Contributi e Opinioni 6 Maggio 2020 16:13

Vitamina D e lockdown, rischio epidemia di osteoporosi?

di Johann Rossi Mason Giornalista medico scientifico

di di Johann Rossi Mason Giornalista medico scientifico

Il sole è salute per l’umore e non solo. Il segreto è nella vitamina D, un ormone per la verità che ha moltissime funzioni la più nota delle quali è la salute ossea.

Succede infatti che solo il 20% della vitamina D sia assunta tramite il cibo. Il restante 80% viene sintetizzata dall’azione del sole sulla pelle. L’eccesso viene poi accumulato per i mesi invernali.

Sta di fatto che esiste un paradosso, chiamato ‘scandinavo’ o ‘mediterraneo’. Proprio nei paesi che godono di un maggiore irraggiamento solare come l’Italia, la popolazione mostra livelli insufficienti, che sono invece alti nel Nord Europa dove è stata adottata una organica politica di fortificazione degli alimenti.

In questi due mesi di lockdown mondiale che alle nostre latitudini hanno coinciso con la primavera, l’isolamento domestico ha diminuito, se non azzerato l’esposizione al sole di tutte le fasce d’età.

LEGGI ANCHE: COVID-19, FASE 2. L’ESPERTO: «ECCO I CIBI PER REINTEGRARE LA VITAMINA D DOPO LA QUARANTENA»

Ecco cosa ci racconta il Professor Andrea Giustina, Presidente della Società Europea di Endocrinologia e del GIOSEG: “La carenza di vitamina D è purtroppo molto diffusa in Italia. Questa è la combinazione di più’ fattori. Il progressivo cambiamento dello stile di vita ci ha portato a trascorrere molto più tempo al chiuso non esponendo la pelle ai raggi solari che contribuiscono fisiologicamente all’80% del nostro fabbisogno di questo ormone. Il confinamento e l’estremizzazione del nostro cambiamento di stile di vita sta portando alla mancata produzione di vitamina D da parte di tutti, e non solo di quella quota di popolazione anziana che esce normalmente poco di casa. La mancanza di vitamina D espone le donne in menopausa a rischio di osteoporosi anche nel lungo termine”.

LEGGI ANCHE: OSTEOPOROSI E VITAMINA D: DONNE PIÙ FRAGILI PER COLPA DELLA MENOPAUSA

Ma prosegue: “La mancanza di vitamina D può anche avere effetti “extrascheletrici” con riduzione delle difese immunitarie e minore capacità di rispondere alle infezioni. Eppure, in Italia non vi sono indicazioni delle autorità ad assumere vitamina D in questo periodo di confinamento. È ragionevole consigliare a chi era già’ in trattamento con vitamina D o aveva già una diagnosi di ipovitaminosi D di continuare con il trattamento e considerare, dietro parere medico, la somministrazione di vitamina D agli anziani che accentuano il loro confinamento in casa o sono istituzionalizzati. Anche le donne in menopausa ed altre categorie a rischio di ipovitaminosi D come i pazienti in terapia con cortisone andrebbero attenzionati da questo punto di vista”.

A complicare ulteriormente la questione alcuni articoli che hanno ipotizzato come livelli adeguati di D possano proteggere dall’infezione da Covid-19.

La dottoressa Sarah Breuler, nutrizionista inglese ha affermato che “è vero che la vitamina D è necessaria per la produzione di anticorpi ma al momento non ci sono prove che riduca il rischio di contagio”.

Anche se le persone con livelli di vitamina D inferiori a 10 nanogr/ml hanno una maggiore incidenza (del 55 in più) di infezioni respiratorie, tubercolosi e asma, rispetto a quelli con livelli nella norma (30 ng/ml).

Resta il fatto che i soggetti con insufficienti livelli o carenze siano in aumento. Il che ha portato le autorità sanitarie inglesi a raccomandare una integrazione di 10 ng al giorno.

Eppure, la correlazione tra la maggiore mortalità nella popolazione anziana e la cronica carenza da vitamina D proprio in questo gruppo ha fatto sorgere un sospetto in un gruppo di ricercatori del Queen Elizabeth Hospital.

I ricercatori hanno analizzato la letteratura sanitaria, estrapolato i dati sui livelli medi di vitamina D tra i cittadini di 20 paesi europei e li hanno confrontati con le cifre relative dei decessi da Covid-19 in ciascun paese.

L’analisi statistica ha confermato una correlazione convincente tra i due elementi: popolazioni con livelli inferiori di ormone presentavano anche più decessi.

Che sia chiaro, non rende immuni alle infezioni ma aumenta le possibilità di rimanere in salute.

In Italia alcune società scientifiche come il GIOSEG sottolineano come “il mantenimento di livelli adeguati sia fondamentale nei soggetti carenti e in particolare quelli in terapia con farmaci per l’osteoporosi. L’integrazione infatti migliora l’efficacia dei farmaci e riduce la mortalità”.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Covid, nuovo report GIMBE: «+64,8% di contagi e +46,1% di morti in una settimana». Ma i numeri assoluti restano bassi
Il monitoraggio della fondazione GIMBE, nella settimana 21-27 luglio, rileva un ulteriore aumento dei nuovi casi e degli indicatori ospedalieri
Il contagio da Sars-CoV-2 è malattia o infortunio? ANIA: «Il Covid-19 non è coperto dalle polizze private»
Interpellata da Sanità Informazione, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici spiega perché le assicurazioni private considerano il contagio da Covid-19 malattia e non infortunio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva