Salute 30 Marzo 2021 16:27

Immunità di gregge a luglio, Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno prospettiva realistica»

Il Direttore scientifico della Società Italiana Malattie infettive: «Parliamo di 45-50 milioni di soggetti vaccinati, circa il 70% della popolazione. Quello con il vaccino è un appuntamento indispensabile, un patto al quale partecipiamo tutti»

Immunità di gregge a luglio, Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno prospettiva realistica»

«Uno tsunami che ha travolto tutti noi». Così Massimo Andreoni, Direttore scientifico Simit (Società Italiana Malattie infettive) e primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma, definisce il Covid-19.

«Al di là delle conseguenze sociali che ha determinato la pandemia – spiega l’infettivologo al nostro giornale – l’impatto emotivo è stato fortissimo». In primis, per i malati, alle prese con una malattia «devastante» isolati dai propri cari. «Per noi medici è terribile vivere la sofferenza insieme a loro – precisa Andreoni –. Avere la responsabilità di impedire tutto questo lascerà una ferita che difficilmente si rimarginerà».

Draghi si vaccina: «Immunità di gregge a luglio»

La battaglia contro il Covid-19 è ancora in corso e rischia di far sentire i suoi effetti a lungo. Ma, per il premier Draghi, è ora di guardare al futuro. E ha iniziato dando il buon esempio proprio questa mattina, all’hub della Stazione Termini di Roma, dove si è vaccinato dopo avere atteso regolarmente il proprio turno. La campagna di vaccinazione è la chiave di volta per imprimere un netto cambio di marcia al Paese. Il Presidente del Consiglio ha auspicato l’immunità di gregge a luglio. Ma è una prospettiva realistica?

Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno a giugno raggiunto l’obiettivo»

«L’immunità di gregge viene raggiunta in Italia intorno ai 45-50 milioni di soggetti vaccinati. Parliamo di circa il 70% della popolazione – spiega il professore -. Con 500 mila soggetti vaccinati al giorno per tre mesi, a fine giugno avremo raggiunto l’obiettivo. È assolutamente una prospettiva realistica, tecnicamente raggiungibile, a patto che ci sia disponibilità di vaccini e siano messe in campo tutte le forze per mantenere questo ritmo».

«Accelerare sui vaccini per avere il controllo dell’epidemia quest’estate»

«Tutto ciò non è solo auspicabile ma direi indispensabile – prosegue Andreoni – per approfittare poi dei mesi estivi in cui sappiamo che il virus circolerà di meno. Arrivare all’estate avendo vaccinato la maggior parte delle persone e con un virus che circolerà poco riusciamo ad attenere effettivamente il controllo dell’epidemia o altrimenti, ahimè, in autunno dovremo ricominciare da capo e il virus ritornerà a circolare. Ricordo che noi non sappiamo quanto durerà l’immunità della vaccinazione – precisa l’infettivologo – ma non possiamo rischiare di dover ricominciare da capo il prossimo inverno».

Quella di Draghi «non è solo un’indicazione, è un appuntamento indispensabile, deve essere un patto al quale partecipiamo tutti, perché i 45 milioni di persone siamo noi» conclude Andreoni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Raddoppia il carico di lavoro in Ostetricia, 1 partoriente su 6 è positiva al Covid
L’analisi di Fiaso su 12 ospedali sentinella evidenzia come il 16% dei parti sia avvenuto in area Covid e come il 47% delle gravide non sia vaccinato. Preoccupa il gravoso impegno gestionale. Guglielmino (SIRU): «Ci vuole il doppio dello sforzo per assicurare assistenza e cure adeguate e in sicurezza a tutte le pazienti»
Dallo stop tamponi per i viaggiatori in GB alla revoca dell’obbligo mascherina a New York, cosa sta succedendo
Numerose le novità che arrivano dal mondo sulla gestione della pandemia. Il Regno Unito abolisce l'obbligo dei tamponi per chi viaggia. A New York, invece, un giudice revoca l'obbligo di indossare la mascherina e in Israele si raccomanda la quarta dose per tutti. Mentre l'Unicef lancia l'allarme per la perdita «quasi insormontabile» per la scolarizzazione dei bambini.
«Presidente Draghi, siamo “giovani” medici ospedalieri ma alle favole non crediamo più»
Lettera aperta di Anaao Giovani al Premier Mario Draghi
di Anaao Giovani
Si può concepire in sicurezza un bambino subito dopo aver fatto il vaccino anti-Covid?
Si può provare a concepire un bambino, sia naturalmente che tramite fecondazione assistita, subito dopo la vaccinazione contro Covid-19? Un'analisi degli ultimi studi e le risposte ai quesiti più frequenti con Guglielmino, presidente SIRU
Il “limbo” dei vaccini agli 11-12enni. Mio figlio ha (quasi) 12 anni, qual è la dose più adatta?
A Sanità Informazione le risposte di Guido Castelli Gattinara, coordinatore dell’Istituto per la Salute del Bambino e dell’Adolescente dell’ospedale Bambino Gesù di Roma, su tempi, dosi e modalità di somministrazione del vaccino anti-Covid tra gli 11 e 12 anni, dal primo al secondo richiamo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 gennaio, sono 367.129.786 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.639.976 i decessi. Ad oggi, oltre 9,90 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre