Salute 19 Maggio 2020

Fase 2, Lazio osservato speciale. Magi (OMCeO Roma): «Regione in ‘zona arancione’, fare attenzione». Ma stop ai controlli a Termini

Nella regione leggero ma costante aumento di casi, colpa anche di un funerale che ha generato un cluster. Il presidente dell’Ordine dei Medici lancia l’allarme sulle liste d’attesa: «Rischiano di esplodere, serve un aumento dell’assistenza specialistica o a rimetterci saranno i più fragili»

Immagine articolo

«Bisogna stare molto attenti perché nel Lazio la situazione dei contagi è oscillatoria e siamo sopra la media nazionale dei contagiati per numero di abitanti». Mette in guardia dai rischi della ripartenza Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei Medici di Roma. I dati della Regione Lazio sull’epidemia Covid-19 presentano luci e ombre: se il contagio non ha mai sfondato in Regione, è anche vero che gli ultimi episodi, come il funerale avvenuto nel territorio dell’Asl Roma 1 da cui è scaturita una scia di contagi che ancora non è finita, hanno mostrato la fragilità della situazione.

«In alcune province, come Latina e Frosinone, c’è una situazione di tranquillità – spiega Magi -. Noi eravamo ad una media del 3,35% di incremento in una settimana, oggi siamo a 3,65%. Nel Veneto siamo all’1,57%. Una cosa è fondamentale: i nuovi positivi che troviamo nel Lazio ci mettono in una condizione di ‘zona arancione’, cioè siamo sopra la media nazionale di contagi per numero di abitanti. Nel Veneto è gialla, hanno meno contagiati. Quindi dobbiamo fare attenzione. Questo guardando i dati dal 4 all’11 maggio, ma gli ultimi dati confermano questo ragionamento».

LEGGI ANCHE: COVID-19, STEFANO DE LILLO: «PERCHÉ GLI OSPEDALI DEL LAZIO NON SI STANNO SVUOTANDO?»

L’Ordine dei Medici di Roma aveva avviato anche un monitoraggio a campione dei passeggeri in transito alla stazione Termini con termoscanner per verificare la temperatura, postazioni che sarebbero molto utili in questa fase di aumento dei passeggeri anche alle uscite delle stazioni della metropolitana. «Purtroppo al momento il servizio non potrà continuare – sottolinea Magi con disappunto -. Bisogna vedere se le Ferrovie dello Stato e il Comune vogliono andare avanti. Anche se abbiamo avuto ottimi risultati, intercettando tanti viaggiatori che manifestavano febbre e sintomi, in questo momento devo registrare che non c’è l’attenzione che ci aspettavamo».

Il problema è la copertura assicurativa dei medici volontari che prestano servizio: «È un problema di natura amministrativa, non ci sono assicurazioni che coprono il Covid. Essendo volontari, non pagati, almeno una assicurazione avrebbe dovuto coprirli. Se non succede qualcosa di nuovo siamo costretti a interrompere. Noi come Ordine abbiamo dato la massima disponibilità. Questo non sta accadendo, però mi viene da dire che 500 euro per i monopattini li abbiamo trovati. Eppure molti giovani colleghi hanno dato la loro disponibilità rischiando in prima persona».

LEGGI ANCHE: COVID-19 E RESPONSABILITÀ MEDICA, D’ELIA (PROCURA ROMA): «MI CHIEDO SE LEGGE GELLI SIA ADEGUATA ALL’EMERGENZA»

Con la fase 2 è giusto pensare anche a un ritorno alla normalità della sanità, che, dopo due mesi di stop, ora deve smaltire gli arretrati e riavviare la macchina nella massima sicurezza. «Gli ambulatori per i malati cronici dovrebbero riaprire il 28 maggio. Nel momento di emergenza li abbiamo chiusi ma già c’erano le liste di attesa. Oggi ci troveremo ad avere appuntamenti più allungati nel tempo per dare possibilità del distanziamento sociale ed evitare che ci siano assembramenti nelle sale di attesa. Se prima si faceva una visita ogni 20 minuti, adesso il tempo sarà raddoppiato».

Le tempistiche delle visite rischiano di mandare in tilt la sanità regionale se non si interverrà per tempo: «Le liste di attesa rischiano di esplodere, per quello bisogna aumentare l’assistenza specialistica. È una priorità. Le persone ora stanno tornando ad accedere ai Pronto soccorso. Ci sono dei dati drammatici: sono aumentate le morti per patologie croniche, sono morte più persone per infarto. A rimetterci sono stati i soggetti più fragili. Nel Lazio dobbiamo dare precedenza a questi soggetti nelle prima visite, però poi è fondamentale potenziare l’assistenza specialistica».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
Monitoraggio Fase 2: «Bassa criticità, ma in alcune aree casi in aumento»
Pubblicata l’analisi dei dati relativi al periodo 15-21 giugno 2020, successivo alla terza fase di riapertura avvenuta il 3 giugno 2020
Riapertura ambulatori Lazio, Sumai chiede tavolo di confronto urgente con la Regione
Il Segretario Antonio Magi: «Necessario erogare in modo uniforme e al più presto le prestazioni specialistiche. Utilizzare da subito i 600 mila euro vincolati e già erogati dal governo per la Regione Lazio»
San Raffaele Pisana, 99 positivi e 5 decessi correlati. Unità crisi Lazio: «Destinati ad aumentare»
Salgono a 99 i casi legati al cluster dell'IRCCS San Raffaele Pisana di Roma. Due donne sono decedute. I positivi sono stati trasferiti allo Spallanzani. D'Amato (assessore Salute Lazio): «Situazione sotto controllo»
Unesco e Sima insieme per la scuola post-covid: sicura, inclusiva, motivante
Per il benessere degli studenti e un miglior rendimento scolastico, da settembre più attenzione alla qualità dell’aria in aula
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...