Salute 8 Marzo 2021 15:20

Burnout personale sanitario, Nardone (psicoterapeuta): «Esistono strategie validate efficaci in tempi brevi. Ecco quali sono»

«È importante che il medico stressato emotivamente si procuri un bel quadernone e ogni giorno metta per iscritto, alla fine del turno di lavoro, tutte le sue sensazioni più negative» spiega lo psicoterapeuta Giorgio Nardone a Sanità Informazione

Non sono solo a rischio contagio perché lavorano a stretto contatto con pazienti Covid-19. I professionisti sanitari, in questi mesi così difficili, stanno sostenendo un’enorme pressione e lavorano a ritmi serrati senza riuscire mai a recuperare dalla stanchezza. Tutto questo comporta problemi fisici ed emotivi: ansia, stressi post-traumatico, paura, preoccupazione. Un disagio profondo, un esaurimento fisico e psicologico che può condizionare il rapporto con il paziente.

È per questo che è fondamentale chiedere aiuto e rivolgersi ad uno psicoterapeuta che offra strategie di soluzione su come gestire la situazione. Abbiamo approfondito la questione con lo psicoterapeuta Giorgio Nardone, docente del corso ECM “Dalla pandemia al burnout. Lo stress lavoro-correlato nei sanitari” offerto da Consulcesi Club.

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo lascerà degli strascichi importanti da un punto di vista psicofisico sugli operatori sanitari che stanno combattendo il Covid-19 in prima linea. Quali sono i segnali che non dovranno sottovalutare per evitare che questo si trasformi in un burnout?

«I segnali che ogni individuo deve tenere presente rispetto al suo livello di stress emozionale sono tre. In primis, la sensazione di distacco e freddezza rispetto all’altro che è un segnale di difesa; in secondo luogo, il contrario, ossia la voglia e il desiderio di esternare troppo con tutti la propria fatica e sofferenza; il terzo, la sensazione di “esaurimento”: la candela che è finita, la fiammella che si spenge, un esaurimento psicofisico».

Cosa fare immediatamente quando ci si rende conto di ritrovarsi in una di queste situazioni?

«Quando si arriva a queste situazioni si ha bisogno di uno specialista, un esperto, uno psicologo psicoterapeuta che riesca a fare in modo che la persona trovi uno spazio tutto suo per esprimere questi tre aspetti. È fondamentale avere dall’altra parte non solo un ascoltatore empatico ma qualcuno che offra strategie di soluzione su come gestire queste problematiche. Oggi esistono strategie validate per cui la persona in questa condizione può trovare un aiuto psicoterapeutico davvero efficace e anche in tempi brevi».

I gruppi di confronto possono aiutare?

«I gruppi di incontro hanno un effetto ambivalente: servono per sfogarsi e confrontarsi ma il più delle volte non offrono soluzioni. In più, a volte possono creare addirittura un gruppo di riferimento nel quale sentirsi tutti vittime di una situazione. Possono funzionare in fase iniziale ma se si insiste diventano addirittura controproducenti. Il dolore, come la paura e la rabbia sono emozioni che l’individuo deve imparare a gestire in modo soggettivo. Per questo c’è bisogno di un lavoro sulla persona e non sul gruppo».

Quali sono tecniche che il singolo professionista sanitario può seguire per aiutarsi?

«Una delle tecniche più validate è che il singolo operatore, il medico che è stressato emotivamente si procuri un bel quadernone e annoti le emozioni del suo trauma. È importante che ogni giorno metta per iscritto, alla fine del turno di lavoro, tutte le sue sensazioni più negative. Le deve scrivere nel linguaggio più forte e più viscerale, questa è una tecnica che permette di canalizzare le emozioni farle defluire».

Qual è il ruolo dei farmaci?

«I farmaci, in fase iniziale, possono essere un aiuto per ridurre l’ansia e le risposte eccessive ma questa non è una soluzione. Sappiamo che o eccita o inibisce. Si tratta di un supporto, ma stiamo molto attenti all’abuso di ansiolitici, antidepressivi, antipsicotici e antidolorifici perché poi creano una dipendenza dalla quale è ancora più difficile uscire».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene
Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l'infiammazione dell'appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?
È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...