Salute 31 Luglio 2023 08:24

Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria

Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia

Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria

Giocare in riva al mare a chi trova più conchiglie e sassolini colorati; contare le targhe delle automobili che cominciano con una specifica lettera; disegnare cornicette sul foglio di carta o scrivere parole sulla sabbia; tenere un diario e riempirlo di foto, scontrini, bigliettini e tanti ricordi dei bei giorni di vacanza. Sono alcune attività che in vacanza, sotto l’ombrellone o in montagna, mamma, papà e bimbi possono compiere insieme. A suggerirle è la Federazione dei Logopedisti Italiani (Fli), secondo la quale un divertente passatempo può avere un importante ruolo educazionale: preparare, specie i piccoli che escono dalla scuola dell’infanzia, all’ingresso alla “scuola dei grandi” dove arrivare con adeguati prerequisiti per sviluppare le abilità di letto-scrittura, numeriche e di calcolo può fare la differenza nell’apprendimento delle nozioni base e future.

E’ fondamentale preparare i bambini al passaggio dalla scuola dell’infanzia alla primaria

Queste giocose attività possono segnalare i piccoli che mostrano fragilità nel linguaggio, nel riconoscimento dei suoni o nel compiere un gesto grafico e su cui avviare interventi precoci che stimolino abilità non ancora raggiunte a questa età. Secondo gli ultimi dati del 2022, forniti dall’Ufficio di Statistica-Rilevazioni sulle scuole, circa 1.400 su poco meno di 1 milione e 400 mila bambini e bambine in età prescolare (lo 0,1%) hanno difficoltà a consolidare questi pre-requisiti, necessari al più rapido e migliore apprendimento, a causa di possibili disturbi del neuro-sviluppo, per immaturità o per ragioni di natura transitoria. Per questo la Fli vuole sensibilizzare all’importanza di maturare queste capacità nell’età d’oro prescolare, invitando questa estate a condividere sotto l’ombrellone tanti giochi in famiglia.

Prima della scuola riempire lo «zainetto» con abilità e consapevolezze

«Fin dal 2010 e successivamente nei decreti del MIUR del 2013, è stata sottolineata l’importanza di attivare percorsi di valutazione mirati e precoci per intercettare questi bambini», spiega Tiziana Rossetto, presidente della Fli. «Eppure, il Libro Bianco sulla gestione dei DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento), uscito nel 2022, segnala ancora fra le Regioni una disomogeneità enorme – continua – nell’avviare protocolli di prevenzione, spesso dovuta alla differente sensibilità di dirigenti scolastici ed insegnanti nel proporre iniziative ‘formative’ al miglior apprendimento. Studi legati alla psicologia del linguaggio e dell’apprendimento concordano invece sull’importanza di preparare i bambini e le bambine per le acquisizioni della letto-scrittura e delle abilità numeriche e di calcolo e sulla necessità di riempire il loro ‘zainetto’ con abilità e consapevolezze che favoriscono il passaggio dei piccoli dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria».

Nel periodo prescolare si sviluppano abilità e competenze importanti

«Studi recenti e le ultime linee guida sui DSA, redatte dall’Istituto Superiore di Sanità nel 2022, dimostrano che l’acquisizione dell’apprendimento delle prime strumentalità legate a queste abilità, si fondano su abilità e competenze maturate durante il periodo prescolare», sottolinea Rossetto. «Pertanto, nella Scuola d’Infanzia, durante l’ultimo anno, è fondamentale attivare un’osservazione sistematica dei piccoli: grazie a progetti di screening, è possibile identificare i bambini e le bambine con più difficoltà e supportarli nell’acquisizione di competenze non ancora raggiunte e utili per l’apprendimento», aggiunge.

L’approccio alla lettura, alla scrittura e al calcolo necessita di specifiche competenze

«Affinché queste abilità si sviluppino in maniera fluida – prosegue Ilaria Ceccarelli, docente di logopedia all’Università La Sapienza di Roma – un bambino che si approccia alla lettura, alla scrittura e alle abilità numeriche e di calcolo deve possedere una competenza fonetica-fonologica evoluta, cioè essere in grado di articolare correttamente i suoni del linguaggio, avere un buon vocabolario, saper raccontare e dialogare correttamente. Verso i cinque anni e mezzo il bambino deve poi maturare anche una consapevolezza metafonologica, cioè la capacità di “giocare con i suoni del linguaggio”: saper riconoscere se due parole sono uguali o diverse, se iniziano con lo stesso suono, di quante sillabe sono composte. Questa abilità di riflessione promuove lo sviluppo delle abilità di letto-scrittura».

Attività semplici e divertenti possono «allenare» i bambini in vacanza

«Inoltre, il bambino deve sapere controllare il tratto grafico, impugnando correttamente la matita, riproducendo elementi grafici, copiando semplici disegni», sottolinea Ceccarelli. «Non ultimo dovrebbe saper scrivere il suo nome e riconoscerne le lettere, conoscere numeri almeno entro la decina e fornire giudizi di grandezza con piccole quantità», aggiunge. «I genitori possono utilizzare i vari momenti di interazione con il proprio figlio o la propria figlia, in vacanza – dice Anna Giulia De Cagno, logopedista vicepresidente FLI – svolgendo attività semplici, divertenti, ma importanti da un punto di vista funzionale, come focalizzare l’attenzione del bambino sulla lunghezza delle parole, sul numero delle loro sillabe, sulla loro somiglianza (come cane e carota), o giocare in macchina con i colori e le targhe, contando quante sono bianche e quante blu, o ancora prendere confidenza con i numeri attraverso ricette. E, inconsapevolmente, si preparano, giocando, alle attività della scuola primaria».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita
Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...