Salute 30 Marzo 2021 16:27

Immunità di gregge a luglio, Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno prospettiva realistica»

Il Direttore scientifico della Società Italiana Malattie infettive: «Parliamo di 45-50 milioni di soggetti vaccinati, circa il 70% della popolazione. Quello con il vaccino è un appuntamento indispensabile, un patto al quale partecipiamo tutti»

Immunità di gregge a luglio, Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno prospettiva realistica»

«Uno tsunami che ha travolto tutti noi». Così Massimo Andreoni, Direttore scientifico Simit (Società Italiana Malattie infettive) e primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma, definisce il Covid-19.

«Al di là delle conseguenze sociali che ha determinato la pandemia – spiega l’infettivologo al nostro giornale – l’impatto emotivo è stato fortissimo». In primis, per i malati, alle prese con una malattia «devastante» isolati dai propri cari. «Per noi medici è terribile vivere la sofferenza insieme a loro – precisa Andreoni –. Avere la responsabilità di impedire tutto questo lascerà una ferita che difficilmente si rimarginerà».

Draghi si vaccina: «Immunità di gregge a luglio»

La battaglia contro il Covid-19 è ancora in corso e rischia di far sentire i suoi effetti a lungo. Ma, per il premier Draghi, è ora di guardare al futuro. E ha iniziato dando il buon esempio proprio questa mattina, all’hub della Stazione Termini di Roma, dove si è vaccinato dopo avere atteso regolarmente il proprio turno. La campagna di vaccinazione è la chiave di volta per imprimere un netto cambio di marcia al Paese. Il Presidente del Consiglio ha auspicato l’immunità di gregge a luglio. Ma è una prospettiva realistica?

Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno a giugno raggiunto l’obiettivo»

«L’immunità di gregge viene raggiunta in Italia intorno ai 45-50 milioni di soggetti vaccinati. Parliamo di circa il 70% della popolazione – spiega il professore -. Con 500 mila soggetti vaccinati al giorno per tre mesi, a fine giugno avremo raggiunto l’obiettivo. È assolutamente una prospettiva realistica, tecnicamente raggiungibile, a patto che ci sia disponibilità di vaccini e siano messe in campo tutte le forze per mantenere questo ritmo».

«Accelerare sui vaccini per avere il controllo dell’epidemia quest’estate»

«Tutto ciò non è solo auspicabile ma direi indispensabile – prosegue Andreoni – per approfittare poi dei mesi estivi in cui sappiamo che il virus circolerà di meno. Arrivare all’estate avendo vaccinato la maggior parte delle persone e con un virus che circolerà poco riusciamo ad attenere effettivamente il controllo dell’epidemia o altrimenti, ahimè, in autunno dovremo ricominciare da capo e il virus ritornerà a circolare. Ricordo che noi non sappiamo quanto durerà l’immunità della vaccinazione – precisa l’infettivologo – ma non possiamo rischiare di dover ricominciare da capo il prossimo inverno».

Quella di Draghi «non è solo un’indicazione, è un appuntamento indispensabile, deve essere un patto al quale partecipiamo tutti, perché i 45 milioni di persone siamo noi» conclude Andreoni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»
L'infettivologo: «Tante persone rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata. Centinaia di decessi giornalieri dovrebbero spaventare molto di più di fenomeni gravissimi ma eccezionali»
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Covid-19 e scuole, Draghi: «Riaprire fino a prima media. In alcuni casi test a studenti»
Il Ministro alla Salute Speranza: «Scuola settore strategico. Riaprire con prudenza»
Dimezzato il Cts, da 24 a 12 membri. Guida Locatelli
Nuovo coordinatore del Comitato tecnico scientifico il presidente del CSS Franco Locatelli. Portavoce Silvio Brusaferro. Entra il presidente dell’Aifa, Giorgio Palù
Vaccino Covid, la denuncia di Manai: «In Sardegna studenti di Medicina e Professioni sanitarie nei reparti ma senza vaccino»
«Mi auguro che la regione intervenga quanto prima per sanare questa ingiustificabile lacuna nel piano vaccinale regionale e metta in sicurezza i nostri studenti, futuro del nostro SSN» spiega Stefano Manai, Responsabile nazionale formazione sanitaria del PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...