Salute 13 Giugno 2018

Corruzione in Sanità, Macchia (Ispe Sanità): «Lanciamo i LEA, Livelli essenziali anticorruzione, per difendere il Servizio sanitario»

Il decalogo si rivolge alle strutture sanitarie e prevede misure a costo zero che vanno dal whistleblowing alla creazione di una rete di responsabili per la prevenzione della corruzione. Competenza, integrità, merito, governance e rete le parole chiave

Immagine articolo

Dai LEA intesi come Livelli essenziali di assistenza ai LEA intesi come Livelli essenziali anticorruzione. È la proposta che arriva dal Presidente di Ispe-Sanità Francesco Macchia che ha raccolto le proposte in un decalogo di standard minimi, realizzato in collaborazione con @Spazioetico, rivolto alle strutture sanitarie per poter raggiungere determinati obiettivi anticorruzione. Tra i punti fondamentali del documento, che si prefigge di superare l’idea che l’anticorruzione sia solo un sistema ispettivo da subire, l’implementazione di reti di responsabili per la prevenzione della corruzione e trasparenza, la valorizzazione della trasparenza, l’istituzione di un ufficio di comunicazione permanente, la costruzione di una leadership etica. Un impegno a costo zero per le Regioni che Macchia rilancia con forza: «A 5 anni dalla legge 190 abbiamo assistito ad un impegno straordinario della PA italiana nella prevenzione di corruzione e illegalità – ha spiegato il Presidente Ispe Sanità -. Se si vuole che questa spinta  non si trasformi in meri adempimenti burocratici con la conseguenza di disinnescare l’efficacia di quelle stesse indicazioni, si deve promuovere un approccio di sistema che punti ad un significativo cambio di passo culturale».

Presidente, parliamo di etica e sostenibilità del Servizio sanitario nazionale, però al netto della corruzione.

«Siamo qui per lanciare un nuovo modello di anticorruzione, l’abbiamo definita un’anticorruzione possibile basata su tutta una serie di parametri e di valori riassunti in cinque parole chiave: competenza, integrità, merito, governance e rete. Queste dovranno essere le parole chiave per trasformare quello che è un impianto tendenzialmente burocratico della normativa attuale anticorruzione in una possibilità di sviluppo per il nostro sistema sanitario del futuro».

Il governo si è insediato, il Parlamento comincia a pieno regime. Anche per la maggioranza, negli annunci della vigilia, la lotta alla corruzione e la garanzia di risorse per la sanità sono un elemento centrale…

«Assolutamente sì, questo ci fa piacere, noi abbiamo avuto modo di lavorare con il Ministro della Salute Giulia Grillo quando ancora non era ministro ma semplice parlamentare, quindi ci aspettiamo davvero molto da questa nuova direzione del ministero. Nella sua prima uscita ufficiale ha posto il merito al centro del suo mandato: non potremmo essere più d’accordo. Noi crediamo che il merito sia la parola chiave per il rilancio del nostro Sistema sanitario e stiamo lavorando con i giovani medici per portare al tavolo una proposta specifica su questo tema».

LEGGI ANCHE: CONVEGNO INGEGNERI CLINICI, LA LECTIO DI CANTONE: «CORRUZIONE È ATTACCO A SSN». LEOGRANDE (AIIC) LANCIA NOVE PUNTI PER SICUREZZA E GOVERNO TECNOLOGIE

Articoli correlati
Corruzione in sanità, Macchia (ISPE): «Eccessiva vicinanza della politica è problema europeo»
A Roma l’incontro “L’Integrità nella Sanità che cambia: responsabilità, assicurazioni e nomine” in cui si è discusso di come contrastare la corruzione nel mondo della Sanità
Corruzione in sanità, le ricette di Raffaele Cantone (Anac) e Nicola Morra (Antimafia) per combatterla
Al Senato convegno organizzato dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri sulla corruzione in sanità, che costa ogni anno tra i 5 e i 7 miliardi. Per il presidente della Commissione Antimafia bisogna «mettere in capo ai Dg la responsabilità anticorruzione», mentre il capo dell'Autorità Anticorruzione plaude al Sunshine act: «Affronta il problema nel modo giusto»
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Sanità Lazio, finisce il commissariamento. D’Amato: «Ora spesa sotto controllo e LEA migliorati»
Commissariata dal luglio 2008, la sanità del Lazio tornerà ad una “gestione ordinaria” dal 31 dicembre 2018. L’assessore alla Sanità Alessio D'Amato: «Ecco le tre strategie per evitare di commettere gli stessi errori: trasparenza, centralizzazione degli acquisti e prevenzione degli illeciti»
di Isabella Faggiano
Sanità. La ricetta anti-corruzione di Carlo Cottarelli: «La colpa è dei ‘sette peccati capitali’. Dosare nel modo giusto prevenzione e repressione»
«Troppa burocrazia e corruzione i mali che colpiscono questo settore» sottolinea l'economista secondo cui «è necessario migliorare tutta la gestione della pubblica amministrazione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...