Mondo 4 Novembre 2021 17:44

La quarta ondata spaventa l’Europa: ecco le strategie dei singoli paesi contro il rialzo dei contagi

I governi corrono ai ripari: la Francia torna alle mascherine obbligatorie, la Svizzera spinge l’offensiva vaccinale, la Germania valuta l’introduzione del Green pass sui luoghi di lavoro. Ema: «Quadro molto preoccupante, più ricoveri e morti»

La quarta ondata spaventa l’Europa: ecco le strategie dei singoli paesi contro il rialzo dei contagi

La quarta ondata di Covid-19 agita l’Europa. Nelle ultime settimane, in molti paesi si registra la pressione sugli ospedali e un rapido e generalizzato aumento di nuovi casi e decessi.

Molti governi europei valutano nuove restrizioni per contenere la diffusione del virus e l’introduzione del Green passo obbligatorio. L’ipotesi lockdown va scongiurata. La situazione epidemiologica preoccupa soprattutto in Russia e Bulgaria ma anche Germania e Regno Unito temono per la crescita di nuove infezioni.

Cavaleri (Ema): «In Europa situazione sempre più complicata»

Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici anti-Covid dell’Agenzia europea del farmaco, mostra apprensione: «La situazione epidemiologica in Europa sta diventando sempre più complicata, con un nuovo aumento di casi di Covid. Alla luce dell’andamento della pandemia in Ue vogliamo ribadire il nostro messaggio sull’importanza che le persone si vaccinino o completino il ciclo vaccinale prima possibile».

Eccola situazione epidemiologica nei singoli Paesi europei, le misure di contrasto operative e le strategie possibili per ostacolare la quarta ondata.

Austria: Vienna chiude bar e ristoranti a non vaccinati, ridotti i raduni

L’Austria è alle prese con il rialzo dei contagi. I dati delle ultime 24 ore parlano di 8.595 casi positivi – il numero più alto del 2021 – e sono saliti del 30% i ricoverati in terapia intensiva. Vienna ha tracciato la strategia di difesa, prima che sia troppo tardi: bar, ristoranti e parrucchieri chiusi ai non vaccinati e vietati i raduni di più di 25 persone. Circa il 64% della popolazione austriaca è vaccinata contro il Covid, un dato tra i più bassi dell’Europa occidentale.

La Bulgaria sospende operazioni chirurgiche e ricoveri non urgenti

La Bulgaria è in seria difficoltà. Il paese sta affrontando la quarta ondata della pandemia ed è stato in procinto di dover inviare i propri pazienti Covid all’estero, con il sistema ospedaliero ormai al collasso. Il numero dei pazienti positivi ricoverati aumenta ogni giorno e il 90% dei posti in terapia intensiva risulta occupato. Da qui, la decisione drastica: tutti gli interventi chirurgici ed i ricoveri non urgenti sono stati sospesi. Su sette milioni di cittadini bulgari, solo un quinto si è completamente vaccinato. Per contrastare l’emergenza, il Green pass diventa obbligatorio per accedere a università, ristoranti, negozi con una superficie di oltre 300 mq, hotel, cinema, teatri e palestre. Le misure restrittive sono l’ultima spiaggia, prima del lockdown.

Ucraina, si impennano i contagi: 24.479 nuovi positivi. Le nuove misure

Mentre a Kiev i manifestanti No vax protestano contro la decisione di sospendere lo stipendio ai dipendenti statali che rifiutano di vaccinarsi entro l’8 Novembre, l’Ucraina rileva un’impennata nei contagi: 24.479 nuovi positivi. Gli ultimi dati registrano 752 decessi per complicanze riconducibili al Covid-19. Il Governo corre ai ripari con l’estensione del Green pass per accedere a bar, ristoranti, alberghi, palestre, trasporti pubblici, eventi, shopping center, luoghi di svago. Già previsto l’obbligo di mostrare un test negativo o l’effettuata vaccinazione anti Covid-19 per salire su aerei, treni e autobus a lunga percorrenza.

In Svizzera niente Green pass sui mezzi pubblici e per sciare

Nelle ultime 24 ore la Svizzera conta 2.609 nuovi casi e due morti, con un tasso di positività del 9,51%. Il 63,8% delle persone ha ricevuto la seconda dose. Un dato troppo basso per il Governo che sta lavorando ad una nuova campagna vaccinale. Dal 13 settembre è in vigore il Green pass sopra ai 16 anni per accedere alle aree interne dei ristoranti, delle strutture culturali e ricreative e agli eventi al chiuso. La certificazione verde, però, non è richiesta sui mezzi pubblici né per gli impianti sciistici. In caso di peggioramento del quadro epidemiologico si valuta la reintroduzione dell’obbligo di mascherina, le regole di distanziamento o le limitazioni della capienza. Le misure riguarderanno soltanto le persone che non sono in possesso del certificato Covid-19.

I medici sloveni alzano la voce: introdurre misure drastiche per fermare i contagi

La situazione sanitaria si aggrava in Slovenia con un picco di 4.511 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, mille in più del giorno precedente. I medici sloveni chiedono misure più rigide per fermare i contagi, preoccupati che l’epidemia vada fuori controllo. Le loro proposte sono: limitare gli assembramenti e ridurre gli orari di apertura di bar e ristoranti.

In Spagna nessun allarme, il 78,7% della popolazione è vaccinata

La Spagna non solo ha raggiunto l’immunità di gregge – più di 72 milioni di dosi somministrate, il 78,7% della popolazione è vaccinata – ma la situazione è ampiamente sotto controllo. L’obbligo del Green pass è lasciato alle singole regioni e i tribunali regionali di Galizia, Andalusia, Cantabria e Canarie non intendono utilizzarlo per accedere a bar, ristoranti e locali notturni.

La Francia torna alle mascherine obbligatorie

Gli ultimi dati in Francia parlano di 10.050 nuovi casi e 39 morti in 24 ore. La situazione epidemiologica ha costretto il Governo a tornare sui suoi passi: obbligo di indossare la mascherina a scuola in 39 dipartimenti. Dal 9 agosto in Francia è in vigore il Green pass per poter entrare nei luoghi al chiuso, tra cui ristoranti o treni. Si spera che la certificazione verde e la campagna vaccinale siano sufficienti ad evitare nuovo coprifuoco e lockdown.

La Germania valuta l’introduzione del Green pass sui luoghi di lavoro come in Italia

Anche la Germania deve fare i conti con un rapido aumento delle nuove infezioni da coronavirus. Cresce la pressione nelle unità di terapia intensiva e si sta assistendo a una “pandemia di non vaccinati”. Oltre il 66% della popolazione tedesca è vaccinata, ma moltissime persone tra i 18 e i 59 anni non lo sono. Per arginare la quarta ondata, si valuta di seguire l’esempio virtuoso dell’Italia: introdurre il Green pass sui luoghi di lavoro. La cancelliera Angela Merkel ha annunciato che «se la situazione negli ospedali peggiora allora sono possibili ulteriori restrizioni per le persone non vaccinate».

L’Inghilterra non passa ancora al piano B

Altri 217 i morti a causa del coronavirus nel Regno Unito nelle ultime 24 ore. Ma ad oggi, Boris Johnson non intende tornare all’obbligo di mascherina, allo smart working né d’introdurre il Green pass in Inghilterra. Dal prossimo aprile, la vaccinazione contro il Covid sarà obbligatoria per tutto il personale a tempo pieno del Sistema sanitario nazionale.

In Romania l’epidemia è fuori controllo. Coprifuoco dalle 22 alle 5

La Romania è il secondo Paese meno vaccinato dell’Europa – solo il 37% della popolazione ha completato il ciclo – e sono stati riportati più di 10mila contagi. Solo nelle ultime 24 ore sono morte 451 persone per complicanze riconducibili al coronavirus, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Non sono più disponibili letti nei reparti di terapia intensiva. Ciononostante, il Paese è stato il primo nell’Ue a revocare le restrizioni. Il Green pass è obbligatorio per la palestra, il cinema e il centro commerciale. Dal 25 ottobre al 24 novembre su tutto il territorio è in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Flop della campagna vaccinale in Russia: solo il 30% ha ricevuto due dosi

Il Covid continua a mietere vittime in Russia. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.195 decessi il numero più alto dall’inizio della pandemia. La situazione è particolarmente difficile a Mosca, anche se il mini lockdown di 10 giorni per scuole, ristoranti e negozi non essenziali terminerà domenica perché la pressione sugli ospedali è diminuita. Il presidente Vladimir Putin ha chiesto alle forze militari di costruire ospedali per il crescente numero di malati di Covid-19 per ridurre il peso sul sistema sanitario. La volontà del Cremlino sarebbe quella di evitare nuovi lockdown ma è necessario frenare le nuove positività. Solo il 30% dei russi ha ricevuto due dosi di vaccino; è questo il grande problema.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pagamenti in nero: aumenta corruzione in Europa, ma non in Italia
Tra mazzette e pagamenti in nero, aumenta la corruzione in sanità in tutta Europa. L'Italia, in controtendenza, registra un lieve calo
Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»
Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale
Due sintomi «rivelatori» del Covid, l’avvertimento dello scienziato britannico
Tim Spector, fondatore dell'app Covid Zoe, ha avvertito che la stanchezza al mattino, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola possono essere considerati segni «rivelatori» dell'infezione Covid-19
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Covid, raggiunto il plateau il 14 luglio con 98mila casi. Inizia la discesa?
Nell'ultima settimana si è registrato un lieve calo di nuovi positivi rispetto a quella precedente ma i ricoveri ordinari continuano a salire. Record nel Lazio per le somministrazioni della quarta dose del vaccino agli over 60. D'Amato: «Sono circa 12 mila al giorno, il 20% in più del target nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi