Salute 29 Agosto 2019

Emofilia, pazienti in cammino con il progetto Destinazione Santiago. L’intervista alla presidente AICE, Elena Santiago

Registro nazionale, accordo Mec e deficit nell’assistenza sul territorio, sono i temi affrontati con la Presidente Associazione Italiana Centri Emofilia (AICE), Elena Santiago affrontati in occasione della Giornata mondiale dell’emofilia. La malattia rara, che affligge circa 5 mila persone in Italia, è al centro del progetto Destinazione Santiago

Immagine articolo

Vivere l’emofilia senza sentirla un ostacolo, si tratta di un lungo cammino quello pensato da Destinazione Santiago: il progetto, al via dal 2 settembre, ideato per consentire a un gruppo di persone che convivono con questa malattia di percorrere il celebre percorso battuto ogni anno da oltre 200 mila persone. Un modo anche per sfruttare i benefici offerti dall’attività fisica e dal contatto con la natura come opportunità di riflessione su sé stessi. I camminatori partiranno da Sarria in Galizia e percorreranno 20 km al giorno per 6 giorni, lungo percorsi caratterizzati da diversi gradi di difficoltà, accompagnati da un ortopedico, un’ematologa e una fisioterapista.

In Italia sono più di 5 mila le persone con emofilia. In concomitanza con la Giornata mondiale dell’emofilia, celebrata lo scorso aprile, abbiamo intervistato Elena Santagostino, Presidente Associazione Italiana Centri Emofilia (AICE) che ci ha raccontato lo stato dell’arte riguardo all’assistenza dei pazienti.

Esiste un Registro nazionale delle coagulopatie congenite emorragiche, di cosa si tratta?
«Si tratta di un registro fondamentale perché ci dà i dati epidemiologici di queste malattie emorragiche ereditarie in Italia. È un registro che è alimentato dai dati dei centri emofilia, che vengono raccolti attraverso uno strumento che è messo a disposizione dall’Associazione italiana centri emofilia. Uno strumento informatico che consente la raccolta dati, di trattamento dei pazienti e clinici. Questi dati poi vanno a convergere e alimentare un registro che è presso l’Istituto Superiore di Sanità. Questo schema di raccolta dati era già presente in Italia da tempo, naturalmente adesso si va via via formalizzando, perché la normativa stessa richiede un’organizzazione di questo tipo e addirittura adesso si rendono necessari registri di questo tipo anche a livello sovranazionale, a livello europeo. In particolar modo per le malattie rare come l’emofilia».

Una buona notizia è l’accordo Mec, di cosa si tratta?
«Riguarda sostanzialmente l’organizzazione dell’assistenza sul territorio per queste malattie emorragiche congenite. Quindi come dovrebbero essere organizzati i centri specialistici, ma anche come dovrebbe essere organizzata l’assistenza negli ospedali, nelle strutture ambulatoriali, nei pronto soccorso e in generale sul territorio. Siccome l’emofilia è una malattia rara ma è anche una malattia cronica, non ancora curabile, perché di emofilia non si guarisce, è necessaria un’assistenza per tutta la vita. Si tratta di un’assistenza multidisciplinare che quindi richiede un’organizzazione specifica. Questo accordo è stato sottoscritto dalla Conferenza Stato-Regioni già nel 2013, purtroppo nel 2019 ancora non siamo corroborati da tante buone notizie che ci devono arrivare da ciascuna regione d’Italia per poterlo vedere attuato. Alcune regioni lo hanno recepito, cioè lo hanno ricevuto e però non lo hanno ancora attuato. Sono poche quelle che lo hanno attuato a pieno. Per cui lo sforzo dell’associazione italiana centri emofilia e della Federazione delle associazioni dei pazienti emofilici, è quello di “andare a bussare” alla porta delle varie regioni e chiedere l’attuazione. Chiedere ovviamente la messa a disposizione delle risorse che servono per attuarlo e lo sforzo in termini di politica sanitaria per organizzare l’assistenza di queste malattie nella maniera più adeguata. Per di più comporta anche un risparmio, perché se curati bene il Sistema sanitario nazionale risparmia».

LEGGI: GIORNATA MONDIALE EMOFILIA, MANCA ATTUAZIONE ACCORDO MEC. L’APPELLO ALLE REGIONI: «GARANTITE LA QUALITÀ DEI SERVIZI»

Quali sono i deficit al momento? Negli ospedali, nei centri emofilia cosa manca al paziente?
«Dipende naturalmente dalle varie Regioni e dai vari centri, però noi in generale soffriamo di carenza di personale. Non solo personale medico, ma anche infermieri. Questa malattia richiede un’assistenza multidisciplinare: fisioterapisti esperti, ortopedici esperti; perché colpisce vari aspetti della salute e quindi richiede un approccio di diverse specialità mediche e anche chirurgiche. Quello che manca ancora è il recepimento di un’organizzazione dell’assistenza sanitaria sul territorio che faccia sì che il paziente possa trovare vicino casa un’assistenza di base e via via sul territorio anche servizi di alta specialità che per le malattie rare ovviamente non sono presenti ad ogni angolo di strada, però devono essere organizzati in modo che il paziente sappia dove potersi rivolgere per esempio per il counseling genetico oppure per una chirurgia ortopedica complessa oppure semplicemente per farsi aiutare nel trattamento endovena che è un trattamento che deve fare tutte le settimane e alcuni di questi pazienti magari hanno bisogno di assistenza infermieristica».

Articoli correlati
Emofilia: Csl Behring mette a disposizione servizio per consegna a domicilio dei farmaci
La pandemia di Covid-19 ha messo in evidenza l’esigenza di servizi sul territorio, non solo per i soggetti Covid positivi ma per tutti quelli considerati ‘fragili’ a causa di una condizione patologica preesistente. «Oggi CSL Behring ha deciso di rinnovare ‘sine die’ – per i pazienti emofilici trattati con i suoi prodotti – un servizio […]
Emofilia, Schmitt (CSL Behring): «Necessario approccio olistico per poter essere partner del SSN»
Macchia (Managing Director di Rarelab): «Necessario il superamento dell’impostazione “a silos” per raggiungere un percorso di cura e di alleanza più ampio per dare risposte al paziente»
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Emofilia: che cos’è, i sintomi, le terapie e tutti i numeri. Intervista all’esperta
La responsabile del Centro Emofilia di Cesena: «Non abbiamo ancora una cura definitiva. Le novità più interessanti arrivano dalle terapie che determinano un equilibrio coagulativo e possono essere somministrate a livello sottocutaneo»
Emofilia, un nuovo modello di sanità nel Rapporto di OMAR
Nel Rapporto “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia”, le problematiche legate alla patologia e il ruolo chiave della Value Based Health Care (VBHC)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...