Salute 9 Maggio 2019 09:57

Asma, tre milioni di italiani colpiti. Antinfiammatori e vaccino antinfluenzale per ridurre attacchi gravi

A Milano presentata l’Asma Zero Week, in programma dal 3 al 7 giugno. Blasi (Policlinico Milano): «Aderenza alla terapia ed evitare le esposizione agli allergeni per combattere la malattia». Nuove linee guida raccomandano un’azione antinfiammatoria a più lunga durata

di Federica Bosco
Asma, tre milioni di italiani colpiti. Antinfiammatori e vaccino antinfluenzale per ridurre attacchi gravi

Stiamo assistendo al più importante cambiamento nella gestione dell’asma degli ultimi 30 anni in termine di prevenzione e di cura con nuovi farmaci. A confermarlo le parole dei massimi esperti del settore: Francesco Blasi, Direttore del dipartimento di Medicina interna e Pneumologia del Policlinico di Milano, Giorgio Canonica, Direttore della clinica medica personalizzata Asma e Allergie di Humanitas Rozzano, e Carlo Filippo Tesi, Presidente FederAsma, in occasione della presentazione di Asma Zero week, in programma dal 3 al 7 giugno.  L’iniziativa intende azzerare dubbi e preoccupazioni di circa 3 milioni di italiani affetti dalla malattia cronica, con visite gratuite in oltre 40 centri specialistici su tutto il territorio nazionale. «L’asma bronchiale è una malattia cronica respiratoria la cui storia naturale è punteggiata da acuzie che vengono chiamate riacutizzazioni e che sono molto pericolose per il paziente che riporterà tosse, mancanza di respiro e respiro sibilante. – spiega Francesco Blasi – Il paziente sentirà nel torace fischi e gemiti che lo metteranno sicuramente in allarme per mancanza di respiro. La riacutizzazione può indurre la necessità di essere ricoverati in ospedali e può indurre anche alla morte. Quindi la prevenzione è fondamentale».

Come è possibile attuare una buona prevenzione?

«Intanto nel soggetto allergico il primo punto è evitare l’esposizione all’allergene, secondo aspetto non trascurabile è l’aderenza alla terapia. Fondamentale è conoscere e avere la gestione della propria malattia concordata con il medico per assumere i farmaci prescritti.  Il terzo punto importante sono le vaccinazioni, infatti le infezioni virali sono un punto importante di riacutizzazione grave nel paziente asmatico. L’asma in passato era considerata una potenziale controindicazione alla vaccinazione, cosa che è stata invece smentita dai dati della letteratura, anzi il vaccino antinfluenzale è una delle misure più importanti nel paziente asmatico che andrebbe vaccinato per l’influenza perché il virus influenzale è causa di riacutizzazioni gravi che inducono ad ospedalizzazione del paziente asmatico con una prognosi assolutamente negativa. Quindi in sintesi è fondamentale l’aderenza alla terapia, la gestione della malattia e le vaccinazioni, da evitare è l’esposizione allergenica».

A livello di farmaci, addio alle tradizionali terapie con broncodilatatori a breve durata d’azione (Saba) che consentono un sollievo temporaneo, per lasciare spazio alle nuove linee guida secondo cui è necessario un’azione antinfiammatoria a più lunga durata. «Sono appena uscite le nuove linee guida Gina che hanno cambiato l’atteggiamento gestionale della terapia dell’asma, in particolare non raccomandando più il trattamento con i soli SABA (broncodilatatori beta 2-agonisti a breve durata), ma piuttosto una combinazione di corticosteroide inalatorio (ICS) + beta2-agonista a lunga durata d’azione (LABA) formoterolo. Quando insorge l’attacco d’asma lo stimolo infiammatorio non è controllato per cui, oltre al broncodilatatore, è necessario somministrare l’antinfiammatorio. Una terapia farmacologica così formulata consente di ridurre gli attacchi gravi ed è raccomandata sia negli adulti che negli adolescenti. Per quel 5 per cento di asmatici gravi ci sono poi a disposizione nuovi farmaci, cosiddetti biologici, che agiscono a diversi livelli della cascata infiammatoria tipica dell’asma bronchiale e che consentono un ottimo controllo di quello che è il numero di riacutizzazioni, un miglioramento della funzione respiratoria e soprattutto un grosso risparmio nell’uso dello steroide orale gravato da un ottima efficienza, ma certamente gravato da affetti collaterali che possono essere presenti nel paziente asmatico».

Articoli correlati
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
Asma, al via progetto di ricerca per trovare soluzioni che migliorino l’aderenza alla terapia con il patient engagement  
La Ricerca punta ad ascoltare, valorizzare e promuovere il coinvolgimento attivo dei pazienti per comprendere i fattori psico-sociali e le difficoltà nella vita quotidiana che ostacolano l’aderenza alla terapia. Il progetto si rivolge ai pazienti adulti con asma moderata-grave che potranno partecipare alla ricerca attraverso una survey online
Asma, BPCO e malattie cardiache: Valle del Sacco peggio della Terra dei Fuochi. L’appello a Speranza
La presenza di polveri sottili oltre la norma, le temibili PM2,5, rende Frosinone e una parte della sua provincia ad alto rischio. La pneumologa Teresa Petricca: «Eventi ischemici aumentati del 67%, prevalenza di asma e BPCO oltre la media nazionale. Per questo stiamo sensibilizzando la popolazione». Silenzio da Regione Lazio e Asl. Il Registro Tumori ancora al palo
Asma, se la conosci la combatti. Rogliani (Tor Vergata): «Stop all’uso indiscriminato di SABA»
Intervista alla pneumologa Paola Rogliani (Tor Vergata) che, in occasione della V edizione della campagna Asma Zero Week, mette in guardia sui rischi di una scorretta gestione della patologia
Giornata mondiale dell’asma, l’appello di AIPO-ITS: «Riaprire ambulatori. Lo chiedono anche i pazienti»
per quanto riguarda l’asma, rispetto al 2019, nel 2020 si è registrata una riduzione delle diagnosi (-19%), dei nuovi trattamenti (-18%) e una netta riduzione delle richieste di spirometrie (-45%)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola