Salute 29 Agosto 2019

Emofilia, pazienti in cammino con il progetto Destinazione Santiago. L’intervista alla presidente AICE, Elena Santiago

Registro nazionale, accordo Mec e deficit nell’assistenza sul territorio, sono i temi affrontati con la Presidente Associazione Italiana Centri Emofilia (AICE), Elena Santiago affrontati in occasione della Giornata mondiale dell’emofilia. La malattia rara, che affligge circa 5 mila persone in Italia, è al centro del progetto Destinazione Santiago

Immagine articolo

Vivere l’emofilia senza sentirla un ostacolo, si tratta di un lungo cammino quello pensato da Destinazione Santiago: il progetto, al via dal 2 settembre, ideato per consentire a un gruppo di persone che convivono con questa malattia di percorrere il celebre percorso battuto ogni anno da oltre 200 mila persone. Un modo anche per sfruttare i benefici offerti dall’attività fisica e dal contatto con la natura come opportunità di riflessione su sé stessi. I camminatori partiranno da Sarria in Galizia e percorreranno 20 km al giorno per 6 giorni, lungo percorsi caratterizzati da diversi gradi di difficoltà, accompagnati da un ortopedico, un’ematologa e una fisioterapista.

In Italia sono più di 5 mila le persone con emofilia. In concomitanza con la Giornata mondiale dell’emofilia, celebrata lo scorso aprile, abbiamo intervistato Elena Santagostino, Presidente Associazione Italiana Centri Emofilia (AICE) che ci ha raccontato lo stato dell’arte riguardo all’assistenza dei pazienti.

Esiste un Registro nazionale delle coagulopatie congenite emorragiche, di cosa si tratta?
«Si tratta di un registro fondamentale perché ci dà i dati epidemiologici di queste malattie emorragiche ereditarie in Italia. È un registro che è alimentato dai dati dei centri emofilia, che vengono raccolti attraverso uno strumento che è messo a disposizione dall’Associazione italiana centri emofilia. Uno strumento informatico che consente la raccolta dati, di trattamento dei pazienti e clinici. Questi dati poi vanno a convergere e alimentare un registro che è presso l’Istituto Superiore di Sanità. Questo schema di raccolta dati era già presente in Italia da tempo, naturalmente adesso si va via via formalizzando, perché la normativa stessa richiede un’organizzazione di questo tipo e addirittura adesso si rendono necessari registri di questo tipo anche a livello sovranazionale, a livello europeo. In particolar modo per le malattie rare come l’emofilia».

Una buona notizia è l’accordo Mec, di cosa si tratta?
«Riguarda sostanzialmente l’organizzazione dell’assistenza sul territorio per queste malattie emorragiche congenite. Quindi come dovrebbero essere organizzati i centri specialistici, ma anche come dovrebbe essere organizzata l’assistenza negli ospedali, nelle strutture ambulatoriali, nei pronto soccorso e in generale sul territorio. Siccome l’emofilia è una malattia rara ma è anche una malattia cronica, non ancora curabile, perché di emofilia non si guarisce, è necessaria un’assistenza per tutta la vita. Si tratta di un’assistenza multidisciplinare che quindi richiede un’organizzazione specifica. Questo accordo è stato sottoscritto dalla Conferenza Stato-Regioni già nel 2013, purtroppo nel 2019 ancora non siamo corroborati da tante buone notizie che ci devono arrivare da ciascuna regione d’Italia per poterlo vedere attuato. Alcune regioni lo hanno recepito, cioè lo hanno ricevuto e però non lo hanno ancora attuato. Sono poche quelle che lo hanno attuato a pieno. Per cui lo sforzo dell’associazione italiana centri emofilia e della Federazione delle associazioni dei pazienti emofilici, è quello di “andare a bussare” alla porta delle varie regioni e chiedere l’attuazione. Chiedere ovviamente la messa a disposizione delle risorse che servono per attuarlo e lo sforzo in termini di politica sanitaria per organizzare l’assistenza di queste malattie nella maniera più adeguata. Per di più comporta anche un risparmio, perché se curati bene il Sistema sanitario nazionale risparmia».

LEGGI: GIORNATA MONDIALE EMOFILIA, MANCA ATTUAZIONE ACCORDO MEC. L’APPELLO ALLE REGIONI: «GARANTITE LA QUALITÀ DEI SERVIZI»

Quali sono i deficit al momento? Negli ospedali, nei centri emofilia cosa manca al paziente?
«Dipende naturalmente dalle varie Regioni e dai vari centri, però noi in generale soffriamo di carenza di personale. Non solo personale medico, ma anche infermieri. Questa malattia richiede un’assistenza multidisciplinare: fisioterapisti esperti, ortopedici esperti; perché colpisce vari aspetti della salute e quindi richiede un approccio di diverse specialità mediche e anche chirurgiche. Quello che manca ancora è il recepimento di un’organizzazione dell’assistenza sanitaria sul territorio che faccia sì che il paziente possa trovare vicino casa un’assistenza di base e via via sul territorio anche servizi di alta specialità che per le malattie rare ovviamente non sono presenti ad ogni angolo di strada, però devono essere organizzati in modo che il paziente sappia dove potersi rivolgere per esempio per il counseling genetico oppure per una chirurgia ortopedica complessa oppure semplicemente per farsi aiutare nel trattamento endovena che è un trattamento che deve fare tutte le settimane e alcuni di questi pazienti magari hanno bisogno di assistenza infermieristica».

Articoli correlati
Emofilia, successo per prima terapia genica. La responsabile dello studio: «Sufficiente una trasfusione ogni 3 anni e mezzo»
«Si tratta di una tecnica estremamente delicata e complessa - ha spiegato la professoressa Flora Peyvandi - ed è la prima volta che si impiega in Italia per curare l’emofilia. Il primo paziente trattato, a quattro settimane di distanza dall’infusione, si trova in buone condizioni di salute»
di Federica Bosco
«Più amici medici ho, più mi sento sereno». Fabio De Luigi racconta la sua esperienza con la malattia
Durante la serata di premiazione del concorso letterario “A fianco del coraggio” abbiamo avuto l’occasione di chiedere all’attore e comico Fabio De Luigi il suo rapporto con la figura del medico
“A fianco del coraggio”, Roche premia le storie dei bambini affetti da emofilia
Un premio letterario che quest’anno è stato dedicato ai minori affetti da emofilia. Vincitore della terza edizione è Alessandro Marchello: «Un’emozione grande»
Giornata Mondiale Emofilia, manca attuazione accordo Mec. L’appello alle Regioni: «Garantite la qualità dei servizi»
«La mancata attuazione dell’Accordo sulla Mec, ossia il percorso di assistenza sanitaria ai pazienti affetti da Malattie Emorragiche Congentite, causa difficoltà nell’accesso alle cure per i pazienti – spiega Cristina Cassone, presidente FedEmo - riduce gli standard di assistenza, rendendo di fatto meno efficiente la programmazione sanitaria con una conseguente carenza di servizi e prestazioni adeguate»
Emofilia, premiato il progetto dedicato alla robotica dell’associazione ACEP di Torino
È l’associazione piemontese Coagulopatici ed Emofilici Piemontesi Massimo Chesta onlus (ACEP) di Torino ad aggiudicarsi uno dei premi messi in palio all’interno del contest nazionale dedicato all’emofilia A.B.L.E. – A Better Life with Emofilia, realizzato da Bayer, con il progetto Ben-Essere: Un Robot Per Amico. «Il ricavato di questo premio sarà destinato all’acquisto di un gioco innovativo, che coinvolge adulti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.350 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.878 mentre i morti sono 2.705. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...