Salute 13 Luglio 2020 16:00

Emofilia, Schmitt (CSL Behring): «Necessario approccio olistico per poter essere partner del SSN»

Macchia (Managing Director di Rarelab): «Necessario il superamento dell’impostazione “a silos” per raggiungere un percorso di cura e di alleanza più ampio per dare risposte al paziente»

Emofilia, Schmitt (CSL Behring): «Necessario approccio olistico per poter essere partner del SSN»

Nel mondo delle malattie rare, l’azienda farmaceutica non è più un mero fornitore di farmaci ma diventa un partner per il Servizio Sanitario Nazionale.

Il Rapporto dell’Osservatorio Malattie RareIl valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia” ha analizzato l’applicazione del concetto di Value Based Health – l’assistenza fondata sul valore che considera il beneficio reale percepito del paziente – alle malattie rare prendendo in esame l’impegno di CSL Behring.

«Questo approccio – spiega Francesco Macchia, Managing Director Rarelab – implica un concetto di superamento dell’impostazione “a silos” per raggiungere un percorso di cura e di alleanza più ampio in cui tutti gli attori devono muoversi congiuntamente per dare delle risposte al paziente. Siamo partiti dall’emofilia come primo caso studio – aggiunge – e abbiamo riscontrato che la CSL Behring ha supportato il settore non solo con l’innovazione farmacologica e terapeutica ma anche con l’assistenza diretta e continua ai malati. Questo approccio a 360 gradi è stato realizzato sia continuando a studiare il farmaco anche dopo l’immissione sul mercato per adattarlo alle nuove necessità sia attraverso lo sviluppo di conoscenze e la divulgazione di informazioni».

«Un’azienda come la nostra – sottolinea l’Amministratore delegato dell’azienda farmaceutica CSL Behring Italia Oliver Schmitt a Sanità Informazione – deve avere necessariamente un approccio olistico per poter essere un partner del sistema salute, vista la sua complessità».

Un’assistenza completa per individuare e soddisfare le esigenze dei malati rari, che spesso restano disattese: «Questa visione – precisa Oliver Schmitt – deve essere integrata nelle strategie aziendali in tutti i momenti della vita del farmaco: è importante impostare uno studio clinico partendo dall’ascolto dei fabbisogni dei pazienti e non solamente della scienza pura. Quando poi il farmaco è disponibile sul mercato, l’azienda continua il dialogo attivo con tutti gli attori del sistema».

Un rapporto stretto di collaborazione tra pazienti, associazioni di pazienti, aziende farmaceutiche e istituzioni, per garantire un sistema di presa in carico globale: «Un modello il cui valore della cura stessa passa attraverso l’ascolto e la esigenze di tutti gli stakeholder del settore» evidenzia Oliver Schmitt.

«C’è stato un aumento dell’impegno a implementare servizi in epoca Covid – prosegue Francesco Macchia -. Tutti quelli che erano gli strumenti messi a disposizione del paziente in sede sono stati trasformati in strumenti a distanza per adattarsi a nuove necessità». Durante i mesi di lockdown, CSL Behring Italia ha attivato programmi specifici per garantire la continuità terapeutica e supportare medici e pazienti: «Grazie all’aiuto di medici e farmacisti ospedalieri siamo riusciti a effettuare la consegna dei medicinali per l’emofilia prima all’ospedale e poi a organizzare il trasporto, seguendo precise modalità, fino a casa del paziente. L’obiettivo era quello di limitare gli accessi in ospedale per evitare il rischio di contagio. Inoltre con il supporto dell’infermiere specialistico, abbiamo garantito ai pazienti un servizio di assistenza domiciliare con l’infusione del prodotto emofilico sottocute direttamente a casa, in tutta sicurezza».

Un impegno costante, quello di CSL Behring, che continua anche attraverso la ricerca di terapie innovative per il trattamento di pazienti con emofilia: «Per l’emofilia A,  le soluzioni farmaceutiche di natura ricombinante hanno sicuramente migliorato tanto la qualità di vita dei malati; nell’ambito dell’emofilia B,i cosiddetti long-acting products ne hanno facilitato molto la fruizione. Infine – conclude – con gli ultimi studi si va anche verso la terapia genica, in cui si tenta non solo di sostituire il fattore che manca per motivi ereditari ma di curare la malattia».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come assistere una persona portatrice di catetere vescicale a domicilio
Il cateterismo vescicale consiste nell’introduzione di un tubicino in vescica che permette il deflusso delle urine all’esterno
di Dott. Enrico Pinton
Onconnext, Boldrini: «Dieci punti fil rouge di una presa in carico multidisciplinare sul territorio»
“Onconnext” è il documento condiviso dalle principali associazioni dei pazienti con tumore al seno presentato alla Camera dei Deputati. Contiene dieci proposte concrete per rinnovare i percorsi di diagnosi e cura rafforzando l’integrazione tra ospedale e territorio
Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?
È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari
Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...