Salute 9 Maggio 2019

Asma, tre milioni di italiani colpiti. Antinfiammatori e vaccino antinfluenzale per ridurre attacchi gravi

A Milano presentata l’Asma Zero Week, in programma dal 3 al 7 giugno. Blasi (Policlinico Milano): «Aderenza alla terapia ed evitare le esposizione agli allergeni per combattere la malattia». Nuove linee guida raccomandano un’azione antinfiammatoria a più lunga durata

di Federica Bosco
Immagine articolo

Stiamo assistendo al più importante cambiamento nella gestione dell’asma degli ultimi 30 anni in termine di prevenzione e di cura con nuovi farmaci. A confermarlo le parole dei massimi esperti del settore: Francesco Blasi, Direttore del dipartimento di Medicina interna e Pneumologia del Policlinico di Milano, Giorgio Canonica, Direttore della clinica medica personalizzata Asma e Allergie di Humanitas Rozzano, e Carlo Filippo Tesi, Presidente FederAsma, in occasione della presentazione di Asma Zero week, in programma dal 3 al 7 giugno.  L’iniziativa intende azzerare dubbi e preoccupazioni di circa 3 milioni di italiani affetti dalla malattia cronica, con visite gratuite in oltre 40 centri specialistici su tutto il territorio nazionale. «L’asma bronchiale è una malattia cronica respiratoria la cui storia naturale è punteggiata da acuzie che vengono chiamate riacutizzazioni e che sono molto pericolose per il paziente che riporterà tosse, mancanza di respiro e respiro sibilante. – spiega Francesco Blasi – Il paziente sentirà nel torace fischi e gemiti che lo metteranno sicuramente in allarme per mancanza di respiro. La riacutizzazione può indurre la necessità di essere ricoverati in ospedali e può indurre anche alla morte. Quindi la prevenzione è fondamentale».

Come è possibile attuare una buona prevenzione?

«Intanto nel soggetto allergico il primo punto è evitare l’esposizione all’allergene, secondo aspetto non trascurabile è l’aderenza alla terapia. Fondamentale è conoscere e avere la gestione della propria malattia concordata con il medico per assumere i farmaci prescritti.  Il terzo punto importante sono le vaccinazioni, infatti le infezioni virali sono un punto importante di riacutizzazione grave nel paziente asmatico. L’asma in passato era considerata una potenziale controindicazione alla vaccinazione, cosa che è stata invece smentita dai dati della letteratura, anzi il vaccino antinfluenzale è una delle misure più importanti nel paziente asmatico che andrebbe vaccinato per l’influenza perché il virus influenzale è causa di riacutizzazioni gravi che inducono ad ospedalizzazione del paziente asmatico con una prognosi assolutamente negativa. Quindi in sintesi è fondamentale l’aderenza alla terapia, la gestione della malattia e le vaccinazioni, da evitare è l’esposizione allergenica».

A livello di farmaci, addio alle tradizionali terapie con broncodilatatori a breve durata d’azione (Saba) che consentono un sollievo temporaneo, per lasciare spazio alle nuove linee guida secondo cui è necessario un’azione antinfiammatoria a più lunga durata. «Sono appena uscite le nuove linee guida Gina che hanno cambiato l’atteggiamento gestionale della terapia dell’asma, in particolare non raccomandando più il trattamento con i soli SABA (broncodilatatori beta 2-agonisti a breve durata), ma piuttosto una combinazione di corticosteroide inalatorio (ICS) + beta2-agonista a lunga durata d’azione (LABA) formoterolo. Quando insorge l’attacco d’asma lo stimolo infiammatorio non è controllato per cui, oltre al broncodilatatore, è necessario somministrare l’antinfiammatorio. Una terapia farmacologica così formulata consente di ridurre gli attacchi gravi ed è raccomandata sia negli adulti che negli adolescenti. Per quel 5 per cento di asmatici gravi ci sono poi a disposizione nuovi farmaci, cosiddetti biologici, che agiscono a diversi livelli della cascata infiammatoria tipica dell’asma bronchiale e che consentono un ottimo controllo di quello che è il numero di riacutizzazioni, un miglioramento della funzione respiratoria e soprattutto un grosso risparmio nell’uso dello steroide orale gravato da un ottima efficienza, ma certamente gravato da affetti collaterali che possono essere presenti nel paziente asmatico».

Articoli correlati
Vaccino antinfluenzale, in Lombardia prime dosi per pazienti fragili ma le farmacie sono a secco
Mandelli (Fofi): «Problema denunciato al Ministero, a noi solo le briciole in un momento in cui è fondamentale vaccinarsi»
di Federica Bosco
Indagine Doxa: 60% degli italiani non farà il vaccino contro l’influenza
Nel sondaggio Doxa oltre la metà degli italiani dice no al vaccino per l'influenza. Ma tra gli over 55 la percentuale di chi dice sì arriva al 60%
Torna ASMA ZERO WEEK: dal 12 al 16 ottobre visite di controllo gratuite in oltre 40 Centri specializzati
Sono circa 300 milioni le persone nel mondo chiamate a convivere con l’asma, 1 ogni 20. In Europa circa 30 milioni di bambini e adulti di età inferiore ai 45 anni soffrono di questa impattante malattia infiammatoria cronica delle vie aeree. Dispnea, sensazione di costrizione toracica, tosse e broncospasmo sono i sintomi principali che richiedono […]
Vaccini, Rostan (IV): «Farmacisti e medici di famiglia determinanti, se governo chiede proroga emergenza dica sì al Mes»
«Farmacisti e medici di famiglia siano sostenuti da Governo e regioni in modo da assicurare loro le migliori condizioni possibili per svolgere questa delicatissima campagna» afferma la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Vaccino antinfluenzale, Gimbe: «Raccomandato per tutti, ma per 2 persone su 3 nessuna disponibilità in farmacia»
L’analisi della Fondazione Gimbe sul vaccino antinfluenzale dimostra che nella maggior parte delle regioni non ci sono scorte adeguate a soddisfare la domanda. Alcune non possono garantire il 75% di copertura alle categorie a rischio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare