Salute 27 Maggio 2020 10:26

Nel Lazio 81 asintomatici positivi su 42mila test sierologici. De Lillo: «12mila persone potrebbero non sapere di essere contagiose»

Il medico di famiglia, già presidente facente funzioni di Agenas, commenta i dati della Regione: «Numeri di ricoverati tra i più alti d’Italia e percentuale di guariti più bassa. Servono più tamponi»

Nel Lazio da oggi tutti i cittadini potranno richiedere il test sierologico presso le strutture sanitarie che hanno aderito. A partire è l’ospedale San Giovanni Addolorata, che consente di fare il test per l’analisi degli anticorpi a 15,23 euro, seguito a stretto giro dal Sant’Andrea, dal San Camillo e da altri nosocomi.

Prosegue, intanto, l’indagine di sieroprevalenza della Regione tra le categorie più esposte al rischio di contagio (operatori sanitari, forze dell’ordine e dipendenti e ospiti di RSA, per un totale di 300mila persone) e iniziano ad arrivare i primi risultati: come riportato dal Messaggero, su 42mila test già effettuati, sono stati scoperti 81 asintomatici, che sono risultati quindi positivi al tampone.

LEGGI ANCHE: COVID-19, STEFANO DE LILLO: «PERCHÉ GLI OSPEDALI DEL LAZIO NON SI STANNO SVUOTANDO?»

«Si tratta certamente di dati parziali, ma che devono far riflettere – commenta Stefano De Lillo, medico di famiglia romano e già presidente facente funzioni di Agenas -. Se queste percentuali venissero confermate a livello regionale, nel Lazio potrebbero esserci 12mila persone positive e asintomatiche, che non sono state sottoposte al tampone e che potrebbero diventare un pericoloso veicolo di contagio».

Ad oggi, inoltre, il tasso di circolazione del virus nella regione si attesta al 2,4% e al 2,61% a Roma: «Su 6 milioni di abitanti, significa che oltre 140mila persone avrebbero avuto un contatto con la malattia – aggiunge il medico -. Numeri ben diversi dai 7661 casi positivi accertati nella Regione».

«Le indagini di sieroprevalenza – continua De Lillo – sono fondamentali per conoscere meglio la circolazione del virus, ma poi le informazioni che ne derivano devono essere utilizzate per capire cosa è necessario fare. Con questi numeri, bisognerà fare più tamponi, scovare gli asintomatici, isolare chi è contagioso e limitare in modo ancor più scrupoloso la diffusione del coronavirus».

LEGGI ANCHE: FASE 2, LAZIO OSSERVATO SPECIALE. MAGI (OMCeO ROMA): «REGIONE IN ‘ZONA ARANCIONE’, FARE ATTENZIONE». MA STOP AI CONTROLLI A TERMINI

«Continua ad essere singolare, poi – prosegue -, il paragone tra il numero dei pazienti ricoverati e quello dei guariti nel Lazio rispetto ad altre Regioni. In base ai dati di ieri, a fronte di 7661 casi totali, nel Lazio risultano ricoverati con sintomi 1083 pazienti; tanto per fare un confronto, in Piemonte sono 1162 su 30.314 casi totali; gli ospedali della Lombardia, di gran lunga la regione più colpita dal virus con 87.417 casi, ospitano 3622, oltre ai pazienti in terapia intensiva. Discorso simile quello che riguarda i guariti: nel Lazio sono 3430, circa il 45% del totale: è la percentuale più bassa di tutto il Paese, dove la media si aggira intorno al 60%. Qual è la spiegazione di queste differenze?» si chiede infine De Lillo.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM