Salute 2 Febbraio 2024 12:09

Nuova terapia genica efficace contro l’angioedema ereditario. Il genetista Novelli: “Una possibile cura definitiva”

Una nuova terapia genica può essere risolutiva contro una rara malattia genetica chiamata angioedema ereditario. Nove paziente su 10 su cui è stata recentemente testata sembrano essere guarite, almeno stando a quanto riportato dal primo studio di questo tipo pubblicato sulla rivista The New England Journal of Medicine

Nuova terapia genica efficace contro l’angioedema ereditario. Il genetista Novelli: “Una possibile cura definitiva”

Una nuova terapia genica può essere risolutiva contro una rara malattia genetica chiamata angioedema ereditario. Nove paziente su 10 su cui è stata recentemente testata sembrano essere guarite, almeno stando a quanto riportato dal primo studio di questo tipo pubblicato sulla rivista The New England Journal of Medicine. “Questi primi risultati sono entusiasmanti perché forniscono la cura definitiva dalla malattia e apre le prospettive anche per il trattamento di altre malattie genetiche“, commenta a Sanità Informazione Giuseppe Novelli, genetista dell’Università Tor Vergata di Roma.

La terapia genica punta a curare una malattia potenzialmente letale

L’angioedema ereditario è una malattia rara che causa reazioni infiammatorie potenzialmente letali. Chi ne soffre ha episodi improvvisi di gonfiore dei tessuti che colpiscono diverse parti del corpo, come viso o gola, proprio come se fosse una reazione allergica. L’angioedema ereditario è causato da mutazioni in un gene che codifica per una proteina chiamata inibitore C1, che normalmente è coinvolta nell’attenuazione dell’infiammazione, parte della risposta immunitaria. Le persone affette da questa condizione possono avere improvvisi episodi di accumulo di liquidi sotto la pelle più volte al mese, che sono dolorosi e possono soffocarli se la gola si blocca. Gli attacchi possono essere scatenati da virus, cambiamenti dei livelli ormonali o stress.

La nuova terapia genica è stata somministrata a 10 pazienti

I farmaci esistenti che possono invertire gli attacchi funzionano bloccando una diversa molecola coinvolta nell’infiammazione, chiamata callicreina, prodotta dal fegato. Le persone possono nascere senza alcuna capacità di produrre callicreina senza effetti negativi, il che suggerisce che bloccarla permanentemente tramite la terapia genica sarebbe sicuro. La nuova terapia consiste nell’editing genetico, che consente di effettuare un “taglio” nel gene della callicreina. Il trattamento è stato somministrato a una persona nel Regno Unito e ad altre nove in Nuova Zelanda e nei Paesi Bassi. La caratteristica insolita di questo trattamento è che viene somministrata direttamente ai pazienti, un metodo talvolta chiamato somministrazione “in vivo”. “Questo approccio blocca il gene KLKB1, che produce la callicreina plasmatica, e quindi indirettamente non consente l’attivazione della bradichinina”, spiega Novelli.

Registrata una riduzione media degli attacchi del 95%

“Questo importante studio clinico di fase I, sebbene effettuato un piccolo numero di pazienti, fornisce per la prima volta al mondo una terapia genica innovativa con il metodo dell’editing genetico, come già accaduto per l’anemia falciforme“, commenta Novelli. “Lo studio ha rilevato che il gruppo di 10 pazienti ha sperimentato una riduzione media degli attacchi del 95% dopo aver ricevuto il trattamento e non sono stati osservato eventi avversi gravi. Tuttavia, è necessario estendere il trattamento – continua – ad un numero più grande di soggetti e soprattutto osservarli per un lungo periodo. Infatti, gli autori hanno programmato di osservarli per almeno 15 anni e attendere quindi le fasi II e III dello studio. E’ necessario inoltre valutare meglio le eventuali mutazioni definite off-targets, ovvero quelli dovuti ad errori nella correzione genetica, che al momento sembrano assenti anche negli studi pre-clinici effettuati dai ricercatori”.

Novelli: “I farmaci ad RNA e l’editing genetico sono promettenti per la cura delle malattie”

“Questo studio conferma la straordinaria capacità delle nuove tecnologie di farmaci ad RNA e dell’editing genetico per la cura delle malattie”, evidenzia il genetista. “Si stanno sviluppando altre terapie basate su Crispr, scoperto nel 2012 da Jennifer Doudna ed Emmanuelle Charpentier, che hanno vinto un premio Nobel per il loro lavoro . A novembre, il Regno Unito – continua – è diventato il primo Paese ad approvare un trattamento basato su Crispr, mirato all’anemia falciforme e alla beta talassemia. A dicembre, la Food and Drug Administration statunitense ha approvato due terapie geniche per il trattamento di pazienti affetti da anemia falciforme“.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Al Bambino Gesù terapia CAR-T sui primi 3 pazienti con malattie autoimmuni
Due ragazze italiane e 1 bambino ucraino di 12 anni, fuggito dalla guerra, sono i primi pazienti pediatrici affetti da gravi patologie autoimmuni ad essere stati trattati con cellule CAR-T capaci di mandare in remissione la loro malattia. Il trattamento è stato eseguito all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma
di V.A.
Nel Regno Unito autorizzata la prima terapia genica basata sulla Crispr
Il Regno Unito ha approvato la prima terapia genica basata sulla Crispr, la tecnica che consente l'editing genetico del Dna, che nel 2020 si è aggiudicata il Premio Nobel per la Chimica 2020. Si tratta di una cura per due malattie genetiche del sangue, l'anemia falciforme e la beta-talassemia
Anemia falciforme, nuova terapia genica sicura ed efficace
Buone aspettative da una nuova terapia genica sperimentale contro l'anemia falciforme, malattia genetica del sangue, dolorosa e debilitante, contro la quale esistono poche terapie approvate
Ricerca, è italiana la terapia genica che dà speranze ai bambini farfalla
Hassan, affetto da epidermolisi bollosa, a sei anni viene sottoposto ad una terapia genica messa a punto dal Professor Michele De Luca del centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” Unimore di Modena. Nel 2017 inizia il follow up, cinque anni dopo, per il centro di eccellenza emiliano è pronta una nuova sfida che partirà nei primi mesi del 2022
Terapia genica oculare, recuperano la vista dieci bambini ipovedenti
Trattati con successo al Policlinico Vanvitelli di Napoli. Ecco i risultati ottenuti grazie alla prima terapia genica per distrofie retiniche ereditarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...