Voci della Sanità 27 Febbraio 2023 09:38

Piano Oncologico, FAVO: «Lo stanziamento di 50 milioni conferma attenzione e sensibilità del Governo»

La Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia riconosce l’importanza dell’impegno assunto dal Governo attraverso il decreto Milleproroghe approvato nelle scorse ore alla Camera. Il Presidente De Lorenzo: «Si parta da qui per colmare le disuguaglianze»

Cinquanta milioni: dieci all’anno, da subito e fino al 2027, per finanziare il nuovo Piano Oncologico Nazionale approvato alla fine di gennaio. Sono quelli stanziati dal ministero della Salute e inseriti in un fondo ad hoc che rientra nel decreto Milleproroghe, divenuto legge dopo l’approvazione della Camera. «Si tratta di un primo significativo passo, che rappresenta un segnale di impegno e di grande attenzione da parte del Governo e del ministero della Salute per la cura dei malati oncologici», è il commento di Francesco De Lorenzo, presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO), che coglie l’occasione per rilanciare anche il messaggio diffuso in occasione dell’ultima Giornata mondiale contro il cancro. «L’auspicio è che si possa partire da qui per iniziare a ridurre quelle disuguaglianze nell’assistenza sanitaria di cui è pieno anche il nostro Paese e dare la giusta importanza alla qualità della vita di chi ha superato la fase acuta di una malattia oncologica».

Un segnale di concretezza per i malati oncologici 

La ripartizione dei dieci milioni previsti per il 2023 permetterà alle Regioni di mettere in campo iniziative mirate a ridurre l’impatto dei tumori, muovendosi lungo tre direttrici: il rafforzamento delle attività mirate alla prevenzione e alla diagnosi precoce, l’erogazione delle terapie più appropriate e il miglioramento della qualità della vita dei pazienti fino alle ultime fasi della malattia.  Al di là della sensibilità nei confronti della comunità oncologica italiana, per il Governo era necessario agire anche «per dare attuazione alle indicazioni della Commissione Europea, che attraverso la Mission on Cancer e il Piano europeo di lotta contro il cancro ha chiesto a tutti gli Stati membri di impegnarsi concretamente per salvare almeno tre milioni di vite e aumentare dal 47 al 75 per cento il tasso di sopravvivenza per tutti i tumori entro il 2030», aggiunge Elisabetta Iannelli, Segretario Generale della FAVO, che riunisce centinaia di organizzazioni del Terzo Settore impegnate a garantire supporto ai malati di cancro e ai loro famigliari.

È una risposta alle richieste dell’Europa

Traguardi che, secondo il piano d’azione stilato dalla Commissione, possono essere raggiunti agendo lungo tre linee:  potenziando i servizi di prevenzione (quasi 4 casi di cancro su 10 sono evitabili), migliorando l’accesso alle terapie più avanzate e la qualità della vita di chi ha superato la fase acuta della malattia (oltre 1,2 milioni di persone in Italia). Per dare seguito a questi obiettivi, i singoli Stati membri possono contare anche su una serie di iniziative e finanziamenti messi a disposizione da Bruxelles per complessivi 4 miliardi di euro. «Lo stanziamento di questo fondo per il Piano oncologico non è la panacea di tutti i mali, ma sta a testimoniare come questo Esecutivo desidera svolgere la propria parte per ridurre l’epidemia dei tumori – prosegue Iannelli -. Lo dimostrano i passi compiuti in meno di un mese: con l’approvazione del Piano Oncologico in Conferenza Stato-Regioni, l’avvio della campagna mirata al rafforzamento degli screening oncologici e l’assegnazione dei primi fondi per il Piano OncologicoAtti significativi, che fanno ben sperare i malati oncologici e le associazioni di volontariato riunite nella FAVO».

Colmare i ritardi della pandemia

Toccherà al ministero della Salute, nei prossimi 120 giorni, emanare un decreto con i criteri e le modalità di riparto di questo fondo tra le Regioni e le province autonome. “Da destinare – si legge nel testo del Milleproroghe – in base alle specifiche esigenze regionali, al raggiungimento della piena operatività delle reti oncologiche, al potenziamento dell’assistenza domiciliare e integrata con l’ospedale e i servizi territoriali e ad attività di formazione degli operatori sanitari e di monitoraggio delle azioni poste in essere”. «Per garantire l’effettiva presa in carico complessiva dei malati oncologici, è necessario innanzitutto completare l’attivazione delle reti oncologiche regionali – precisa De Lorenzo -. È fortemente auspicabile, pertanto, che il decreto ministeriale di attuazione del Milleproroghe consideri questa come la prima priorità cui destinare i relativi fondi». Conclude Iannelli: «Dobbiamo rafforzare l’alleanza per affrontare l’epidemia oncologica le disuguaglianze aggravate dalla pandemia da Covid-19. Ritardi negli screening e nei trattamenti di cui adesso si osservano i primi effetti negativi, ma che potrebbero diventare devastanti. Servirà un ulteriore impegno, straordinario, da parte dello Stato per rispondere alle esigenze di cura aumentate a causa dell’emergenza sanitaria da cui si inizia appena a venire fuori».

Articoli correlati
Malattie rare e oncoematologiche, UNIAMO e FAVO: ok a mozione traguardo importante
Approvata ieri in Parlamento grazie al lavoro dell’Intergruppo Parlamentare Malattie Rare e Oncoematologiche con UNIAMO, FAVO e AIL
Piano Oncologico, FAVO: Buon segno approvazione, ora il Governo stanzi fondi adeguati»
La Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia riconosce il valore del documento. Ma il Presidente De Lorenzo e il Segretario Generale Iannelli precisano: «Senza nuove risorse, le Regioni non potranno garantire uniformità di accesso ai servizi oncologici necessari per prevenzione, diagnosi precoce  e terapie di supporto per i lungosopravviventi»
Cancro al polmone, le indicazioni dell’intergruppo “Challenge Cancer” per ottimizzare lo screening
«La TAC a basso dosaggio rappresenta una promettente strategia salvavita» secondo gli esperti consultati dalla FAVO, Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia. «Un intervento di diagnosi precoce del carcinoma polmonare con LDTC nei forti fumatori può ottenere una riduzione della mortalità per cancro polmonare compresa tra il 20% e il 39%» sottolinea Francesco De Lorenzo, presidente della European Cancer Patient Coalition
Tumori, FAVO: «Italia in colpevole ritardo nell’applicazione del Piano di contrasto europeo. Ai partiti chiediamo risposte certe»»
Secondo la Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, «la bozza del Piano oncologico nazionale predisposta dal Governo non è in linea con quello dell’Europa. Mancano azioni concrete, risorse, tempistica, adeguamento degli organici e indicatori di monitoraggio»
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...