Salute 9 Luglio 2020 15:00

Emofilia: che cos’è, i sintomi, le terapie e tutti i numeri. Intervista all’esperta

La responsabile del Centro Emofilia di Cesena: «Non abbiamo ancora una cura definitiva. Le novità più interessanti arrivano dalle terapie che determinano un equilibrio coagulativo e possono essere somministrate a livello sottocutaneo»

L’emofilia è una malattia genetica rara provocata da un difetto nella coagulazione del sangue. La malattia colpisce soprattutto gli uomini, mentre le donne possono essere portatrici sane. Si distinguono due forme di emofilia: la A, più frequente – 80% dei pazienti – in cui manca il fattore della coagulazione VIII, e la B, in cui manca il fattore IX. Sullo stato dell’arte di questa complessa patologia, abbiamo intervistato la dottoressa Chiara Biasoli, responsabile del Centro Emofilia, AOU di Cesena.

I DATI

«Secondo gli ultimi dati del 2017 – spiega la dottoressa Biasoli – in Italia sono circa diecimila i pazienti affetti da malattie emorragiche congenite: di questi, circa 4mila sono affetti da emofilia A e circa mille da emofilia B. L’incidenza – prosegue la dottoressa – uguale in tutto il mondo, è di uno ogni diecimila nati per la A e uno su 30mila per la B». I numeri sembrano bassi, ma c’è da ricordare che si tratta di pazienti complessi «per cui i centri che se ne occupano devono lavorare sulla presa in carico globale».

I SINTOMI

I sintomi sono gli stessi per le due forme di emofilia e consistono in emorragie più o meno gravi a seguito di traumi, ferite, operazioni chirurgiche oppure emorragie spontanee. «A seconda della gravità – aggiunge la dottoressa – hanno delle manifestazioni emorragiche più o meno intense e la caratteristica principale è che le emorragie avvengono a livello articolare».

LE PRINCIPALI OPPORTUNITÀ TERAPEUTICHE

«Non abbiamo purtroppo ancora una terapia che risolva definitivamente la carenza di cui sono affetti i pazienti emofilici ma esistono terapie sostitutive che sopperiscono alla mancanza. Una delle caratteristiche principali – sottolinea l’esperta – è che la proteina carente deve essere infusa solo per via endovenosa e questo crea delle problematiche. Le terapie innovative si stanno orientando, per ora, oltre alla terapia genica che riuscirebbe a correggere il difetto genetico, a prolungare il timing del trattamento. Le novità più interessanti per le cure sono le terapie che agiscono determinando un equilibrio coagulativo e hanno la fortuna di poter essere somministrate a livello sottocutaneo con grandi benefici per adulti e bambini».

I DATI “REAL WORLD”  

Per gli studi clinici sull’emofilia, altri aspetti importanti da implementare sono la raccolta dei dati “real word” sull’esperienza “real life” e i registri dei pazienti emofilici: «Per quanto riguarda le malattie complesse come le malattie rare, è importante avere i dati dei registri, perché sono pochi casi, ogni paziente è molto simile a sé stesso e ognuno di loro presenta peculiarità. Per questo – evidenzia la dottoressa Biasoli – più abbiamo i dati di registro e più possiamo fare confronti e studi non solo epidemiologici ma anche clinici. Il registro da cui trarre dati clinici confrontabili e paragonabili, pur nella diversità del paziente, può essere la cosa più utile che possiamo avere» conclude la dottoressa.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Chiaramonte: «Noi malati di Porpora Trombotica Trombocitopenica. Invisibili tra gli invisibili»
«Fermarci ad ascoltare chi soffre. Stabilire una relazione diretta con i malati. Accendere i riflettori su questa piccola comunità di persone. Ecco le nostre richieste». Così Massimo Chiaramonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Porpora Trombotica Trombocitopenica Onlus a Sanità Informazione
Arrivano le zecche, attenzione alla malattia di Lyme
Inverno mite e primavera con temperature elevate hanno contribuito alla diffusione delle zecche. L’area più colpita è l’Europa centrale, dove si segnala un 20,7% di infezioni, a seguire l’Asia orientale con il 15,9% e l’Europa occidentale con il 13,5%. Antonella D’Arminio Monforte, direttore della struttura complessa di malattie infettive Santi Paolo e Carlo Milano spiega come affrontarle e le possibili conseguenze
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali