Salute 18 Luglio 2019

Rapporto Aifa su uso farmaci, gli italiani non si fidano dei generici e così si spende di più

È quanto emerge dal Rapporto OsMed 2018 presentato a Roma. Luca Li Bassi, direttore generale dell’Aifa: «In altri Stati la maggioranza della popolazione viene curata con i generici e questo dovrà essere un obiettivo che ci dobbiamo porre per usare al meglio le risorse che abbiamo»

Immagine articolo

Spendiamo oltre 29 miliardi di euro in farmaci con un rimborso del 77% da parte del Servizio sanitario nazionale, è quanto emerge dal Rapporto Annuale 2018 sull’uso dei farmaci in Italia presentato a Roma nella sede Aifa. Per il singolo cittadino italiano la spesa media è stata di 482 euro.

Siamo quindi un Paese di malati? Risponde no, Luca Li Bassi, direttore generale dell’Aifa: «I nostri parametri sanitari non sono così male comparati a quelli di altri Paesi. Il farmaco rappresenta un mezzo per raggiungere la salute e va utilizzato al meglio. In questo c’è spazio per migliorare – ha continuato- sia in termini di spesa che di appropriatezza prescrittiva. Questa deve essere un faro così da poter usare sia il farmaco che le risorse connesse al suo uso nella maniera più efficiente possibile».

Sono 20.781 i milioni di spesa territoriale complessiva al 2018, con una spesa pubblica di 12.402 milioni, onnicomprensiva dei farmaci erogati in regime di assistenza convenzionata, in distribuzione diretta e per conto di classe A. In crescita poi, del 3,8% rispetto al 2017, la spesa a carico dei cittadini. «Dobbiamo lavorare maggiormente sull’appropriatezza d’uso. Mi riferisco all’aderenza e alla persistenza dei farmaci utilizzati nelle principali patologie croniche», ha commentato a margine della conferenza stampa Francesco Trotta, coordinatore del gruppo di lavoro Osmed.

La spesa delle strutture pubbliche sanitarie nel 2018 si attesta a circa 11,9 miliardi di euro, con evidenti differenze regionali. Il Nord è indicativamente posizionato su livelli inferiori di spesa convenzionata rispetto alla media nazionale e il Sud e Isole, invece, si attestano su valori più elevati. «Una grossa parte del rapporto OsMed è sulla variabilità regionale dei consumi – spiega ancora Trotta. Quello che emerge parlando ad esempio dei generici è che il ricorso ai generici ha un gradiente diverso da Nord a Sud. Alto al Nord, basso al Centro e ancora più basso al Sud. Questo è un gap che deve essere colmato»

LEGGI: FARMACI, OMS ADOTTA RISOLUZIONE ITALIANA PER LA TRASPARENZA SUL PREZZO. GRILLO: «GIORNATA STORICA»

Proprio sul fronte del consumo, invece, sono 40 milioni gli assistiti con prescrizione farmaceutica, a maggioranza donne (55%). Le differenze di genere sono da individuare soprattutto nella fascia d’età 15-64 anni dove le donne mostrano un utilizzo dei farmaci più elevato rispetto agli uomini. Importante, inoltre, anche il dato anagrafico che mostra come il 60% della spesa convenzionata e il 70% delle dosi giornaliere di medicinali venga assorbito dagli over 64. Infatti, il 98% degli anziani ha ricevuto una prescrizione farmacologica nel 2018. La popolazione pediatrica, dal canto suo, registra una prevalenza d’uso del 50%, che si differenzia al 70% nella fascia d’età 0-4 anni e al 38% nei 10-14 anni.

Quattro le categorie di farmaci più prescritte: dai cardiovascolari – primi per consumo e secondi per spesa – ai gastrointestinali/metabolici, fino a i farmaci per il sangue e quelli per il sistema nervoso, dove nello specifico al primo posto per consumi, ci sono gli antidepressivi Ssri (inibitori selettivi per la ricaptazione della serotonina).

Infine, un dato da tenere in considerazione, ha specificato il direttore generale Li Bassi, «è che l’80% dei farmaci consumati sono a brevetto scaduto, mentre invece l’uso dei farmaci equivalenti corrisponde soltanto al 30%. In altri Stati la maggioranza della popolazione viene curata con i generici e questo dovrà essere un obiettivo che ci dobbiamo porre per usare al meglio le risorse che abbiamo».

Articoli correlati
Tumori del sangue, AIFA approva la rimborsabilità della prima terapia CAR-T
La nuova terapia potrà essere prescritta e utilizzata, presso i centri specialistici selezionati dalle Regioni, per pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) resistenti alle altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa dopo una risposta ai trattamenti standard, e per pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta (LLA) a cellule B
Aifa, Bonaccini presidente ad interim. Il ministro Grillo firma le nomine del nuovo Cda
La regolare attività dell'Agenzia italiana del farmaco potrà riprendere già questa settimana. Il Consiglio d'amministrazione era fermo da circa due mesi dopo le dimissioni dell'assessore Venturi
Agenas, Lanzarin e Bevere nuovi vertici. Grillo: “Buone intese con Regioni”
La Conferenza Stato-Regioni ha approvato la nomina a Presidente dell'Agenas di Manuela Lanzarin e la conferma nell'incarico di Direttore Generale di Francesco Bevere, in carica dal 2014
Regioni, Toti: «Agenas andrà al Veneto, per Aifa serve ancora qualche giorno»
«Credo sia stato fatto un accordo equilibrato – ha spiegato ancora il governatore ligure – sono due regioni agli estremi del paese, segno che le Regioni pongono una grande attenzione sul rilancio delle opere pubbliche»
Farmaci, Senior Italia ad Aifa: «Rafforzare rapporto medico-paziente e ruolo società-scientifiche, limitare rimborsabilità Vitamina D»
Quanto emerso dalla presentazione dei dati OsMed all'Aifa sulla presunta inefficacia dei farmaci anti ipertensivi e della vitamina D per la fragilità ossea, aveva sollevato i dubbi di Senior Italia FederAnziani. Questa mattina, nell'incontro che si è svolto presso il Senato della Repubblica, società medico-scientifiche e organizzazioni dei medici hanno rassicurato i pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone