Salute 23 Ottobre 2019 09:00

Tumore al seno, Lombardia prima in Italia a rimborsare test Oncotype: permette di capire se serve la chemioterapia

«Studio ha dimostrato che 50 pazienti su 400 hanno potuto evitare il trattamento che era stato invece indicato dai medici», sottolinea Alberto Zambelli, oncologo dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. È l’unico test genomico validato per la sua capacità di previsione sia dei probabili vantaggi della chemioterapia sia del rischio di recidiva del tumore alla mammella in stadio precoce

di Federica Bosco

Novità in Lombardia per la cura e la prevenzione del tumore al seno. Nel mese della prevenzione, Regione Lombardia, per la prima volta in Italia, ha deciso di garantire la rimborsabilità del test genomico Oncotype DX, in grado di determinare la probabilità dei benefici della chemioterapia nel trattamento del tumore al seno in stadio precoce.

«Questo test – spiega il Dottor Alberto Zambelli, oncologo dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo – fa un’analisi molecolare di espressione genetica a partire dal tessuto tumorale operato, e individua un livello di rischio prognostico e di predizione dell’utilità della malattia, che permette in un caso su due di risparmiare la chemioterapia. Questa evidenza l’abbiamo verificata e replicata in uno studio regionale che abbiamo condotto in Lombardia in quattro grossi centri ospedalieri  dove 400 pazienti che avevano le caratteristiche per cui vi era un’incertezza sull’utilizzo della chemioterapia o meno, oltre la terapia endocrina, sono state sottoposte al test ed abbiamo evidenziato come le indicazioni fornite dai medici prima di avere il test era di chemioterapia in un quarto di queste pazienti (100 pazienti su 400)  e una volta fatto il test 50 hanno potuto risparmiarsi il trattamento perché l’esito del test ha fornito indicazioni capaci di riconoscere come la chemioterapia in quel caso non fosse necessaria. Quindi un passo importante che ha permesso di risparmiare chemioterapie inutili a vantaggio delle pazienti e al contempo ha permesso di risparmiare al Servizio sanitario nazionale delle risorse quando queste non sono ben allocate, ma possono esser destinate a terapie o trattamenti più indicati».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, LA FLORA BATTERICA DEL TESSUTO MAMMARIO POTREBBE PREDISPORRE ALLA MALATTIA. LO STUDIO DEL GEMELLI

Lo studio che ha previsto l’utilizzo del test Oncotype DX è stato effettuato presso l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’ospedale Sant’Anna di Como, il Fatebenefratelli di Milano e gli Spedali civili di Brescia. Inserito nelle linee guida 2018 sulle neoplasie della mammella dell’Associazione Italiana di oncologia medica AIOM, Oncotype DX è l’unico test genomico validato per la sua capacità di previsione sia dei probabili vantaggi della chemioterapia sia del rischio di recidiva del tumore alla mammella in stadio precoce.

«Sono state evidenziate dagli studi clinici alcune realtà che permettono di ridurre il trattamento medico chemioterapico quando questo è inutile o poco efficace per il caso specifico delle pazienti con un tumore mammario di tipo ormono-sensibile – continua Zambelli – Queste pazienti in effetti possono ricevere la terapia endocrina precauzionale e in alcuni casi devono ricevere un trattamento chemioterapico aggiuntivo. Normalmente a livello nazionale italiano la media di chi riceve un trattamento chemioterapico aggiuntivo è intorno alla media del 30/40 per cento. Oggi abbiamo dei test predettivi, capaci di risparmiare la chemioterapia quando questa è in qualche modo non necessaria».

Articoli correlati
Cancro, risultati eccezionali per l’anticorpo monoclonale trastuzumab deruxtecan
L’anticorpo monoclonale coniugato Trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e AstraZeneca conferma una risposta clinicamente significativa e duratura per il tumore mammario, gastrico e polmonare
Tumore seno metastatico, anticorpo monoclonale riduce il rischio di progressione del 72%
Al Congresso ESMO 2021 nuovi dati dimostrano l'efficacia dell'anticorpo monoclonale coniugato Trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e AstraZeneca su carcinoma mammario, gastrico e polmonare
Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia
Uno studio dell’Università Statale di Milano e dello IEO, coordinato dal professor Stefano Santaguida, ha definito come la variazione del numero dei cromosomi presenti nei tumori sia alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro
di Federica Bosco
Tumore mammario, Alemanno (M5S): «Sbloccati 20 milioni per i test genomici»
«Si tratta di un'ottima notizia, perchè con questo provvedimento, le donne potranno accedere gratuitamente ai test genomici per il carcinoma mammario ormonoresponsivo in stadio precoce» spiega la deputata del M5S Soave Alemanno
La casa delle donne operate al seno. Viaggio nella Breast Unit del S. Giovanni Addolorata
«Certificazione di qualità europea garanzia per tutti» spiega il Direttore sanitario Patrizia Magrini. «Approccio multidisciplinare aumenta sopravvivenza delle donne con cancro al seno del 18%» aggiunge il Direttore della Breast Unit Lucio Fortunato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?