Salute 29 Novembre 2019

Fragilità, Gianmario Gazzi (CNOAS): «Crisi familiari spesso incidono su salute del bambino»

Alla Conferenza sulla Fragilità nell’ambito del Forum Risk Management l’intervento del presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali che partecipa al tavolo congiunto con le altre Federazioni sanitarie: «Garantire professionalità sinergiche e adeguate a favore dei cittadini e del loro diritto alla salute»

La fragilità in Italia è in costante aumento. È una delle considerazioni che sono emerse dalla prima Conferenza nazionale sulla Fragilità che si è svolta nell’ambito del 14° Forum Risk Management di Firenze. Ruolo fondamentale in questo ambito lo giocano gli assistenti sociali che hanno il compito di aiutare e accompagnare le famiglie in difficoltà e tutelare i diritti dei minori: «Le crisi familiari, le difficoltà dei genitori spesso riverberano sulla salute del bambino» sottolinea a Sanità Informazione Gianmario Gazzi, Presidente del CNOAS, Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali, anche lui tra i relatori della Conferenza. Gli assistenti sociali sono entrati nel tavolo permanente di consultazione tra il Ministero della Salute e le Federazioni delle professioni sanitarie.

Presidente, si è svolta al Forum la Conferenza sulla Fragilità. Che ruolo gioca l’assistente sociale?

«Parlare di fragilità significa non parlare solo del singolo soggetto fragile ma anche di quello che può fare l’ambiente e di tutte le risorse istituzionali e informali che ci sono attorno all’individuo. L’assistente sociale fa proprio questo: ricuce il tessuto intorno a quel soggetto fragile per proteggerlo, accompagnarlo e soprattutto per dare dignità alla persona e garantire i suoi diritti».

Anche i minori sono un soggetto ‘fragile’, addirittura ci sono di minori, anche neonati, che rischiano la vita per overdose. Il vostro ruolo è fondamentale…

«Il ruolo della professione in questo campo è noto. Noi abbiamo lo scopo di accompagnare la fragilità delle famiglie, della genitorialità e di garantire a quei minorenni di crescere in un ambiente capace di tutelarli e farli crescere nel miglior modo possibile. Le crisi familiari, le difficoltà dei genitori spesso riverberano sulla salute del bambino. In un approccio che deve vedere tutti insieme, comunità professioni e assistenti sociali ma non solo tutti orientati verso il benessere del bambino e l’accompagnamento di quella famiglia».

A proposito di lavoro interdisciplinare, voi avete avviato insieme alle altre federazioni delle professioni sanitarie un tavolo congiunto che ha visto il plauso del Ministro Speranza. Come procede questo lavoro?

«Prosegue e dovrà proseguire nei prossimi mesi e anni anche in collaborazione con il ministero proprio per garantire professionalità sinergiche e adeguate a favore dei cittadini e del loro diritto alla salute che è un diritto costituzionale che solo tramite la formazione e dei professionisti tutti insieme deve esser garantito»

Articoli correlati
Dl Rilancio, in arrivo 600 assistenti sociali per le USCA. Il CNOAS: «Testo da migliorare ma riconoscimento importante»
Le nuove unità saranno destinate alle Unità speciali di continuità assistenziale per il dopo Covid19. Il Presidente del CNOAS Gianmario Gazzi: «Pur comprendendo l’attuale obbligo finanziario di delimitare la durata delle assunzioni al dicembre 2020, lavoreremo perché non si torni indietro a considerare improduttive la spesa sanitaria e la spesa sociale»
Assistenti sociali, Gazzi (CNOAS): «In 10 anni 3mila professionisti in meno. Cresce la povertà, va rafforzata integrazione socio-sanitaria»
Il Presidente del Consiglio Nazionale Ordini Assistenti Sociali Gianmario Gazzi racconta il ruolo degli assistenti sociali nell’emergenza Covid: «Garantiamo qualsiasi bisogno non prettamente sanitario, a cominciare dai vestiti». Poi denuncia: «In una prima fase eravamo senza Dpi, tanti di noi contagiati». E al Governo rimprovera: «Troppo poche risorse per il sociale, solo lo 0,1%»
Covid19, Assistenti Sociali (Cnoas) e Alleanza contro la Povertà: «Presidente Conte, nella Fase2 pensi a esclusi e fragili»
Gli Assistenti sociali e Alleanza contro la Povertà: «Assicurare una vita dignitosa o non ci sarà più nulla da fare»
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
Coronavirus, Gazzi (CNOAS): «Siamo seduti su una bomba sociale. Serve Fondo di solidarietà per Terzo Settore»
Le proposte dell’Ordine degli Assistenti sociali: «’Nessuno resti indietro’ non sia uno slogan. Allargare Reddito di Cittadinanza a chi ha perso qualsiasi reddito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco