Salute 4 Gennaio 2021 08:35

Healthy lifespan, Della Morte Canosci: «Essere longevi non basta. Puntiamo a vivere senza malattie croniche»

Il professore dell’università di Miami: «Per una vita in salute è necessario ripristinare i meccanismi di difesa compromessi dall’età. Fondamentale il ruolo delle sirtuine: restrizione calorica, attività fisica e integratori naturali sono in grado di riattivarle»

di Isabella Faggiano
Healthy lifespan, Della Morte Canosci: «Essere longevi non basta. Puntiamo a vivere senza malattie croniche»

Una macchina del tempo che ci riporti agli anni della gioventù, almeno per il momento, resta pura fantascienza. Rallentare l’orologio dell’invecchiamento, invece, è tutt’altro che un’utopia. Un’armata di molecole finite sotto la lente di ingrandimento degli scienziati – polifenoli, attivatori delle sirtuine, pterostilbene, politadine, fisetina, Omega3 e Vitamina D (solo per citarne alcune) – sarebbero in grado di contrastare l’inesorabile processo dell’invecchiamento.

L’healthy lifespan

«L’obiettivo degli scienziati – spiega David Della Morte Canosci, professore associato di Neurologia all’università di Miami e di Medicina Interna all’università Tor Vergata di Roma – non è il semplice allungamento della vita in termini di anni, piuttosto il miglioramento della sua qualità. Puntiamo a vivere più a lungo e bene, in assenza di malattie croniche, come quelle cardiovascolari, neurologiche, metaboliche o il cancro». La sopravvivenza sana, il cosiddetto healthy lifespan, è un aiuto per l’individuo e per l’intera società se si considera che le malattie croniche legate all’invecchiamento sono responsabili del 90% della spesa sanitaria.

Come “guarire” dall’invecchiamento

L’invecchiamento non deve essere più considerato un processo ineluttabile, quanto una malattia da curare. «L’invecchiamento – continua il professore – è determinato dalla riduzione o perdita dei nostri meccanismi di difesa che agiscono sia contro i patogeni esterni, sia contro quegli agenti dannosi prodotti dal nostro stesso corpo invecchiando. Il passare degli anni creerà uno sbilanciamento sempre più evidente tra agenti patogeni e difese dell’organismo, con un punteggio a sfavore di queste ultime». E come è possibile ribilanciare il risultato? «Riattivando tutti quei meccanismi di difesa, fisiologici in un giovane, anche nell’organismo di una persona anziana. In questo modo il corpo riacquisterà la capacità di rispondere agli attacchi che causano l’aumento dello stato infiammatorio e dello stress ossidativo», risponde Della Morte Canosci.

Test su misura

Attraverso test specifici sarebbe necessario verificare quali molecole si sono attivate e quali hanno perso la loro attività durante l’invecchiamento, per programmarne il ribilanciamento. «Per riattivare le molecole che con gli anni hanno perso la loro vitalità due strategie sono sicuramente efficaci per tutti: la restrizione calorica e l’attività fisica, non semplicemente perché salubri, ma in quanto buone abitudini in grado di riattivare le sirtuine, proteine fondamentali che permettono alla cellula di vivere più a lungo. Le sirtuine – aggiunge il docente – possono essere riattivate anche da specifici integratori naturali. Efficaci anche alcuni polifenoli, le vitamine C e D e l’Omega 3».
La ricetta della longevità più sarà personalizza, più sarà efficace: «Uno dei prossimi obiettivi che intendo realizzare a Palazzo Fiuggi, struttura di cui sono direttore medico, è proprio la personalizzazione della “terapia della longevità”, utilizzando prodotti esclusivamente naturali», sottolinea Della Morte Canosci. Per occuparsi del proprio benessere non è mai né troppo presto, né troppo tardi: «Queste terapie non si rivolgono ad un target specifico di età, ma di solito il periodo in cui bisognerebbe cominciare ad utilizzarle è quello in cui si presentano i cambiamenti ormonali dovuti alla menopausa o all’andropausa», spiega l’esperto.

Integratori, covid e malattie neurodegenerative

I ricercatori dell’università la Sapienza e dell’IRCCS San Raffaele di Roma stanno studiando gli effetti che le molecole con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie hanno su alcune patologie. «Questo mix, in cui è presente un’alta percentuale di polifenoli, è in grado di attivare direttamente le sirtuine. I risultati preliminari – dice Della Morte Canosci – hanno mostrato la loro efficacia contro malattie neurodegenerative, come l’Alzheimer e il Parkinson. Le stesse molecole sembrano in grado anche di rallentare l’invecchiamento di altre cellule, come i cardiomiociti, aumentandone la resistenza. Più in generale, amplificano le difese immunitarie, rendendo l’organismo più forte anche contro gli attacchi virali. Studi condotti nei laboratori di Microbiologia della Sapienza hanno mostrato l’efficacia di queste stesse sostanze anche contro alcuni virus che, nell’infettare il corpo umano – conclude il professore -, hanno lo stesso meccanismo di azione del Covid-19».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...