Salute 27 Maggio 2020

Nel Lazio 81 asintomatici positivi su 42mila test sierologici. De Lillo: «12mila persone potrebbero non sapere di essere contagiose»

Il medico di famiglia, già presidente facente funzioni di Agenas, commenta i dati della Regione: «Numeri di ricoverati tra i più alti d’Italia e percentuale di guariti più bassa. Servono più tamponi»

Nel Lazio da oggi tutti i cittadini potranno richiedere il test sierologico presso le strutture sanitarie che hanno aderito. A partire è l’ospedale San Giovanni Addolorata, che consente di fare il test per l’analisi degli anticorpi a 15,23 euro, seguito a stretto giro dal Sant’Andrea, dal San Camillo e da altri nosocomi.

Prosegue, intanto, l’indagine di sieroprevalenza della Regione tra le categorie più esposte al rischio di contagio (operatori sanitari, forze dell’ordine e dipendenti e ospiti di RSA, per un totale di 300mila persone) e iniziano ad arrivare i primi risultati: come riportato dal Messaggero, su 42mila test già effettuati, sono stati scoperti 81 asintomatici, che sono risultati quindi positivi al tampone.

LEGGI ANCHE: COVID-19, STEFANO DE LILLO: «PERCHÉ GLI OSPEDALI DEL LAZIO NON SI STANNO SVUOTANDO?»

«Si tratta certamente di dati parziali, ma che devono far riflettere – commenta Stefano De Lillo, medico di famiglia romano e già presidente facente funzioni di Agenas -. Se queste percentuali venissero confermate a livello regionale, nel Lazio potrebbero esserci 12mila persone positive e asintomatiche, che non sono state sottoposte al tampone e che potrebbero diventare un pericoloso veicolo di contagio».

Ad oggi, inoltre, il tasso di circolazione del virus nella regione si attesta al 2,4% e al 2,61% a Roma: «Su 6 milioni di abitanti, significa che oltre 140mila persone avrebbero avuto un contatto con la malattia – aggiunge il medico -. Numeri ben diversi dai 7661 casi positivi accertati nella Regione».

«Le indagini di sieroprevalenza – continua De Lillo – sono fondamentali per conoscere meglio la circolazione del virus, ma poi le informazioni che ne derivano devono essere utilizzate per capire cosa è necessario fare. Con questi numeri, bisognerà fare più tamponi, scovare gli asintomatici, isolare chi è contagioso e limitare in modo ancor più scrupoloso la diffusione del coronavirus».

LEGGI ANCHE: FASE 2, LAZIO OSSERVATO SPECIALE. MAGI (OMCeO ROMA): «REGIONE IN ‘ZONA ARANCIONE’, FARE ATTENZIONE». MA STOP AI CONTROLLI A TERMINI

«Continua ad essere singolare, poi – prosegue -, il paragone tra il numero dei pazienti ricoverati e quello dei guariti nel Lazio rispetto ad altre Regioni. In base ai dati di ieri, a fronte di 7661 casi totali, nel Lazio risultano ricoverati con sintomi 1083 pazienti; tanto per fare un confronto, in Piemonte sono 1162 su 30.314 casi totali; gli ospedali della Lombardia, di gran lunga la regione più colpita dal virus con 87.417 casi, ospitano 3622, oltre ai pazienti in terapia intensiva. Discorso simile quello che riguarda i guariti: nel Lazio sono 3430, circa il 45% del totale: è la percentuale più bassa di tutto il Paese, dove la media si aggira intorno al 60%. Qual è la spiegazione di queste differenze?» si chiede infine De Lillo.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati
SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...