Lavoro 18 Maggio 2020 17:36

Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»

Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia

Il contenzioso medico legale in Italia raggiunge da anni numeri importanti e, nella fase post-Covid, si teme ancora di più la crescita delle controversie legali e dei risarcimenti a favore dei cittadini.

La pandemia da Covid-19 ha portato infatti all’attenzione degli addetti ai lavori e dell’opinione pubblica un tema di grandissimo interesse e attualità: la responsabilità medica e delle strutture sanitarie. L’argomento è stato al centro del dibattito del webinar su Covid e responsabilità medica organizzato, di recente, dall’Università Cattolica e Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs. Medici, avvocati e giuristi hanno partecipato alla conferenza online riconoscendo le caratteristiche di eccezionalità dell’emergenza sanitaria.

«C’è grande preoccupazione tra gli operatori sanitari – ha spiegato il direttore scientifico del Gemelli, il professor Giovanni Scambia –. Chiedono che vengano considerate le condizioni in cui si è operato in questo periodo e che non ci sia un rimpallo di responsabilità tra medici e strutture. C’è stata una corsa alla cura, ci sono state carenze organizzative, sono stati costretti a fare scelte, a ridurre prestazioni per favorirne altre».

«L’attività sanitaria è sempre stata di grande interesse per la magistratura – ha precisato la dottoressa Nunzia D’Elia, procuratore aggiunto di Roma -, da quando i medici erano considerati intoccabili agli ultimi quattro anni, in cui registriamo più di una denuncia al giorno per responsabilità medica. Quasi sempre iscriviamo le denunce contro ignoti per non esporre la classe medica quando ancora non si ha certezza del reato. Arriviamo ad un’archiviazione di denunce pari all’80%. La magistratura ha un’attenzione alla delicatezza della professione sanitaria. In occasione del Covid-19 ci stiamo chiedendo se la normativa che noi abbiamo, la legge Gelli-Bianco sia adeguata o meno all’emergenza. La mia idea è che la legge Gelli-Bianco ha avuto il grande vantaggio di riordinare la materia sotto il profilo dell’obbligo assicurativo delle strutture e dell’importanza delle linee guida, ma ritengo che, soprattutto dal punto di vista penale, la norma cardine, il 590-sexies, si sia rivelata inappropriata allo stress test del Covid-19. In riferimento all’emergenza – ha sottolineato il procuratore – la norma restringe troppo l’aspetto della non punibilità del medico: linee guida non ce ne sono e le buone prassi non sono certamente consolidate. Nessuno di noi vuole far diventare i medici da eroi a capri espiatori: il rischio c’è, e io dal mio lavoro me ne accorgo che le denunce aumentano ancora. È arrivato il momento di rimettere mano a questa parte penalistica della legge Gelli-Bianco: limitare la causa di non punibilità solo all’imperizia è sbagliato, deve comprendere tutte e tre le forme di colpa: imprudenza, imperizia, negligenza e parlare di esclusione solo per la colpa grave. Non è necessario inserire una legislazione speciale e a tempo che rischia di fare solo confusione. Inoltre – conclude –  le strutture sanitarie devono rispondere non solo di denunce di pazienti e familiari per Covid ma anche di denunce da parte di sanitari in caso di malattia contratta dagli operatori sia per mancanza di presidi di sicurezza sia per aver contratto il virus per questo motivo».

LEGGI ANCHE: RISCHIO CLINICO E RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE, L’IMPORTANZA DEL CONFRONTO TRA LE PARTI PER RIDURRE IL CONTENZIOSO

No a una legislazione speciale per il Covid-19 anche per il professor Giulio Ponzanelli, giurista e ordinario di diritto privato alla Università Cattolica del Sacro Cuore: «Abbiamo nel nostro sistema le indicazioni per proteggere gli esercenti la professione sanitaria. Sarà alquanto difficile che sanitari dipendenti di strutture pubbliche o private possano rischiare condanne penali o civili – ha aggiunto –. Più grave la posizione delle RSA dove oggettivamente sono stati fatti errori importanti».

Di grande interesse, perché non ancora affrontata a dovere, la tematica della responsabilità medica e delle strutture sanitarie per i pazienti no Covid, ovvero tutte le persone che hanno dovuto sospendere cure, terapie trattamenti e rinviare interventi chirurgici. Su questo, è arrivato il monito del preside della Facoltà di Medicina e chirurgia “A. Gemelli” dell’Università Cattolica Rocco Bellantone: «A rischio soprattutto i pazienti oncologici: la pandemia li ha danneggiati gravemente. Le diagnosi di cancro sono calate del 30% nei mesi di lockdown». E la rotta va invertita in fretta, perché le conseguenze di questa pausa potrebbero essere irreversibili. La diagnosi precoce, così come gli screening, sono infatti fondamentali in ambito oncologico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 novembre, sono 261.519.267 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.200.271 i decessi. Ad oggi, oltre 7,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano