Voci della Sanità 19 Dicembre 2019

Patto per la salute, assistenti sociali soddisfatti. Gazzi (Cnoas): «Dignità e cura insieme. Centrale integrazione socio-sanitaria»

Il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti sociali: «Bene il Patto per la Salute, da gennaio lavoreremo affinchè non resti sulla carta»

Il Patto per la Salute convince anche il mondo delle professioni sanitarie. «Gli assistenti sociali italiani condividono lo spirito del Patto per la Salute che dopo cinque anni, impegna il governo nazionale e quello dei territori nel rilancio del Sistema Sanitario Nazionale. Insieme all’aumento del fondo sanitario e alle nuove assunzioni, ci preme sottolineare che viene riconosciuta per la prima volta, insieme alle altre aree professionali, l’importanza del servizio sociale».

Lo dice Gianmario Gazzi, presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti sociali commentando la firma del Patto Stato-Regioni.

LEGGI ANCHE: FRAGILITÀ, GIANMARIO GAZZI (CNOAS): «CRISI FAMILIARI SPESSO INCIDONO SU SALUTE DEL BAMBINO»

«Soddisfatti che venga ribadita la centralità dell’integrazione socio-sanitaria e socio-assistenziale per garantire alle persone dignità e cure lì dove vivono – continua – Dipendenze, salute mentale, minori, continuità delle cure, prevenzione: tutto questo è il nostro impegno quotidiano. Da gennaio lavoreremo a stretto contatto con il ministero della Salute perché questo importante atto di programmazione non resti sulla carta mettendo la nostra professionalità al servizio di una sanità migliore e uguale per tutti».

Articoli correlati
Liberi professionisti, anche gli assistenti sociali in piazza per chiedere sostegno al Governo
Davanti alla Camera si sono radunati un centinaio di giovani liberi professionisti in rappresentanza di otto categorie professionali. Tra le richieste, la possibilità di accedere al contributo a fondo perduto previsto dal Dl Rilancio
Giovani professionisti esclusi da Dl Rilancio, l’8 luglio in piazza anche gli Assistenti Sociali
La protesta in piazza Montecitorio mercoledì 8 luglio, ore 15: chiedono di non essere discriminati nel riconoscimento di misure di sostegno economico alle imprese in difficoltà
Dl Rilancio, norma stabilisce che i “servizi sociali sono servizi pubblici essenziali». Il plauso del CNOAS
L’impegno di Noja, Carnevali e Parente per evitare che i servizi socio assistenziali siano interrotti durante le emergenze. Il Presidente CNOAS Gazzi: «Le Regioni dovranno ora approntare un piano specifico per le emergenze»
Stati Generali, Gazzi (CNOAS): «Servono investimenti di prospettiva, disagio sociale non si cancella in qualche mese»
Il presidente degli Assistenti sociali agli Stati Generali ha portato un documento con le proposte del CNOAS
Gli Assistenti sociali non si sono mai fermati durante la pandemia, ma il 50% non aveva i Dpi adeguati. I dati del questionario CNOAS
Dal questionario emerge che la maggior parte degli assistenti sociali con contratti di lavoro precari lavorano in servizi dedicati alle misure di contrasto alla povertà. Gazzi (CNOAS): «Non dobbiamo, non possiamo permetterci di ritrovarci a mani nude contro i disastri. E purtroppo il Covid-19 ha soltanto aggravato una situazione già difficilissima»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»