Salute 10 Maggio 2018 17:02

Convegno ingegneri clinici, la lectio di Cantone: «Corruzione è attacco a Ssn». Leogrande (AIIC) lancia nove punti per sicurezza e governo tecnologie

Il Presidente ANAC sottolinea: «Sanità pervasa da problemi di corruzione e da pesanti infiltrazioni della criminalità organizzata. Ma il dato di 60 mld è una bufala». Al Ministro Lorenzin il premio per il Buon governo delle tecnologie in Sanità

Convegno ingegneri clinici, la lectio di Cantone: «Corruzione è attacco a Ssn». Leogrande (AIIC) lancia nove punti per sicurezza e governo tecnologie

Un manifesto in nove punti che espone le priorità degli ingegneri clinici sui temi della sicurezza dei pazienti e di un equilibrato governo delle tecnologie nel Sistema sanitario nazionale. È stato lanciato oggi dal Presidente dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici Lorenzo Leogrande durante il 18esimo Convegno nazionale AIIC dal titolo “La salute di domani, le tecnologie di oggi” al Palazzo dei Congressi di Roma.

Il Convegno è stato aperto dal Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone che durante la lectio magistralis dal titolo “trasparenza e onestà come valori fondamentali della sanità di oggi e di domani” ha lanciato un monito sull’intreccio tra corruzione e sanità: «Il settore della sanità ha una enorme disponibilità di denaro e per questo è inevitabilmente obiettivo di chi non vive in onestà e trasparenza. E la corruzione è il primo e più profondo attacco all’esistenza stessa del nostro Servizio Sanitario Nazionale». Cantone ha sottolineato che «abbiamo molti elementi che giustificano l’affermazione che la sanità è pervasa da problemi di corruzione e da pesanti infiltrazioni della criminalità organizzata, visto che dove ci sono soldi e dove si gestiscono i rapporti con i cittadini, si gestisce il consenso. Le organizzazioni criminali hanno bisogno proprio del consenso: mafie, camorra, ‘ndrangheta hanno bisogno che le popolazioni riconoscano la loro forza e la sanità è uno dei territori su cui si costruiscono questo riconoscimento». Tuttavia, Cantone ha sottolineato che le stime che circolano sulla corruzione in sanità non sono veritiere: «Bisogna fare una battaglia contro le fake news anche in questo campo. Contesto il valore scientifico sui dati della corruzione in Italia. Basti pensare all’ipotetico impatto di 60 miliardi: è una assoluta bufala, una leggenda metropolitana, frutto di un equivoco che ha dato origine a una notizia rivestita da ufficialità».

LEGGI ANCHE: L’AIIC LANCIA “HEALTH TECHNOLOGY CHALLENGE”, IL PREMIO PER LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE

Per Cantone «non sempre il settore della sanità è all’altezza di sfide tecnologiche che riguardano il mondo degli acquisti degli apparecchi avveniristici, questo fa sì che molto spesso non sempre sul piano della trasparenza i risultati sono corretti. In questo è evidente che l’amministrazione manca spesso di un know how sufficiente per fare gli appalti che porta ad uno squilibrio per paradosso dell’offerta rispetto alla domanda».

Tra i punti rilanciati dal Presidente AIIC Leogrande nel manifesto c’è quello di innalzare gli standard di sicurezza ed efficacia per i dispositivi medici e adeguarli alle normative europee, la presenza degli ingegneri clinici nelle aziende sanitarie per il controllo delle apparecchiature biomediche, modelli organizzativi differenziati per le diverse realtà sanitarie, l’individuazione di livelli essenziali delle prestazioni tecnologiche.

Alla tavola rotonda che ha aperto il convegno erano presenti Massimiliano Boggetti, (Presidente di Assobiomedica), Maria Chiara Carrozza (Presidente Gruppo Nazionale di Bioingegneria), Eugenio Guglielmelli (Prorettore alla Ricerca Università Campus Bio-Medico), Auslia M. Lucia Pulimeno (Vicepresidente FNOPI), Walter Ricciardi (Presidente Istituto Superiore di Sanità), Armando Zambrano (Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri). Al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin è stato assegnato il Premio AIIC per il Buon governo delle tecnologie in Sanità.

«Sicuramente l’ingegneria biomedica deve lavorare per sviluppare tecnologie che possano essere anche acquisibili da una grande massa di popolazione – ha spiegato l’ex ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza – Il low cost, che prima era legato alla tecnologia di basso livello, dev’essere applicato all’alta tecnologia che può consentirci di sviluppare device accessibili a un numero di persone più ampio. L’ingegneria biomedica si propone tra i suoi obiettivi scientifici quello di combattere contro le disuguaglianze delle tecnologie della salute».

Per Carrozza il tema della presenza degli ingegneri biomedici nelle aziende sanitarie è importante. «Noi crediamo che l’ingegnere biomedico sia una figura con le giuste competenze – ha spiegato Carrozza – Scegliere un elettrocardiografo o una macchina per la risonanza magnetica non è come scegliere un dispositivo di basso livello o per altre applicazioni. Nell’ospedale anche solo un carrello che deve distribuire i farmaci in modo automatico ha delle complessità in termini di sicurezza o di beneficio che non sono le stesse di un carrello che distribuisce cibo da un’altra parte. Quindi, quando tutto entra in un ambiente sanitario ha delle complessità che solo una persona adeguatamente formata anche nel campo delle scienze della vita può affrontare. Un esempio per tutti, le infezioni negli ospedali, che è uno dei problemi dei nostri ospedali italiani, molto importante e sempre più stringente, di cui nessuno parla. È chiaro che l’organizzazione ospedaliera richiede delle competenze che sappiano affrontare questo tema delle infezioni dentro gli ospedali in modo adeguato».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale