Salute 9 Settembre 2020 09:00

Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi

Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte

Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi

Bambini e ragazzi che sono stati affetti dal coronavirus, a prescindere dai sintomi dell’infezione da Covid-19, possono risultare positivi al tampone nasofaringeo per periodi lunghissimi a causa delle cariche virali iniziali estremamente alte. È per questo che è importante conoscere le cariche virali nei soggetti positivi – ovvero la concentrazione del virus nell’organismo: perché questo può fare una grande differenza nella gestione della sanità pubblica. Abbiamo approfondito il tema con il professor Enzo Grossi, Direttore Sanitario di Villa Santa Maria, Centro Multiservizi di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza con sede a Tavernerio, in provincia di Como.

Professore, da cosa nasce l’interesse per le cariche virali nei soggetti positivi al coronavirus?

«Noi ci siamo interessati al tema delle cariche virali dopo che alcuni ricercatori in Francia, negli Stati Uniti ma anche in Cina, hanno messo in correlazione i valori della carica virale – cioè quante copie di RNA si possono contare nel campione – con la possibilità di coltivare il virus. Il test, infatti, in realtà, non definisce la presenza del virus ma quella di codici genetici, frammenti di virus che non è detto sia vitale. Dagli studi di laboratorio emerge che se la carica virale è sotto le 10.000 copie di RNA non si riesce mai a coltivare il virus. Questo vuol dire che, soprattutto i soggetti asintomatici con una carica virale bassa, possono essere positivi ma non contagiosi. E questo farebbe un’enorme differenza. E per questo che conoscere i valori di carica virale è un’informazione molto preziosa».

Cosa trattano i due studi che lei ha diretto e che sono stati pubblicati sul Journal of Infection?

«In un primo studio effettuato su una trentina di soggetti abbiamo visto che queste cariche virali oscillavano in maniera marcata nel tempo con la tendenza a ridursi nel tempo. La nostra ipotesi è che, quando la carica virale scende sotto una data soglia – che va stabilita – i soggetti vengono definiti positivi ma in realtà non sono più contagiosi e, probabilmente, non è necessario che siano isolati. Il secondo studio descrive un caso singolo: un bambino di dieci anni del nostro istituto è rimasto positivo per circa tre mesi, aveva all’inizio una carica virale altissima che è scesa piano piano e si è stabilizzata sugli stessi livelli per alcune settimane fino ad azzerarsi».

Quali sono le conclusioni a cui siete arrivati?

«Le conclusioni a cui arriviamo sono due: quando la carica virale si abbassa sotto una certa soglia il soggetto non è più infettivo e si può togliere dall’isolamento. Di conseguenza, sarebbe opportuno, quindi, che i laboratori nel definire un tampone positivo quantificassero la carica virale così come si fa con i comuni esami di laboratori. Questo permetterebbe di gestire meglio le cose a livello di sanità pubblica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Miopia in aumento tra i più piccoli, ma una lente speciale e un farmaco possono rallentarla
Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano, spiega come riconoscerla e quali rimedi adottare per limitare i danni
di Federica Bosco
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 febbraio: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
Staminali contro il Covid-19, parte la sperimentazione clinica in tutt’Italia
Con il via libera degli enti regolatori, l’approccio clinico basato sulle terapie cellulari può iniziare. Dominici: «Un confronto su cellule staminali prese da fonti diverse all’interno dello stesso studio clinico non è mai avvenuto al mondo. Ci aspettiamo di avere risultati per nuove terapie anti Covid-19»
Varianti coronavirus, l’immunologo Abrignani: «Già al lavoro per nuovi vaccini»
Presentato il Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del virus Sars-CoV-2. Il direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare del Policlinico di Milano: «La sorveglianza epidemiologica continua dei genomi circolanti nel territorio è fondamentale»
di Federica Bosco
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...