Voci della Sanità 20 Marzo 2020 10:47

Coronavirus e burn out, Manai e Romualdi (Pd): «Ora più che mai sostegno medico-psicologico al nostro personale sanitario»

Gli esponenti Pd sottolineano: «Grazie a tutti gli operatori sanitari, ma impegniamoci ad aiutarli ancora di più, con DPI, tamponi e ora più che mai, sostegno medico-psicologico»

«Ansia, depressione, senso di vulnerabilità, paura incontrollabile, una paura che va oltre la persona, si estende soprattutto ai familiari, agli amici, alle persone care. E quel senso di vulnerabilità, dato da una morte silenziosa, seguita dal “momento della forza, del coraggio, della solidarietà, della responsabilità reciproca”». Stefano Manai, Responsabile Nazionale della formazione medico Sanitaria del PD e Giovanni Romualdi, Vice Coordinatore Forum Sanità GD, commentano così la lettera che il reparto di Psichiatria dell’Università di Genova, diretto dal Prof. Mario Amore, ha dedicato al difficile momento psicologico che stanno vivendo gli operatori sanitari impegnati in prima linea: «È il momento della forza e della solidarietà ma anche quello dell’apprendimento, della riflessione e della consapevolezza – spiegano Manai e Romualdi -. È il momento di soluzioni pratiche, per il sostegno a tutto il personale sanitario, a tutte le persone in quarantena e alle loro famiglie, con tecnologie digitali e piattaforme di teleconsulto».

«Si lavora affiancati a interfacce di supporto psicologico per combattere il burn out, ansia, panico e nel medio-lungo termine, anche il disturbo post traumatico da stress – continuano gli esponenti Pd – . A tal proposito è grande l’impegno dell’“Associazione EMDR per l’Italia” in collaborazione con ASST Regione Lombardia e le altre aziende sanitarie italiane per organizzare gruppi di defusing (tecnica del Critical Incident Stress Management, 1983 Mitchell et al.) a sostegno degli operatori sanitari e la condivisione di linee guida per la comunicazione ai familiari delle vittime da Covid».

«Dall’inglese “defuse”, disinnescare, stare vicini al personale sanitario con incontri di gruppo (anche in remoto) per decomprimere la reazione emotiva di fronte ad un impatto altamente traumatico. Si tratta di supportare chi supporta in quanto vittima a più livelli, sia in modo indiretto (traumatizzazione vicaria) che diretto (rischio di essere contagiato, di contagiare o si essere parente o collega di una persona deceduta per covid). Grazie a tutti gli operatori sanitari, ma impegniamoci ad aiutarli ancora di più, con DPI, tamponi e ora più che mai, sostegno medico-psicologico».

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 maggio: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Il Green Pass per il personale sanitario vaccinato scade in fretta. Ostacolerà le ferie?
Il nuovo passepartout non “libera tutti” ma scontenta molti. Ricciuto (SIMEU): «Noi vaccinati per primi, avremo le mani legate nei mesi estivi»
Obbligo vaccinale sanitari: quando scattano trasferimento e sospensione di stipendio
Dal 7 aprile entra in vigore l'obbligo vaccinale per gli operatori sanitari. Medici, infermieri, farmacisti dovranno provvedere a effettuare la vaccinazione anti-Covid entro i successivi 20 giorni. Esaminiamo quali sono i prossimi passaggi
Covid, nelle RSA primi effetti del vaccino: in calo incidenza e decessi
Lo dimostra la seconda edizione del report di sorveglianza sulle strutture realizzato dall’Iss in collaborazione con il Ministero della Salute, il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale e l’ARS Toscana
Sugli operatori sanitari il vaccino funziona: i contagi scendono e l’immunità sfiora il 100%
I contagi tra gli operatori sanitari si sono più che dimezzati in meno di un mese. Il vaccino Pfizer rende immuni e la campagna sta funzionando. In ospedale vicini alla totalità dei vaccinati. In un'indagine Fadoi le motivazioni dei professionisti: il 65% si è vaccinato per i propri pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...