Salute 6 Dicembre 2019

Emofilia, successo per prima terapia genica. La responsabile dello studio: «Sufficiente una trasfusione ogni 3 anni e mezzo»

«Si tratta di una tecnica estremamente delicata e complessa – ha spiegato la professoressa Flora Peyvandi – ed è la prima volta che si impiega in Italia per curare l’emofilia. Il primo paziente trattato, a quattro settimane di distanza dall’infusione, si trova in buone condizioni di salute»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Si è conclusa la prima terapia genica sperimentale in Italia per trattare un paziente affetto da emofilia A grave. Il trattamento, avviato ad inizio novembre presso il Policlinico di Milano, dopo quattro settimane sta dando riscontri positivi, tanto da permettere al paziente di condurre una vita normale. Se fino ad oggi un paziente emofilico doveva effettuare infusioni regolarmente, anche tre volte alla settimana per tutta la vita, questa nuova terapia gli permetterà di evitare per diversi anni le infusioni e di avere una coagulazione del sangue uguale a quella di chiunque altro.

Questo risultato rappresenta quindi una nuova frontiera per la cura dell’emofilia, che è un difetto ereditario dovuto alla carenza di una delle proteine coinvolte nella coagulazione, (fattore VIII per l’emofilia A e IX per l’emofilia B). Le infusioni erano la condizione indispensabile per ripristinare i fattori VIII e IX ed evitare danni alle articolazioni e frequenti emorragie che possono essere generate da sanguinamenti spontanei o indotti da banali episodi. Con la terapia genica invece si utilizza una tecnica che sfrutta dei virus inattivati (ovvero resi innocui) come trasportatori di DNA, per andare a ‘correggere’ un difetto genetico, inserendo nel paziente il DNA corretto, ripristinando così la funzionalità dei fattori VIII e IX.

«Si tratta di una tecnica estremamente delicata e complessa, già impiegata per trattare pochissime altre patologie – ha spiegato la professoressa Flora Peyvandi, direttore Medicina Generale Emostasi e Trombosi del Policlinico di Milano, professore ordinario di Medicina Interna all’Università degli Studi di Milano e responsabile dello studio clinico – ma questa è la prima volta che è stata impiegata in Italia per curare l’emofilia. Il primo paziente trattato, a quattro settimane di distanza dall’infusione, si trova in buone condizioni di salute e sta conducendo una vita regolare, senza alcun problema. Lo staff del Centro Emofilia Angelo Bianchi Bonomi, in collaborazione con diverse Unità Operative del Policlinico, ha partecipato all’organizzazione di tutte le fasi della procedura ed ora monitora il paziente con una frequenza settimanale».

LEGGI ANCHE: EMOFILIA, PAZIENTI IN CAMMINO CON IL PROGETTO DESTINAZIONE SANTIAGO. L’INTERVISTA ALLA PRESIDENTE AICE, ELENA SANTIAGO

Professoressa Peyvandi, ad un mese dalla terapia si ritiene che il risultato conseguito sia sicuro o potrebbero esserci delle ricadute?

«I dati di questo trial hanno dimostrato una durata di 3 anni. Per quanto riguarda la possibile tossicità a lunga durata, bisogna dire che in un altro trial clinico, condotto dal Professor Nathwani presso l’UCL di Londra con lo stesso tipo di vettore adenoassociato in pazienti con emofilia B (carenza di FIX), a distanza di 8 anni non si è verificato nessun problema serio. Il parametro da tenere sotto controllo è la geno tossicità, cioè capire se avviene l’integrazione genica pur utilizzando un vettore adenoassociato e se questa integrazione può attivare qualche oncogene. Di nuovo, sottolineo che i dati raccolti finora sono ottimi e studi ulteriori saranno in grado di fornire più conferme. Il metodo per verificare l’eventuale integrazione genomica è l’esecuzione di una biopsia epatica. Già due pazienti negli USA hanno eseguito la biopsia, ma i dati non sono ancora disponibili».

Quali potrebbero essere gli effetti collaterali a lungo termine?

«L’effetto collaterale più frequente e transitorio conosciuto è l’epatotossicità, probabilmente per la reazione del sistema immunitario del paziente che reagisce contro il vettore. Un problema risolvibile con terapia immunosoppressiva, usando il cortisone per un breve periodo di tempo».

Alla luce di questi risultati cosa cambia per il trattamento dell’emofilia?

«Cambia veramente tanto nella vita del paziente. Con questa nuova terapia sembra sia possibile trattare il paziente con una sola iniezione endovenosa nell’arco di almeno 3,5 anni e naturalmente speriamo che possa durare anche molto più a lungo. Bisogna considerare che con le terapie attuali sono necessarie 2, 3 iniezioni endovenose di FVIII oppure iniezioni sottocutanee di farmaci non sostitutivi una volta alla settimana. Inoltre, con la nuova terapia, l’espressione di FVIII rimante costante e non ha alti e bassi; in questo modo il paziente è molto più sicuro nello svolgimento delle sue diverse attività».

Quali sono i costi di questa terapia per la sanità e per il paziente?

«Ancora non si sa. Ovviamente i costi devono essere accettabili e inferiori a quelli statunitensi, e permettere ai pazienti di beneficiare dei risultati ottenuti. Comunque, è facile calcolare i costi. Basta conoscere il costo dei farmaci attuali e il consumo annuale e il calcolo è fatto, ma attenzione perché questi valori sono molto diversi in diversi Paesi e nelle diverse parti del mondo sulla base dei costi variabili per Unità di Fattore VIII».

Articoli correlati
Emofilia: Csl Behring mette a disposizione servizio per consegna a domicilio dei farmaci
La pandemia di Covid-19 ha messo in evidenza l’esigenza di servizi sul territorio, non solo per i soggetti Covid positivi ma per tutti quelli considerati ‘fragili’ a causa di una condizione patologica preesistente. «Oggi CSL Behring ha deciso di rinnovare ‘sine die’ – per i pazienti emofilici trattati con i suoi prodotti – un servizio […]
Emofilia, Schmitt (CSL Behring): «Necessario approccio olistico per poter essere partner del SSN»
Macchia (Managing Director di Rarelab): «Necessario il superamento dell’impostazione “a silos” per raggiungere un percorso di cura e di alleanza più ampio per dare risposte al paziente»
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Emofilia: che cos’è, i sintomi, le terapie e tutti i numeri. Intervista all’esperta
La responsabile del Centro Emofilia di Cesena: «Non abbiamo ancora una cura definitiva. Le novità più interessanti arrivano dalle terapie che determinano un equilibrio coagulativo e possono essere somministrate a livello sottocutaneo»
Emofilia, un nuovo modello di sanità nel Rapporto di OMAR
Nel Rapporto “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia”, le problematiche legate alla patologia e il ruolo chiave della Value Based Health Care (VBHC)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...