemia, per la prima volta complicanza da immunoterapia risolta con depurazione del sangue
Il ragazzo, in terapia intensiva per gli effetti collaterali dell’immunoterapia con Car-T, è stato trattato con emoperfusione e dimesso dopo soli 15 giorni. Gabriella Bottari (Rianimatore pediatrico Bambino Gesù): «Nuova possibilità per i pazienti»
Genetica e alimentazione contro le malattie, la mission dell’Italian Institute of Planetary Health: «Studiamo i cibi come fossero farmaci»
«Il 40-50% dei tumori dipende da cattiva alimentazione» sottolinea Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, che ha dato vita al nuovo istituto. «Vogliamo sapere se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che li inducono»
Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»
Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull'Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»
Terra dei Fuochi, metalli pesanti nei pazienti oncologici. Confermato legame con inquinamento ambientale
A sostenerlo sono i ricercatori dell’università di Pisa in uno studio pubblicato sul 'Journal of Cellular Physiology' e presentato alla Camera dei Deputati. «I dati sono allarmanti», spiega il coordinatore del team di ricerca Antonio Giordano. Il Viceministro Sileri: «Finanziato in Manovra il Registro Tumori»
Antibiotici in Italia: uso inappropriato nel 30% delle prescrizioni. Li Bassi (Aifa): «Educare e informare operatori e pazienti»
Il direttore generale dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Luca Li Bassi, in occasione del Rapporto 'L'uso degli antibiotici in Italia 2018', commenta i dati negativi sulla ricerca: «Non ha trovato gli incentivi giusti per poter avanzare. Un quadro generale che ci impone di fare un uso attento degli antibiotici che abbiamo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano