Salute 3 Luglio 2020

Malattie rare nell’adulto, resta cruciale la formazione dei medici di base

Ecco come è andato il webinar promosso da European House Ambrosetti: molti i fronti di emergenza, il ritardo diagnostico è il problema n.1. Paola Binetti: «Misure specifiche nel Ddl Semplificazioni»

di Tommaso Caldarelli
Malattie rare nell’adulto, resta cruciale la formazione dei medici di base

Cosa vuol dire avere una malattia rara in età adulta? E quali sono le – molte – differenze nel processo diagnostico e di attenzione rispetto alle malattie rare nei più giovani? Sul tema si è concentrato il partecipato webinar promosso dalla Ambrosetti European House in collaborazione con l’Osservatorio Malattie Rare. Intorno al tavolo decisori della politica, amministratori ed esperti, oltre a rappresentanti dei pazienti, per fare il punto su una situazione che, dopo i giorni del coronavirus, si dimostra anche più pronunciata di quanto non fosse in precedenza. Nelle parole di Annalisa Scopinaro, presidente della Federazione delle associazioni di pazienti affetti da malattie rare, qualche dato interessante.

«Dai dati del 2019 osserviamo che esistono dalle 623 mila alle 687 mila persone che soffrono di malattie rare, un dato certamente sottostimato perché nell’adulto è più difficile la diagnosi. Il ritardo diagnostico – ha continuato Scopinaro – è certamente uno dei problemi principali che ci troviamo ad affrontare. Ma insieme vale la pena citare le problematiche relative ai codici di esenzione, discrepanze nel nomenclatore farmaceutico e mancanza di innovazione rispetto ai dispositivi di ausilio: quando sento parlare di “protesi” capisco che è proprio la mentalità ad essere indietro di almeno 50 anni, visto che oggi ci sono dispositivi che sono molto di più di una protesi».

LEGGI ANCHE IL 7% DELLE MALATTIE RARE SONO ENDOCRINO-METABOLICHE. DA AME UN NUOVO STRUMENTO FORMATIVO PER MIGLIORARE LA DIAGNOSI

Dopo i saluti di Paola Binetti, presidente dell’Integruppo parlamentare sulle malattie rare, e di Giovanni Leonardi, direttore generale ricerca e innovazione in sanità per il MS, la tavola rotonda è stata aperta da Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore di Omar. «Rarità è un termine che fa pensare ad un dato numerico – ha ricordato quest’ultima – ma noi dobbiamo ricordarci che la problematica è prima di tutto qualitativa. Molte malattie rare sono genetiche e noi di genetica abbiamo iniziato a capire qualcosa solo molto di recente. I malati rari hanno bisogno di aiuto clinico, è vero, ma prima di tutto di collettività e comunità, di un aiuto che definirei sociale. La condizione di cui parliamo comporta problemi di salute ma, connessi ad essi, problemi di natura economica. Molti di essi non possono lavorare, hanno bisogni abitativi o difficoltà di movimento; e in una società che invecchia, come la nostra, è sempre più probabile che i malati rari siano adulti».

Un ulteriore intervento sul tema è stato quello di Andrea Vaccari, presidente di Famy, associazione nazionale dei pazienti affetti da Amiloidosi: «Dover essere in dialisi per noi è il minore dei problemi. La nostra patologia si trasmette ai figli al 50% di probabilità e già questo non ci fa dormire, dobbiamo poi occuparci dei nostri figli. Ci sono pazienti amiloidotici che in 4-5 anni sono andati, quindi perdere sei mesi o un anno significa perdere del tempo cruciale». «Pensiamo ora», ha aggiunto Bartoli, «a quale può essere stato l’impatto del coronavirus su queste fasce di popolazione, se è vero che il Covid-19 è stato più violento verso gli anziani che verso i bambini».

LEGGI ANCHE CIANCALEONI BARTOLI (OMAR): «NECESSARIO TORNARE, ALMENO PARZIALMENTE, ALLA CENTRALIZZAZIONE DEL SSN»

Ha rincalzato Domenica Taruscio, direttrice del Centro nazionale delle Malattie Rare per l’Iss: «Gli ultimi dati a disposizione ci mostrano che un numero consistente di malattie rare dell’apparato polmonare ha un’insorgenza in avanzata età: la mediana è fissata a 70 anni. Altre le vediamo partire dopo i 71. I numeri non esauriscono il tema delle malattie rare ma rimangono imprescindibili: è allora importantissimo lavorare sulla formazione dei medici che è il vero nodo: la formazione oggi viene fatta ma non come si dovrebbe. Dobbiamo lavorare insieme ai medici di medicina generale aumentando la loro soglia di sospetto diagnostico per le malattie rare».

Sul punto, ampia condivisione anche nell’intervento di Annalisa Scopinaro: «Serve tempo al medico per ascoltare i pazienti, serve un clima di condivisione, bisogna individuare nella storia clinica quel marker che permette di individuare precocemente una malattia rara». Paola Binetti si è personalmente impegnata ad «inserire nel “Ddl Semplificazione” misure concrete per dare risposte a questi temi. Il ministro Speranza si attivi, i pazienti affetti da malattie rare hanno bisogno di un piano specifico per vivere e per sopravvivere».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Una vita all’ombra di un fratello “raro”. La storia di Alessandra
La giovane è una dei 20 ragazzi che hanno partecipato alla seconda edizione del Progetto Rare Sibling, realizzato dall’Osservatorio Malattie Rare: un’occasione che vede fratelli e sorelle di malati rari affrontare un percorso interiore alla scoperta di sé
di Isabella Faggiano
Giornata Mondiale Ipofosfatemia legata all’X (XLH): Omar pubblica libro con testimonianze di chi vive la patologia
La XLH rappresenta la più diffusa forma di rachitismo di origine genetica: una patologia cronica, altamente invalidante, che provoca malformazioni e gravi problematiche osteo-articolari
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Emofilia, un nuovo modello di sanità nel Rapporto di OMAR
Nel Rapporto “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia”, le problematiche legate alla patologia e il ruolo chiave della Value Based Health Care (VBHC)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli