Salute 4 Gennaio 2021 08:35

Healthy lifespan, Della Morte Canosci: «Essere longevi non basta. Puntiamo a vivere senza malattie croniche»

Il professore dell’università di Miami: «Per una vita in salute è necessario ripristinare i meccanismi di difesa compromessi dall’età. Fondamentale il ruolo delle sirtuine: restrizione calorica, attività fisica e integratori naturali sono in grado di riattivarle»

di Isabella Faggiano
Healthy lifespan, Della Morte Canosci: «Essere longevi non basta. Puntiamo a vivere senza malattie croniche»

Una macchina del tempo che ci riporti agli anni della gioventù, almeno per il momento, resta pura fantascienza. Rallentare l’orologio dell’invecchiamento, invece, è tutt’altro che un’utopia. Un’armata di molecole finite sotto la lente di ingrandimento degli scienziati – polifenoli, attivatori delle sirtuine, pterostilbene, politadine, fisetina, Omega3 e Vitamina D (solo per citarne alcune) – sarebbero in grado di contrastare l’inesorabile processo dell’invecchiamento.

L’healthy lifespan

«L’obiettivo degli scienziati – spiega David Della Morte Canosci, professore associato di Neurologia all’università di Miami e di Medicina Interna all’università Tor Vergata di Roma – non è il semplice allungamento della vita in termini di anni, piuttosto il miglioramento della sua qualità. Puntiamo a vivere più a lungo e bene, in assenza di malattie croniche, come quelle cardiovascolari, neurologiche, metaboliche o il cancro». La sopravvivenza sana, il cosiddetto healthy lifespan, è un aiuto per l’individuo e per l’intera società se si considera che le malattie croniche legate all’invecchiamento sono responsabili del 90% della spesa sanitaria.

Come “guarire” dall’invecchiamento

L’invecchiamento non deve essere più considerato un processo ineluttabile, quanto una malattia da curare. «L’invecchiamento – continua il professore – è determinato dalla riduzione o perdita dei nostri meccanismi di difesa che agiscono sia contro i patogeni esterni, sia contro quegli agenti dannosi prodotti dal nostro stesso corpo invecchiando. Il passare degli anni creerà uno sbilanciamento sempre più evidente tra agenti patogeni e difese dell’organismo, con un punteggio a sfavore di queste ultime». E come è possibile ribilanciare il risultato? «Riattivando tutti quei meccanismi di difesa, fisiologici in un giovane, anche nell’organismo di una persona anziana. In questo modo il corpo riacquisterà la capacità di rispondere agli attacchi che causano l’aumento dello stato infiammatorio e dello stress ossidativo», risponde Della Morte Canosci.

Test su misura

Attraverso test specifici sarebbe necessario verificare quali molecole si sono attivate e quali hanno perso la loro attività durante l’invecchiamento, per programmarne il ribilanciamento. «Per riattivare le molecole che con gli anni hanno perso la loro vitalità due strategie sono sicuramente efficaci per tutti: la restrizione calorica e l’attività fisica, non semplicemente perché salubri, ma in quanto buone abitudini in grado di riattivare le sirtuine, proteine fondamentali che permettono alla cellula di vivere più a lungo. Le sirtuine – aggiunge il docente – possono essere riattivate anche da specifici integratori naturali. Efficaci anche alcuni polifenoli, le vitamine C e D e l’Omega 3».
La ricetta della longevità più sarà personalizza, più sarà efficace: «Uno dei prossimi obiettivi che intendo realizzare a Palazzo Fiuggi, struttura di cui sono direttore medico, è proprio la personalizzazione della “terapia della longevità”, utilizzando prodotti esclusivamente naturali», sottolinea Della Morte Canosci. Per occuparsi del proprio benessere non è mai né troppo presto, né troppo tardi: «Queste terapie non si rivolgono ad un target specifico di età, ma di solito il periodo in cui bisognerebbe cominciare ad utilizzarle è quello in cui si presentano i cambiamenti ormonali dovuti alla menopausa o all’andropausa», spiega l’esperto.

Integratori, covid e malattie neurodegenerative

I ricercatori dell’università la Sapienza e dell’IRCCS San Raffaele di Roma stanno studiando gli effetti che le molecole con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie hanno su alcune patologie. «Questo mix, in cui è presente un’alta percentuale di polifenoli, è in grado di attivare direttamente le sirtuine. I risultati preliminari – dice Della Morte Canosci – hanno mostrato la loro efficacia contro malattie neurodegenerative, come l’Alzheimer e il Parkinson. Le stesse molecole sembrano in grado anche di rallentare l’invecchiamento di altre cellule, come i cardiomiociti, aumentandone la resistenza. Più in generale, amplificano le difese immunitarie, rendendo l’organismo più forte anche contro gli attacchi virali. Studi condotti nei laboratori di Microbiologia della Sapienza hanno mostrato l’efficacia di queste stesse sostanze anche contro alcuni virus che, nell’infettare il corpo umano – conclude il professore -, hanno lo stesso meccanismo di azione del Covid-19».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, ecco i criteri di appropriatezza per i setting assistenziali di gestione ospedaliera dei pazienti
L’Agenas pubblica l’aggiornamento del documento elaborato dal gruppo di lavoro coordinato dal professor Matteo Bassetti
Variante Delta, l’ECDC: «A fine agosto responsabile del 90% dei casi in Europa. Non protetto chi ha ricevuto solo una dose»
La Direttrice del Centro Europeo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie Andrea Ammon: «Ridurre l’intervallo tra la prima e la seconda somministrazione»
Scoperto mix di polifenoli che riduce il rischio di ictus ischemico
Uno studio internazionale, sostenuto da SIRT500, ha individuato il giusto mix di polifenoli in grado di attivare le sirtuine, proteine che contribuiscono a prevenire e ridurre i danni da ictus ischemico. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nutrients
Come ottenere la Certificazione verde Covid-19. La guida completa
In Italia è il Ministero della Salute a rilasciare la Certificazione verde Covid-19 attraverso la Piattaforma nazionale, sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Pa
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 179.601.602 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.891.974 i decessi. Ad oggi, oltre 2,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM