Mondo 13 Ottobre 2020 09:54

Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”

Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal

di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”

Sono leader «illiberali e populisti» che scherzano col fuoco quelli che, non rispettando le regole dei giorni dell’epidemia da coronavirus, di fatto «vedono gli scienziati come loro oppositori». Durissimo l’editoriale del British Medical Journal che, accanto alle notizie che arrivano dagli Stati Uniti, dove il presidente Donald Trump si è proclamato immune dal SARS–CoV–2 e ha ripreso quasi regolarmente le sue attività come se nulla fosse, pone gli esempi di altri capi di Stato che «rifiutano la scienza, sottovalutano la crisi da Covid-19 e provano a fabbricare buone notizie». Il BMJ cita Jair Bolsonaro, presidente del Brasile, Boris Johnson, primo ministro inglese, e Narendra Modi, capo di Stato dell’India.

L’INDIA

Di questi l’esempio meno noto alle cronache è probabilmente quello indiano, nonostante la più grande democrazia liberale del mondo si piazzi oggi al secondo posto nella classifica dei contagi. «Modi ha criticato i media per aver tenuto un atteggiamento troppo pessimistico riguardo l’epidemia nel Paese, mentre il Consiglio Indiano per la Ricerca Medica, nel tentativo di compiacerlo, ha affermato che il Paese avrebbe avuto il vaccino pronto per il 15 agosto, il giorno dell’indipendenza indiana», scrive Gregg Gonsalves, epidemiologo dell’università di Yale ed editorialista per questo intervento sul BMJ.

IL BRASILE E IL REGNO UNITO

Per il resto, come è forse più noto anche in Italia, «Jair Bolsonaro ha licenziato il suo ministro della Salute lo scorso aprile perché proponeva misure di distanziamento sociale», mentre Boris Johnson, che fra l’altro come Bolsonaro ha contratto il coronavirus, ha pienamente sostenuto «il suo principale consigliere, Dominic Cunnings, che ha ripetutamente infranto le norme del contenimento sociale, e ha chiesto ai giornalisti di non parlare più con il capo consulente scientifico Patrick Vallance e il responsabile medico generale, Chris Whitty».

SCIENZIATI COME NEMICI

Cosa accade? Perché questi leader negano sfrontatamente le evidenze scientifiche e fattuali? Il tema sarebbe politico: «Il filosofo Jason Stanley e lo storico Federico Finchelstein hanno sostenuto che la coerenza narrativa e il senso comune sono inutili con gli “uomini forti”. Per queste figure l’unica autorità è quella del leader. L’autorità razionale, la scienza, è vista come una sfida all’unica autorità che riconoscono, come un pericolo. Ecco che questi leader vedono allora gli scienziati come loro nemici».

L’editoriale del BMJ si chiude con una nota amara, come se gli autori lasciassero intendere che assai spesso non c’è molto altro da fare se non lasciare che il tempo scorra. «Il presidente del Sudafrica Thabo Mbeki aveva un simile atteggiamento di negazione nei confronti della scienza e si rifiutò di fornire farmaci antiretrovirali ai suoi cittadini, il che produsse oltre 350mila morti da AIDS. In ogni caso, dopo l’uscita di scena di Mbeki, il Sud Africa ha riavviato il suo programma di risposta all’AIDS e ha oggi il miglior programma di trattamento anti-HIV del mondo. Questa è esattamente la linea che possiamo seguire per ripristinare gli interventi di salute pubblica».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino del 12 agosto: Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il […]
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Varianti coronavirus, l’immunologo Abrignani: «Già al lavoro per nuovi vaccini»
Presentato il Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del virus Sars-CoV-2. Il direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare del Policlinico di Milano: «La sorveglianza epidemiologica continua dei genomi circolanti nel territorio è fondamentale»
di Federica Bosco
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19
Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»
di Tommaso Caldarelli
Variante inglese, i test rapidi possono riconoscerla?
Alcune domande al Professor Luigi Toma, Infettivologo dell'IFO Regina Elena di Roma, sulla cosiddetta “variante inglese” del SARS-CoV-2
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...