Salute 13 Ottobre 2020

«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona

Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»

«Ho voluto scrivere una sorta di libretto di istruzioni per capire in profondità la sfida che il Covid ha lanciato al nostro Ssn. Come affrontare la nuova ondata? Con prevenzione, socio-sanità e implementazione della medicina che ha subito tagli negli ultimi anni». Con queste parole il giornalista Riccardo Iacona spiega ai nostri microfoni cosa lo ha spinto a scrivere il libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”, in cui ripercorre la cronaca dei mesi più difficili dell’emergenza Covid a partire dal 21 febbraio, giorno in cui è stato ricoverato il primo paziente italiano. Un libro che potrebbe essere utile anche a chi non crede a quel che sta succedendo e al grido di “non vogliamo una dittatura sanitaria” protesta in piazza perché contrario all’uso delle mascherine o ai provvedimenti restrittivi previsti dal governo. Di loro Iacona pensa che «esiste una fetta di Italia che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante».

Lei ha scritto un libro che parla del Covid e del lavoro degli operatori sanitari durante l’emergenza. Perché ha sentito il bisogno di scriverlo?

«Ho scritto un libro soprattutto per cercare di capire cosa è successo, quali sono stati gli errori commessi tra fine febbraio e aprile, in modo tale da provare a non ripeterli più. L’ho chiamato “Mai più eroi in corsia” perché volevo smontare l’immaginario in cui siamo stati quelli che, a mani nude, sono riusciti a contenere il problema. No, non siamo riusciti a contenere benissimo la situazione e ora dobbiamo stare molto attenti a quel che succederà nelle prossime settimane. In sostanza, questo libro è una sorta di libretto di istruzioni per capire in profondità qual è la natura della sfida che il coronavirus ha lanciato al Servizio sanitario nazionale. Posso concentrare il succo in tre parole: prevenzione, socio-sanità e implementazione di tutta quella medicina “negletta” che ha subito tagli negli ultimi anni e che è l’unica arma che abbiamo per contenere l’epidemia sul territorio. Ad oggi, i servizi sanitari regionali sono già sotto stress e stanno per arrivare settimane durissime. Questa risposta va data subito, perché è vero che noi dobbiamo essere bravi e indossare le mascherine ma dobbiamo anche avere dei servizi sanitari regionali che, di fronte all’aumento dei casi, siano in grado di fare tamponi, tracciare i positivi, assistere a livello domiciliare e isolare. Per fare questo ci vogliono uomini, non lo si può fare online. Ci vogliono soldi che vanno impiegati subito. Già vediamo regioni in difficoltà. Anche il tema dei tamponi è un argomento critico, visto che le risposte arrivano dopo giorni. Ecco, se facciamo così poi rischiamo che la situazione vada fuori controllo. Rischiamo di rivivere quel che è successo il 21 febbraio quando è arrivato il primo paziente, Mattia, all’ospedale di Codogno, e improvvisamente abbiamo scoperto che la base del contagio era già talmente grande che era impossibile fare qualsiasi tracciamento epidemiologico. Abbiamo già dovuto chiudere il Paese. Non vogliamo chiuderlo più».

Contemporaneamente alla manifestazione della Cgil, che lei ha moderato, in un’altra piazza di Roma hanno manifestato i “negazionisti”. A queste persone lei consiglierebbe di leggere il suo libro per capire meglio la situazione in cui siamo?

«Lo consiglierei certamente. Ma il punto è che quelle persone vanno avanti per partito preso. C’è un certo atteggiamento condiviso da tanti movimenti che si uniscono: ci sono, ad esempio, gli anti-vaccinisti e le frange di estrema destra che parlano di “dittatura sanitaria”. Insomma, c’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera direi abbastanza orripilante. Di sicuro non sono un esempio da seguire: sono persone che stanno mettendo a rischio la salute pubblica».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Terapie intensive Covid. Reverberi (logopedista): «Tra i nuovi pazienti diminuiscono i casi di disfagia»
I risultati della fase 2. La logopedista: «I pazienti con disfagia sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per bocca. Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi a causa del lockdown»
di Isabella Faggiano
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 647.674 (31.084 in più rispetto a ieri). 215.085 i […]
GIMBE: «Epidemia fuori controllo. Senza immediate chiusure locali, servirà un mese di lockdown nazionale»
L’ultimo monitoraggio rileva un aumento del 108% dei decessi e dell’89% dei nuovi casi. Sul fronte ospedaliero +5.501 ricoveri e +541 in terapia intensiva. Dati ed evidenze scientifiche dimostrano che le misure dei tre Dpcm sono insufficienti e tardive e che i valori di RT sottostimano ampiamente la velocità con cui si diffonde il virus
Covid-19 e lockdown, l’avvocato: «Serve un bilanciamento tra diritto alla salute e altri diritti fondamentali»
Intervista all’avvocato Elena Dragagna, collaboratrice del blog “Pillole di Ottimismo” curato dal virologo Guido Silvestri: «La Corte Costituzionale ha sottolineato esplicitamente che ci vuole un bilanciamento dei vari diritti. E anche la Corte Europea dei diritti dell’uomo ha sancito che la limitazione della libertà dev’essere l’extrema ratio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...