Salute 13 giugno 2018

Corruzione in Sanità, Macchia (Ispe Sanità): «Lanciamo i LEA, Livelli essenziali anticorruzione, per difendere il Servizio sanitario»

Il decalogo si rivolge alle strutture sanitarie e prevede misure a costo zero che vanno dal whistleblowing alla creazione di una rete di responsabili per la prevenzione della corruzione. Competenza, integrità, merito, governance e rete le parole chiave

Immagine articolo

Dai LEA intesi come Livelli essenziali di assistenza ai LEA intesi come Livelli essenziali anticorruzione. È la proposta che arriva dal Presidente di Ispe-Sanità Francesco Macchia che ha raccolto le proposte in un decalogo di standard minimi, realizzato in collaborazione con @Spazioetico, rivolto alle strutture sanitarie per poter raggiungere determinati obiettivi anticorruzione. Tra i punti fondamentali del documento, che si prefigge di superare l’idea che l’anticorruzione sia solo un sistema ispettivo da subire, l’implementazione di reti di responsabili per la prevenzione della corruzione e trasparenza, la valorizzazione della trasparenza, l’istituzione di un ufficio di comunicazione permanente, la costruzione di una leadership etica. Un impegno a costo zero per le Regioni che Macchia rilancia con forza: «A 5 anni dalla legge 190 abbiamo assistito ad un impegno straordinario della PA italiana nella prevenzione di corruzione e illegalità – ha spiegato il Presidente Ispe Sanità -. Se si vuole che questa spinta  non si trasformi in meri adempimenti burocratici con la conseguenza di disinnescare l’efficacia di quelle stesse indicazioni, si deve promuovere un approccio di sistema che punti ad un significativo cambio di passo culturale».

Presidente, parliamo di etica e sostenibilità del Servizio sanitario nazionale, però al netto della corruzione.

«Siamo qui per lanciare un nuovo modello di anticorruzione, l’abbiamo definita un’anticorruzione possibile basata su tutta una serie di parametri e di valori riassunti in cinque parole chiave: competenza, integrità, merito, governance e rete. Queste dovranno essere le parole chiave per trasformare quello che è un impianto tendenzialmente burocratico della normativa attuale anticorruzione in una possibilità di sviluppo per il nostro sistema sanitario del futuro».

Il governo si è insediato, il Parlamento comincia a pieno regime. Anche per la maggioranza, negli annunci della vigilia, la lotta alla corruzione e la garanzia di risorse per la sanità sono un elemento centrale…

«Assolutamente sì, questo ci fa piacere, noi abbiamo avuto modo di lavorare con il Ministro della Salute Giulia Grillo quando ancora non era ministro ma semplice parlamentare, quindi ci aspettiamo davvero molto da questa nuova direzione del ministero. Nella sua prima uscita ufficiale ha posto il merito al centro del suo mandato: non potremmo essere più d’accordo. Noi crediamo che il merito sia la parola chiave per il rilancio del nostro Sistema sanitario e stiamo lavorando con i giovani medici per portare al tavolo una proposta specifica su questo tema».

LEGGI ANCHE: CONVEGNO INGEGNERI CLINICI, LA LECTIO DI CANTONE: «CORRUZIONE È ATTACCO A SSN». LEOGRANDE (AIIC) LANCIA NOVE PUNTI PER SICUREZZA E GOVERNO TECNOLOGIE

Articoli correlati
Corruzione in sanità, Cantone (Anac): «Sunshine Act va in corretta direzione». M5S: «Sostegno a importanza iniziativa»
I portavoce M5S della commissione Affari sociali della Camera: «Prevenzione della corruzione e diritto alla trasparenza nel sistema sanitario italiano nei rapporti tra aziende e operatori della salute sono il cuore della Proposta di legge a prima firma Massimo Enrico Baroni»
LEA, lotta agli sprechi, diseguaglianze, parla la Presidente della Commissione Affari Sociali Lorefice (M5S): «Ridare centralità a SSN»
«Basta tagli lineari alla sanità», sottolinea l’esponente Cinque Stelle che annuncia impegno sulle aggressioni ai medici: «Solidarietà a operatori aggrediti, tema sarà priorità»
Collegare un camice bianco alla corruzione è inaccettabile e ingiusto
di Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao-Assomed
di Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao-Assomed
Congresso SMI, Onotri riconfermata Segretario: «Declino sanità per privatizzazioni, tagli e decentramento»
A Napoli l'assise del Sindacato Medici Italiani aperto dal saluto del Ministro della Salute Giulia Grillo. Affondo contro la corruzione: «Ogni singolo atto corruttivo è un attacco al nostro SSN. Tutti i medici devono essere chiamati a sostenere il merito nella Sanità e a denunciare eventuali episodi che squalificano la categoria»
Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»
«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore del Movimento Cinque Stelle Pierpaolo Sileri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila