Salute 23 Luglio 2020 11:17

Ansia da Covid? La psicoterapeuta: «Con il training autogeno puoi imparare a gestire le tue paure»

Morgilli (psicologa dello sport): «In tutto sei esercizi da apprendere sotto la guida di un esperto, per poi allenarsi a casa tre volte al giorno per almeno tre mesi. Parzialmente controindicato a chi soffre di cuore, da evitare con pazienti schizofrenici».

di Isabella Faggiano

Paura di potersi ammalare o di perdere persone care. Timori amplificati dalla pandemia da Covid-19 che hanno cambiato il modo di vivere delle persone in tutto il mondo e, non di rado, generato delle autentiche ansie. Ma uscire di casa, che sia per fare la spesa o per andare a lavoro, è quasi sempre inevitabile. «In situazioni di paura o di ansia – suggerisce Luana Morgilli, psicologa dello sport, psicoterapeuta e consigliere dell’ordine degli Psicologi del Lazio – il training autogeno può essere un ottimo alleato, un vero e proprio allenamento che ci permette di gestire alcune reazioni negative».

L’allenamento che si autogenera

Dalla paura scaturiscono inconfondibili sintomi fisici: «Quando il battito cardiaco accelera e il respiro diventa più intenso – spiega Morgilli – è probabile che stiamo sperimentando una forma di ansia. Reazioni psicocorporee che possiamo imparare a gestire attraverso il training autogeno che, nel tempo, ci aiuterà ad acquisire una maggiore consapevolezza e padronanza delle nostre emozioni».
Ma come suggerisce lo stesso termine “training” per raggiungere dei risultati apprezzabili è necessario allenarsi con costanza per almeno tre mesi, tre volte al giorno. «Questa tecnica – commenta la psicoterapeuta – nasce all’inizio del ‘900 con l’obiettivo di permettere alle persone che la utilizzano di “aiutarsi da sole”. Una volta appresi i sei esercizi fondamentali, a cui di recente ne sono stati aggiunti altri integrativi, l’individuo potrà proseguire il suo allenamento in piena autonomia».

Le fasi di apprendimento

Gli esercizi vanno appresi uno per volta e sotto la guida di un esperto. Solo dopo aver acquisito la piena padronanza di un esercizio sarà possibile passare a praticare il successivo. L’allenamento deve essere quotidiano e sarà necessario appuntare le reazioni che ne scaturiscono su un diario personale. «Ogni esercizio si riferisce ad un diverso sistema corporeo: il primo – dice la psicologa dello sport – coinvolge l’apparato muscolare, il secondo è quello del calore e riguarda l’apparato circolatorio. E così via fino ad arrivare al cuore, al respiro ed alla gestione consapevole degli organi interni addominali. L’ultimo esercizio cosiddetto della “fronte fresca” coinvolge la testa e può essere utilizzato anche per problemi di emicrania ricorrente e mal di testa di tipo muscolo-tensivi».

Non solo allenamento: si pratica anche all’occorrenza

Concluso il percorso di apprendimento e raggiunta la piena capacità di svolgere in autonomia gli esercizi sarà possibile anche servirsene al momento del bisogno. «L’allenamento non va mai abbandonato, ma una volta interiorizzato lo stato di calma attraverso un training costante possiamo richiamarlo ogni qual volta ci rendiamo conto che ci stiamo agitando, che battito cardiaco e respirazione stanno accelerando. Sarà sufficiente sedersi e dedicare qualche minuto a se stessi», assicura la psicoterapeuta.

Indicazioni e controindicazioni

Il training autogeno è generalmente consigliato alle persone che soffrono di ansia e di conseguenti disturbi psicosomatici, come gastrite e colon irritabile. È molto usato anche per la prevenzione del dolore: «Un particolare protocollo di training autogeno viene utilizzato per preparasi al parto o alle sedute dal dentista. Attraverso questa tecnica – commenta Morgilli – è possibile creare quasi uno stato alterato di coscienza che permette di percepire meno il dolore. Ci sono, poi, degli impieghi più innovativi. Nel mondo dello sport, per la preparazione ad una competizione o per accelerare il recupero delle energie. In ambito aziendale, per raggiungere uno stato di calma prima di una conferenza o di un discorso in pubblico».
Si dice che sia adatto a tutti, ma qualche piccola controindicazione c’è. «Le persone che hanno avuto infarti, ictus o gravi problemi cardiaci possono praticarlo solo dopo il consenso medico. È vietato, invece – conclude l’esperta -, a tutti quei soggetti in cui la percezione della realtà è alterata, come in pazienti schizofrenici o che soffrono di psicosi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco