Salute 16 Novembre 2021 12:40

L’obbligo della terza dose per i sanitari in settimana potrebbe arrivare in CdM

Le percentuali di medici e professionisti sanitari cui è stata somministrata la terza dose di vaccino contro il Covid-19 sono troppo basse. Sul tavolo la carta dell’obbligo

L’obbligo della terza dose per i sanitari in settimana potrebbe arrivare in CdM

Crescono costantemente da un mese i contagi tra gli operatori sanitari. Sembra il copione di un film già visto, ma è la realtà dell’autunno 2021. In cui ancora e di nuovo camici bianchi, infermieri e operatori tornano a rischiare con il Covid sul lavoro. Questa volta però c’è un’arma in più, il vaccino, e il governo intende sfruttarlo al meglio introducendo l’obbligo della terza dose.

Se ne parla da giorni, ma le indiscrezioni dall’interno vorrebbero il provvedimento già in Consiglio dei Ministri questa settimana. Il ministro della Salute Roberto Speranza l’avrebbe presentato al presidente Draghi durante la cabina di regia della settimana scorsa, portando con sé dati incontrovertibili sulla necessità di ricostituire uno schermo forte attorno al personale sanitario.

I dati sugli operatori sanitari

Se si pensa che ad agosto erano poco più di 930 i contagi tra sanitari e a novembre hanno toccato i 2.736, di cui oltre l’80% composto da infermieri, il problema si mostra evidente. L’Italia non è fuori dalla pandemia e non si può permettere di ridurre ulteriormente l’organico di ospedali, distretti sanitari ed Rsa. Ulteriormente in quanto le sospensioni per chi ha rifiutato il vaccino sono già in atto in tutto il Paese e la possibilità che i rimasti non possano lavorare perché malati a casa costituirebbe un problema ancora più grande.

Dunque, la terza dose ai sanitari deve diventare realtà e lo diventerà con ogni probabilità. Del resto i sanitari hanno ricevuto le loro prime e seconde dosi a cavallo tra gennaio e febbraio 2021, per cui un calo della protezione specie se sovraesposti al virus è fisiologico. Secondo i dati in nostro possesso, pubblicati anche dall’Istituto Superiore di Sanità, dopo sei mesi l’efficacia del vaccino anti-Covid contro l’infezione si dimezza. Appare quindi chiaro come i sanitari rischino maggiormente ora che è passato quasi un anno dalle prime somministrazioni, a loro riservate come categoria prioritaria.

Green pass più corto

Visti i dati scientifici, si potrebbe anche tornare indietro sulla scelta estiva del Comitato tecnico-scientifico di allungare la durata del Green pass da sei mesi (per i guariti) e nove (per i vaccinati) ad un anno. Anche questa misura dovrebbe arrivare sul tavolo del governo, per riportare la certificazione verde a sei o nove mesi e accelerare per tutti la somministrazione delle terze dosi. L’obbligo di terza dose, in ogni caso, riguarderebbe solo il personale sanitario come attualmente quello per le prime due. Ad oggi l’aderenza spontanea ha coperto già 3 milioni di italiani tra over 60 (17 milioni 750mila persone), fragilissimi (931mila persone) e professionisti sanitari (1,9 milioni). L’obbiettivo di Speranza e del governo è però quello di aumentare in fretta queste cifre in vista dell’inverno. Da qui anche la raccomandazione del Cts ad effettuare contemporaneamente vaccino antinfluenzale e terza dose contro Covid.

Guido Rasi, direttore scientifico Consulcesi e consigliere del generale Francesco Figliuolo, ha avvertito che quello a cui andiamo incontro «non sarà un Natale normale». Con la terza dose però, può essere più facile che somigli a quelli a cui eravamo abituati prima della pandemia. Specie per gli operatori sanitari, che sperano di non dover gestire nuovamente reparti pieni. «La terza – ha però concluso Rasi – potrebbe essere l’ultima: per gli immunologi il ciclo completo di solito prevede tre dosi. Se non ci saranno altre varianti, con la terza dose dovremmo essere a posto».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Omissione sanitaria e decesso: come accertare il nesso causale
Una recente sentenza della Cassazione fa il punto sull'accertamento del nesso causale fra l'omissione sanitaria e il decesso
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Operatori sanitari no vax sospesi, la denuncia: «Chi è rimasto a lavoro spostato di reparto senza preparazione e competenze»
Su Sanità Informazione la storia di un gruppo di operatori sanitari che, per coprire i buchi lasciati da chi non ha voluto vaccinarsi, si è ritrovato a svolgere mansioni per cui non era preparato
Ini Grottaferrata, consegnati attestati di merito ai sanitari impegnati nella campagna vaccinale
«La parola simbolo è gratitudine. È la vittoria di un sistema senza differenze tra pubblico e privato». Così Alessio D’Amato assessore alla sanità della Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...