Salute 16 Settembre 2020

Scuola e Covid-19, Agostiniani (Sip): «Test rapidi e criteri più restrittivi per i tamponi per evitare il collasso del sistema»

Il vicepresidente della Società italiana di pediatria sul certificato medico per rientrare in classe: «Previsto solo dopo percorso Covid, non è obbligatorio per tutte le assenze»

Immagine articolo

Il nuovo anno scolastico ai tempi del Covid-19 è ufficialmente partito, carico di aspettative ma anche di preoccupazioni. Tante le questioni ancora aperte che continuano a tenere banco: dal certificato medico alla gestione dei casi sospetti, dai criteri per richiedere i tamponi fino ad arrivare ai test rapidi. Nell’intervista a Sanità Informazione Rino Agostiniani, vicepresidente della Società italiana di pediatria (Sip), ha tracciato proposte e soluzioni per ridurre i tempi e gestire al meglio le prossime settimane.

«RIENTRO A SCUOLA INDISPENSABILE»

«Intanto mettiamo un punto fermo: il rientro a scuola dei bambini era indispensabile. La mancanza dell’aspetto relazionale e del sistema educativo non poteva durare ancora a lungo perché avrebbe lasciato segni profondi sulle nuove generazioni. Per quanto riguarda i bambini non c’è un rischio di salute personale, perché si ammalano poco e di forme lievi, ma c’è un aumentato rischio di diffusione dell’epidemia che però si può contenere rispettando le regole. La scuola non è una realtà pericolosa, ce ne sono altre nella nostra quotidianità di vita in cui il rischio è più alto. Non sottovaluterei la capacità dei bambini di rispettare le indicazioni e comprendere quali siano le strategie più opportune da tenere: se gli si parla nel modo giusto sono molto attenti e prudenti e a volte riprendono anche gli adulti».

CASO SOSPETTO O ACCERTATO DI COVID-19: COSA DEVE FARE IL PEDIATRA?

«Nel caso di un bambino che presenta sintomi compatibili con un sospetto di infezione da Sars-CoV-2 la famiglia deve contattare il pediatra che in base ad una sua valutazione – triage telefonico o visita – decide se inserire o meno il bambino in un percorso di sospetto Covid: nel tal caso verrà effettuato un tampone e sulle modalità di effettuazione dell’esame ci sono differenze locali e regionali. In caso di positività, scatta il percorso ben definito di tracciamento dei contatti gestito dal dipartimento di prevenzione; in caso di negatività del tampone non appena il bambino sta bene il pediatra firma un’attestazione in cui dichiara che è stato seguito il percorso opportuno, di aver ricevuto l’esito del tampone e che il bambino può tornare a scuola».

L’OBBLIGO DEL CERTIFICATO MEDICO PER TORNARE A SCUOLA DOPO L’ASSENZA

Discorso più complesso per tutte quelle situazioni che non rientrano nel percorso Covid: cosa succede se un bambino si assenta da scuola per motivi familiari, per un malanno stagionale o per motivi di salute che, fortunatamente, esulano dal Covid? «In questo caso, noi pediatri non abbiamo un obbligo di legge di certificato – come gli anni scorsi – e tutte le regioni si stanno comportando in maniera diversa. L’Emilia-Romagna ha deciso che si può rientrare senza certificato, ma non tutte le regioni si stanno muovendo in questo senso. Se, ad esempio, il bambino ha avuto un’infezione delle vie urinarie, non c’era bisogno prima e non c’è bisogno adesso di un certificato per tornare a scuola se è in buone condizioni di salute. Basta motivare l’assenza come si è sempre fatto gli anni passati. Attualmente, non esiste un reale obbligo di certificazione per le assenze se non per quanto concerne il percorso Covid, come specificato dal documento dell’ISS».

I TEST RAPIDI

Secondo Agostiniani, la criticità è un’altra: «L’aumentare del numero di richieste di tamponi potrebbe saturare il sistema e allungare i tempi di rientro a scuola. Questo dipenderà dalla capacità organizzativa delle varie realtà. Un passaggio chiave gestionale sarà quello di poter utilizzare, mi auguro prima possibile, test rapidi per la ricerca dell’antigene, anche su saliva. Quest’ultimo dà una risposta in soli dieci minuti e rende anche più semplice la raccolta rispetto al tampone. Al momento mi sembra l’unica soluzione e via d’uscita, da attuare in tempi brevi: sono test da validare perché sembra non abbiano una sensibilità del 100% ma cambierebbero notevolmente la modalità di gestione».

CRITERI PIÙ RESTRITTIVI PER I TAMPONI

«I criteri dettati dall’ISS per inserire un bambino nel percorso Covid sono molto ampi; capisco che sia stato fatto per una maggiore ricerca e tracciabilità però, di fronte ad un rischio che io reputo concreto, di un numero eccessivo di tamponi che mandi in crisi il sistema può essere opportuno proporre criteri più restrittivi, restringere la cerchia ai soggetti che con più probabilità risulteranno positivi al tampone. I sintomi della malattia da Covid-19 sono sovrapponibili all’influenza, ma le forme gravi, di solito, presentano manifestazioni varie e più complesse. Non abbiamo ancora a disposizione test rapidi: adottare qualche criterio un po’ più restrittivo può essere una scelta di buon senso»

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
L’italiana Susanna Esposito, pediatra e infettivologa, scelta per due gruppi di lavoro Oms
Esposito è ordinaria di pediatria all'Università di Parma e presidente di Waidid, contro le malattie infettive. Selezionata da Oms per un gruppo dedicato alla scuola e uno alla sindrome infiammatoria multisistemica che colpisce alcuni bambini con Covid
Covid-19, l’infettivologo: «Virus non è più debole, non abbassare la guardia»
Con il professor Luigi Toma, iscritto della Cisl Medici Lazio e consulente infettivologo aziendale dell’Ifo di Roma, chiariamo come stiamo convivendo con il Covid-19 oggi e come sarà il domani. Di certo, ciò che non possiamo sapere è quanto durerà questo nuovo stile di vita che abbiamo intrapreso dalla fine di febbraio di quest’anno. Professore, […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente
I laboratori inglesi non riescono a tenere il passo. «Documenti trapelati rivelano un arretrato di 185.000 tamponi e test covid-19 inviati all'estero per l'elaborazione» rivela il Guardian
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Rientro a scuola in sicurezza, la formazione delle equipe anti Covid-19
Si è svolto questa mattina l’evento formativo dedicato alle equipe anti Covid-19 della Asl Roma 1. Il direttore Angelo Tanese: «Supportare le istituzioni scolastiche nella gestione di questa fase di ripartenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 settembre, sono 31.328.238 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 964.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto