OMCeO, Enti e Territori 29 agosto 2018

Carenza Specialisti, AAROI-EMAC: «Affrontare emergenza ma con regole e corretta programmazione»

In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei […]

In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei medici giunti perlomeno all’ultimo anno di formazione specialistica, quindi non ancora specializzati.

L’emergenza in atto, tuttavia, non deve portare a scelte che ledano i diritti dei pazienti e che mettano a rischio l’operato dei Medici, sia specializzandi sia specialisti. Da questo punto fermo l’AAROI-EMAC partirà nell’incontro tecnico al Ministero della Salute previsto per domani sulla carenza di Medici specialisti e sulla formazione post laurea, dove l’Associazione presenterà le proprie considerazioni sull’ipotesi di coprire la carenza di specialisti attraverso l’inserimento di specializzandi nel SSN.

«La proposta delle Regioni e del Ministero riguardo all’inserimento dei Medici in Formazione nel Sistema Sanitario Nazionale, così come percepita (in attesa di una stesura scritta) presenterebbe diverse criticità, alcune delle quali richiederebbero sostanziali e soprattutto preliminari modifiche legislative – sottolinea Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC – ; ci vengono date rassicurazioni generiche in merito al proposito che quest’utilizzo non diverrebbe strutturale al SSN, ma resterebbe limitato al periodo di tempo strettamente necessario affinché una programmazione finalmente corretta dei fabbisogni di medici specialisti ospedalieri, una volta avviata, possa colmare le carenze di personale esistenti».

«L’idea non è nuova – prosegue Vergallo – Successivamente all’introduzione, ormai quasi trent’anni fa, dell’obbligo di specializzazione per i medici ospedalieri, più volte negli anni le Istituzioni di governo del SSN, a livello sia centrale sia decentrato, hanno pensato di tamponare in qualche modo gli esiti di una cattiva programmazione dei fabbisogni ospedalieri di personale medico specialista, ottusamente perpetrata per decenni, nonostante tutti gli allarmi e gli appelli lanciati dal mondo sindacale medico. Nel passato più recente – correva il 2014 – addirittura tentando di sdoganare un inquadramento contrattuale dei giovani medici in formazione specialistica allo stesso livello degli infermieri “caposala”. Il tentativo fallì, come del resto era prevedibile, per le sue evidenti distorsioni sia ideative sia, ancor peggio, applicative».

Un punto che l’AAROI-EMAC porrà a base del confronto di domani 30 Agosto – anche in quanto più volte negli anni sottolineato dall’Associazione – è quello specifico degli ambienti e nei contesti ad alta criticità (Sale Operatorie e Terapie Intensive Polivalenti e/o Specialistiche) in cui – a garanzia della sicurezza nel percorso diagnostico, clinico, terapeutico e assistenziale – dovrà comunque essere presente, oltre allo specializzando, almeno un Tutor/Dirigente Medico strutturato. Né si ritiene possibile che in tali ambienti e contesti i Medici in formazione possano decidere da soli un percorso clinico-terapeutico specifico sul Paziente senza averlo condiviso, ed in un certo qual modo senza averne avuta autorizzazione, con i Dirigenti medici specialisti della disciplina.

Occorrerebbe comunque, preliminarmente e con modalità strettamente uniformi su tutto il territorio nazionale, codificare le attività assistenziali che i Medici in Formazione potrebbero esercitare, secondo il crescente livello di autonomia e responsabilità, all’interno delle strutture dei vari Sistemi Sanitari Regionali, senza lasciare che le singole Regioni e financo le singole Aziende Ospedaliere italiane possano ancora una volta dar libero sfogo a fantasie applicative di regole nazionali.

Ma un altro ancora, tanto più semplice concettualmente quanto più complicato, forse, da potersi garantire ed applicare, è il punto che per l’AAROI-EMAC è irrinunciabile: l’immediato e corretto ricalcolo dei fabbisogni di Medici specialisti, con relativo ed immediato aumento di tutte le Borse di studio che servono nelle discipline che ne hanno bisogno. In assenza di un adeguato ricalcolo, per l’Associazione qualunque soluzione si dimostrerebbe un fallimento già in partenza.

«Sebbene esistano diverse criticità e numerose perplessità che riteniamo necessario approfondire – conclude il Presidente AAROI-EMAC –, non è nostra intenzione opporci a priori all’ipotesi del Ministero della Salute riguardo all’ingresso dei Medici in Formazione nel SSN, naturalmente anche attraverso il giusto coinvolgimento del mondo accademico cui afferiscono gli ambiti specialistici che la nostra Associazione rappresenta sindacalmente. Tuttavia, se non fossero sciolti i tanti interrogativi e fissate le regole inderogabili che poniamo a base della collaborazione richiesta, per quanto ci compete la strada risulterebbe impercorribile».

Articoli correlati
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
Rappresentatività sindacale, nell’Area sanità aumento deleghe di Cimo, FVM e Uil Fpl
In testa confermato Anaao-Assomed, con il 24,41% della rappresentatività. Per il Comparto, i confederali guadagnano il podio, con Fp Cgil sul gradino più alto
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Operazione “Mondo Sepolto”, la FNOPI: «Nessun infermiere coinvolto, il buon nome della professione va tutelato»
La Federazione interviene sui recenti fatti di cronaca accaduti a Bologna: «Ancora una volta la professione è stata coinvolta erroneamente in notizie inerenti fatti inaccettabili, che violano, prima ancora delle leggi, il codice etico.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano