Voci della Sanità 20 Marzo 2020

Coronavirus e burn out, Manai e Romualdi (Pd): «Ora più che mai sostegno medico-psicologico al nostro personale sanitario»

Gli esponenti Pd sottolineano: «Grazie a tutti gli operatori sanitari, ma impegniamoci ad aiutarli ancora di più, con DPI, tamponi e ora più che mai, sostegno medico-psicologico»

«Ansia, depressione, senso di vulnerabilità, paura incontrollabile, una paura che va oltre la persona, si estende soprattutto ai familiari, agli amici, alle persone care. E quel senso di vulnerabilità, dato da una morte silenziosa, seguita dal “momento della forza, del coraggio, della solidarietà, della responsabilità reciproca”». Stefano Manai, Responsabile Nazionale della formazione medico Sanitaria del PD e Giovanni Romualdi, Vice Coordinatore Forum Sanità GD, commentano così la lettera che il reparto di Psichiatria dell’Università di Genova, diretto dal Prof. Mario Amore, ha dedicato al difficile momento psicologico che stanno vivendo gli operatori sanitari impegnati in prima linea: «È il momento della forza e della solidarietà ma anche quello dell’apprendimento, della riflessione e della consapevolezza – spiegano Manai e Romualdi -. È il momento di soluzioni pratiche, per il sostegno a tutto il personale sanitario, a tutte le persone in quarantena e alle loro famiglie, con tecnologie digitali e piattaforme di teleconsulto».

«Si lavora affiancati a interfacce di supporto psicologico per combattere il burn out, ansia, panico e nel medio-lungo termine, anche il disturbo post traumatico da stress – continuano gli esponenti Pd – . A tal proposito è grande l’impegno dell’“Associazione EMDR per l’Italia” in collaborazione con ASST Regione Lombardia e le altre aziende sanitarie italiane per organizzare gruppi di defusing (tecnica del Critical Incident Stress Management, 1983 Mitchell et al.) a sostegno degli operatori sanitari e la condivisione di linee guida per la comunicazione ai familiari delle vittime da Covid».

«Dall’inglese “defuse”, disinnescare, stare vicini al personale sanitario con incontri di gruppo (anche in remoto) per decomprimere la reazione emotiva di fronte ad un impatto altamente traumatico. Si tratta di supportare chi supporta in quanto vittima a più livelli, sia in modo indiretto (traumatizzazione vicaria) che diretto (rischio di essere contagiato, di contagiare o si essere parente o collega di una persona deceduta per covid). Grazie a tutti gli operatori sanitari, ma impegniamoci ad aiutarli ancora di più, con DPI, tamponi e ora più che mai, sostegno medico-psicologico».

Articoli correlati
RSA, l’interrogazione di Bologna (Gruppo Misto): «Rete residenze assistenziali vecchia e fragile, ora rivedere standard»
Il medico e deputato del Gruppo Misto chiede al Ministro Speranza un percorso che porti le RSA ad entrare in una articolazione della rete territoriale che risponda alle nuove esigenze di residenzialità: «Occorre un percorso che porti le RSA ad entrare in una articolazione della rete territoriale che risponda alle nuove esigenze di residenzialità»
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 maggio: Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 24 maggio, il totale delle persone […]
Analisi mortalità Inps: in Italia i decessi sono aumentati del 48%, nelle province lombarde più colpite si supera il 200%
Il primato a Bergamo, con un aumento tra 400% e 500%. Più colpiti gli uomini delle donne, al Sud le variazioni meno significative. Dai dati del report: «Veneto ha gestito la crisi meglio della Lombardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...