Salute 8 Marzo 2021 15:20

Burnout personale sanitario, Nardone (psicoterapeuta): «Esistono strategie validate efficaci in tempi brevi. Ecco quali sono»

«È importante che il medico stressato emotivamente si procuri un bel quadernone e ogni giorno metta per iscritto, alla fine del turno di lavoro, tutte le sue sensazioni più negative» spiega lo psicoterapeuta Giorgio Nardone a Sanità Informazione

Non sono solo a rischio contagio perché lavorano a stretto contatto con pazienti Covid-19. I professionisti sanitari, in questi mesi così difficili, stanno sostenendo un’enorme pressione e lavorano a ritmi serrati senza riuscire mai a recuperare dalla stanchezza. Tutto questo comporta problemi fisici ed emotivi: ansia, stressi post-traumatico, paura, preoccupazione. Un disagio profondo, un esaurimento fisico e psicologico che può condizionare il rapporto con il paziente.

È per questo che è fondamentale chiedere aiuto e rivolgersi ad uno psicoterapeuta che offra strategie di soluzione su come gestire la situazione. Abbiamo approfondito la questione con lo psicoterapeuta Giorgio Nardone, docente del corso ECM “Dalla pandemia al burnout. Lo stress lavoro-correlato nei sanitari” offerto da Consulcesi Club.

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo lascerà degli strascichi importanti da un punto di vista psicofisico sugli operatori sanitari che stanno combattendo il Covid-19 in prima linea. Quali sono i segnali che non dovranno sottovalutare per evitare che questo si trasformi in un burnout?

«I segnali che ogni individuo deve tenere presente rispetto al suo livello di stress emozionale sono tre. In primis, la sensazione di distacco e freddezza rispetto all’altro che è un segnale di difesa; in secondo luogo, il contrario, ossia la voglia e il desiderio di esternare troppo con tutti la propria fatica e sofferenza; il terzo, la sensazione di “esaurimento”: la candela che è finita, la fiammella che si spenge, un esaurimento psicofisico».

Cosa fare immediatamente quando ci si rende conto di ritrovarsi in una di queste situazioni?

«Quando si arriva a queste situazioni si ha bisogno di uno specialista, un esperto, uno psicologo psicoterapeuta che riesca a fare in modo che la persona trovi uno spazio tutto suo per esprimere questi tre aspetti. È fondamentale avere dall’altra parte non solo un ascoltatore empatico ma qualcuno che offra strategie di soluzione su come gestire queste problematiche. Oggi esistono strategie validate per cui la persona in questa condizione può trovare un aiuto psicoterapeutico davvero efficace e anche in tempi brevi».

I gruppi di confronto possono aiutare?

«I gruppi di incontro hanno un effetto ambivalente: servono per sfogarsi e confrontarsi ma il più delle volte non offrono soluzioni. In più, a volte possono creare addirittura un gruppo di riferimento nel quale sentirsi tutti vittime di una situazione. Possono funzionare in fase iniziale ma se si insiste diventano addirittura controproducenti. Il dolore, come la paura e la rabbia sono emozioni che l’individuo deve imparare a gestire in modo soggettivo. Per questo c’è bisogno di un lavoro sulla persona e non sul gruppo».

Quali sono tecniche che il singolo professionista sanitario può seguire per aiutarsi?

«Una delle tecniche più validate è che il singolo operatore, il medico che è stressato emotivamente si procuri un bel quadernone e annoti le emozioni del suo trauma. È importante che ogni giorno metta per iscritto, alla fine del turno di lavoro, tutte le sue sensazioni più negative. Le deve scrivere nel linguaggio più forte e più viscerale, questa è una tecnica che permette di canalizzare le emozioni farle defluire».

Qual è il ruolo dei farmaci?

«I farmaci, in fase iniziale, possono essere un aiuto per ridurre l’ansia e le risposte eccessive ma questa non è una soluzione. Sappiamo che o eccita o inibisce. Si tratta di un supporto, ma stiamo molto attenti all’abuso di ansiolitici, antidepressivi, antipsicotici e antidolorifici perché poi creano una dipendenza dalla quale è ancora più difficile uscire».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?
È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Allarme burnout, in Lombardia più di 7 medici su 10 con stress cronico
Una ricerca realizzata da Università degli Studi Milano-Bicocca per ANAAO-ASSOMED Lombardia porta in luce come il 71,6% dei medici sospetti di aver sofferto di burnout
Aderenza alla terapia, FederAnziani: «4 anziani su 10 non assumono regolarmente i farmaci prescritti»
1 anziano su 3 ammette di dimenticarne spesso l’assunzione. I dati diffusi alla vigilia della Giornata Nazionale per l’Aderenza alle Terapie. Selvi: «Aderenza è battaglia che non si può perdere: promuovere strumenti e interventi per migliorarla»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...