Salute 10 maggio 2018

Convegno ingegneri clinici, la lectio di Cantone: «Corruzione è attacco a Ssn». Leogrande (AIIC) lancia nove punti per sicurezza e governo tecnologie

Il Presidente ANAC sottolinea: «Sanità pervasa da problemi di corruzione e da pesanti infiltrazioni della criminalità organizzata. Ma il dato di 60 mld è una bufala». Al Ministro Lorenzin il premio per il Buon governo delle tecnologie in Sanità

Immagine articolo

Un manifesto in nove punti che espone le priorità degli ingegneri clinici sui temi della sicurezza dei pazienti e di un equilibrato governo delle tecnologie nel Sistema sanitario nazionale. È stato lanciato oggi dal Presidente dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici Lorenzo Leogrande durante il 18esimo Convegno nazionale AIIC dal titolo “La salute di domani, le tecnologie di oggi” al Palazzo dei Congressi di Roma.

Il Convegno è stato aperto dal Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone che durante la lectio magistralis dal titolo “trasparenza e onestà come valori fondamentali della sanità di oggi e di domani” ha lanciato un monito sull’intreccio tra corruzione e sanità: «Il settore della sanità ha una enorme disponibilità di denaro e per questo è inevitabilmente obiettivo di chi non vive in onestà e trasparenza. E la corruzione è il primo e più profondo attacco all’esistenza stessa del nostro Servizio Sanitario Nazionale». Cantone ha sottolineato che «abbiamo molti elementi che giustificano l’affermazione che la sanità è pervasa da problemi di corruzione e da pesanti infiltrazioni della criminalità organizzata, visto che dove ci sono soldi e dove si gestiscono i rapporti con i cittadini, si gestisce il consenso. Le organizzazioni criminali hanno bisogno proprio del consenso: mafie, camorra, ‘ndrangheta hanno bisogno che le popolazioni riconoscano la loro forza e la sanità è uno dei territori su cui si costruiscono questo riconoscimento». Tuttavia, Cantone ha sottolineato che le stime che circolano sulla corruzione in sanità non sono veritiere: «Bisogna fare una battaglia contro le fake news anche in questo campo. Contesto il valore scientifico sui dati della corruzione in Italia. Basti pensare all’ipotetico impatto di 60 miliardi: è una assoluta bufala, una leggenda metropolitana, frutto di un equivoco che ha dato origine a una notizia rivestita da ufficialità».

LEGGI ANCHE: L’AIIC LANCIA “HEALTH TECHNOLOGY CHALLENGE”, IL PREMIO PER LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE

Per Cantone «non sempre il settore della sanità è all’altezza di sfide tecnologiche che riguardano il mondo degli acquisti degli apparecchi avveniristici, questo fa sì che molto spesso non sempre sul piano della trasparenza i risultati sono corretti. In questo è evidente che l’amministrazione manca spesso di un know how sufficiente per fare gli appalti che porta ad uno squilibrio per paradosso dell’offerta rispetto alla domanda».

Tra i punti rilanciati dal Presidente AIIC Leogrande nel manifesto c’è quello di innalzare gli standard di sicurezza ed efficacia per i dispositivi medici e adeguarli alle normative europee, la presenza degli ingegneri clinici nelle aziende sanitarie per il controllo delle apparecchiature biomediche, modelli organizzativi differenziati per le diverse realtà sanitarie, l’individuazione di livelli essenziali delle prestazioni tecnologiche.

Alla tavola rotonda che ha aperto il convegno erano presenti Massimiliano Boggetti, (Presidente di Assobiomedica), Maria Chiara Carrozza (Presidente Gruppo Nazionale di Bioingegneria), Eugenio Guglielmelli (Prorettore alla Ricerca Università Campus Bio-Medico), Auslia M. Lucia Pulimeno (Vicepresidente FNOPI), Walter Ricciardi (Presidente Istituto Superiore di Sanità), Armando Zambrano (Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri). Al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin è stato assegnato il Premio AIIC per il Buon governo delle tecnologie in Sanità.

«Sicuramente l’ingegneria biomedica deve lavorare per sviluppare tecnologie che possano essere anche acquisibili da una grande massa di popolazione – ha spiegato l’ex ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza – Il low cost, che prima era legato alla tecnologia di basso livello, dev’essere applicato all’alta tecnologia che può consentirci di sviluppare device accessibili a un numero di persone più ampio. L’ingegneria biomedica si propone tra i suoi obiettivi scientifici quello di combattere contro le disuguaglianze delle tecnologie della salute».

Per Carrozza il tema della presenza degli ingegneri biomedici nelle aziende sanitarie è importante. «Noi crediamo che l’ingegnere biomedico sia una figura con le giuste competenze – ha spiegato Carrozza – Scegliere un elettrocardiografo o una macchina per la risonanza magnetica non è come scegliere un dispositivo di basso livello o per altre applicazioni. Nell’ospedale anche solo un carrello che deve distribuire i farmaci in modo automatico ha delle complessità in termini di sicurezza o di beneficio che non sono le stesse di un carrello che distribuisce cibo da un’altra parte. Quindi, quando tutto entra in un ambiente sanitario ha delle complessità che solo una persona adeguatamente formata anche nel campo delle scienze della vita può affrontare. Un esempio per tutti, le infezioni negli ospedali, che è uno dei problemi dei nostri ospedali italiani, molto importante e sempre più stringente, di cui nessuno parla. È chiaro che l’organizzazione ospedaliera richiede delle competenze che sappiano affrontare questo tema delle infezioni dentro gli ospedali in modo adeguato».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...