Salute 23 Luglio 2020

Ansia da Covid? La psicoterapeuta: «Con il training autogeno puoi imparare a gestire le tue paure»

Morgilli (psicologa dello sport): «In tutto sei esercizi da apprendere sotto la guida di un esperto, per poi allenarsi a casa tre volte al giorno per almeno tre mesi. Parzialmente controindicato a chi soffre di cuore, da evitare con pazienti schizofrenici».

di Isabella Faggiano

Paura di potersi ammalare o di perdere persone care. Timori amplificati dalla pandemia da Covid-19 che hanno cambiato il modo di vivere delle persone in tutto il mondo e, non di rado, generato delle autentiche ansie. Ma uscire di casa, che sia per fare la spesa o per andare a lavoro, è quasi sempre inevitabile. «In situazioni di paura o di ansia – suggerisce Luana Morgilli, psicologa dello sport, psicoterapeuta e consigliere dell’ordine degli Psicologi del Lazio – il training autogeno può essere un ottimo alleato, un vero e proprio allenamento che ci permette di gestire alcune reazioni negative».

L’allenamento che si autogenera

Dalla paura scaturiscono inconfondibili sintomi fisici: «Quando il battito cardiaco accelera e il respiro diventa più intenso – spiega Morgilli – è probabile che stiamo sperimentando una forma di ansia. Reazioni psicocorporee che possiamo imparare a gestire attraverso il training autogeno che, nel tempo, ci aiuterà ad acquisire una maggiore consapevolezza e padronanza delle nostre emozioni».
Ma come suggerisce lo stesso termine “training” per raggiungere dei risultati apprezzabili è necessario allenarsi con costanza per almeno tre mesi, tre volte al giorno. «Questa tecnica – commenta la psicoterapeuta – nasce all’inizio del ‘900 con l’obiettivo di permettere alle persone che la utilizzano di “aiutarsi da sole”. Una volta appresi i sei esercizi fondamentali, a cui di recente ne sono stati aggiunti altri integrativi, l’individuo potrà proseguire il suo allenamento in piena autonomia».

Le fasi di apprendimento

Gli esercizi vanno appresi uno per volta e sotto la guida di un esperto. Solo dopo aver acquisito la piena padronanza di un esercizio sarà possibile passare a praticare il successivo. L’allenamento deve essere quotidiano e sarà necessario appuntare le reazioni che ne scaturiscono su un diario personale. «Ogni esercizio si riferisce ad un diverso sistema corporeo: il primo – dice la psicologa dello sport – coinvolge l’apparato muscolare, il secondo è quello del calore e riguarda l’apparato circolatorio. E così via fino ad arrivare al cuore, al respiro ed alla gestione consapevole degli organi interni addominali. L’ultimo esercizio cosiddetto della “fronte fresca” coinvolge la testa e può essere utilizzato anche per problemi di emicrania ricorrente e mal di testa di tipo muscolo-tensivi».

Non solo allenamento: si pratica anche all’occorrenza

Concluso il percorso di apprendimento e raggiunta la piena capacità di svolgere in autonomia gli esercizi sarà possibile anche servirsene al momento del bisogno. «L’allenamento non va mai abbandonato, ma una volta interiorizzato lo stato di calma attraverso un training costante possiamo richiamarlo ogni qual volta ci rendiamo conto che ci stiamo agitando, che battito cardiaco e respirazione stanno accelerando. Sarà sufficiente sedersi e dedicare qualche minuto a se stessi», assicura la psicoterapeuta.

Indicazioni e controindicazioni

Il training autogeno è generalmente consigliato alle persone che soffrono di ansia e di conseguenti disturbi psicosomatici, come gastrite e colon irritabile. È molto usato anche per la prevenzione del dolore: «Un particolare protocollo di training autogeno viene utilizzato per preparasi al parto o alle sedute dal dentista. Attraverso questa tecnica – commenta Morgilli – è possibile creare quasi uno stato alterato di coscienza che permette di percepire meno il dolore. Ci sono, poi, degli impieghi più innovativi. Nel mondo dello sport, per la preparazione ad una competizione o per accelerare il recupero delle energie. In ambito aziendale, per raggiungere uno stato di calma prima di una conferenza o di un discorso in pubblico».
Si dice che sia adatto a tutti, ma qualche piccola controindicazione c’è. «Le persone che hanno avuto infarti, ictus o gravi problemi cardiaci possono praticarlo solo dopo il consenso medico. È vietato, invece – conclude l’esperta -, a tutti quei soggetti in cui la percezione della realtà è alterata, come in pazienti schizofrenici o che soffrono di psicosi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Covid-19, rispettiamo le regole e godiamoci l’estate insieme ai bambini»
È questo il messaggio del video del Ministero della Salute, realizzato grazie alla collaborazione gratuita con il pediatra e artista Andrea Satta e visibile sul sito e sui canali social
Consulcesi: «Bene Ddl antiviolenza, ora accelerare su legge Gelli per la piena tutela dei medici»
Il Presidente Tortorella: «Creiamo un doppio scudo a difesa dei diritti dei medici e degli operatori sanitari. Serve forte segnale da Ministeri Salute e Sviluppo economico»
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...