Salute 17 Giugno 2021 15:50

In Europa un milione di diagnosi di cancro in meno a causa della pandemia. Foce e Aiom: «È tempo di agire»

L’appello della Federazione che riunisce Oncologi, Cardiologi ed Ematologi e della Società Scientifica degli oncologi: «Alla sanità italiana servono maggiori investimenti e risorse»

Sono quasi un milione i casi di cancro in Europa che passano inosservati a causa del Covid-19. In totale ammontano a 100 milioni i test di screening oncologici non eseguiti nel Vecchio Continente durante la pandemia. Fino a una persona su due, con potenziali sintomi di cancro, non è stata inviata urgentemente per una diagnosi. Mentre un paziente su cinque in Europa non riceve ancora il trattamento chirurgico o chemioterapico di cui ha bisogno.

Sono questi i recenti dati pubblicati dall’European Cancer Organisation (E.C.O) che oggi presenta in un webinar la campagna Time To Act: è tempo di agire, non permettere al Covid-19 di ostacolare la lotta contro il cancro. L’iniziativa è estesa a tutta Europa e viene guidata dalla task force della rete speciale della E.C.O: Impatto del Covid-19 sul cancro. L’obiettivo è sollecitare l’opinione pubblica, i pazienti affetti da cancro, i politici e gli operatori sanitari a garantire che il Covid-19 non continui a minare la lotta contro i tumori.

Cancro e pandemia: recuperare ciò che si è perso

«I risultati mettono “a fuoco” l’impatto del Coronavirus sul cancro – afferma il dott. Matti Apro, Presidente di E.C.O -. Abbiamo disperatamente bisogno di misure urgenti al più alto livello della politica europea per recuperare quanto si è perso nel campo del cancro. Bisogna ripristinare la fiducia nei servizi  oncologici e affrontare la carenza di forza lavoro e approvvigionamenti». In prima linea in Italia per la campagna Time To Act ci sono FOCE (Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi) e AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica).

Cognetti (Foce): «Italia prima in Europa per mortalità in eccesso dovuta a patologie non Covid»

«Il Covid-19 ha prodotto danni incalcolabili nella diagnosi e nel trattamento dei tumori – sottolinea il prof. Francesco Cognetti, Presidente di FOCE -. È inevitabile nel prossimo futuro assistere ad aumento di mortalità per queste patologie che potrà così annullare i benefici prodotti da ricerca e innovazione negli ultimi 20 anni. Preoccupa soprattutto il calo degli screening oncologici, che ancora non riprendono con la necessaria regolarità, e che determinerà un aumento consistente del tasso di mortalità per tumori nel medio e lungo termine. Inoltre due terzi dei pazienti con mortalità da Covid hanno avuto anche concomitanti malattie oncologiche, cardiologiche o ematologiche. È necessario ora provvedere a colmare le carenze strutturali, organizzative e funzionali del nostro sistema sanitario nazionale che sono state messe in evidenza durante la pandemia. Ricordiamo infatti che con oltre 127mila decessi e un tasso di mortalità del 2,99% siamo al primo posto in Europa per quanto riguarda la mortalità nei contagiati da Coronavirus. E questo è avvenuto nonostante i tassi di contagio non siano stati elevatissimi. Inoltre il nostro Paese è primo in Europa per mortalità in eccesso dovuta a patologie non Covid, in questo periodo. Per un ritorno alla normalità sono indispensabili nuovi fondi al comparto della sanità che compensino il gap in strutture, medici, infermieri e finanziamenti che attualmente abbiamo con gli altri paesi europei. Serve quindi un serio potenziamento degli ospedali che sono stati indeboliti da anni di politiche di tagli irresponsabili e indiscriminati».

Cinieri (Aiom): «Creare Reti Oncologiche Regionali»

«Appoggiamo con entusiasmo questa nuova campagna condotta a livello continentale – aggiunge il prof. Saverio Cinieri, Presidente Eletto AIOM -. Il Covid ha messo in luce alcune inefficienze dei nostri servizi sanitari, soprattutto quelli territoriali che spesso non hanno avuto la forza e i mezzi per gestire l’enorme mole di lavoro determinata dalla pandemia. Questo è avvenuto anche in ambito oncologico dove si rende quanto mai necessaria la creazione delle Reti Oncologiche Regionali. Rappresentano il migliore strumento possibile per potenziare i collegamenti tra i centri di riferimento e la medicina territoriale. Come AIOM siamo impegnati da mesi in un tour con i rappresentati di tutte le Regioni e Provincie Autonome della Penisola proprio per sollecitare l’istituzione o l’implementazione di queste strutture sanitarie. Al di là di una migliore organizzazione sono comunque indispensabili nuovi e maggiori investimenti pubblici in sanità» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tunisia in piena crisi sanitaria. Dall’Italia arrivano donazioni da parte del Gruppo San Donato
Il Vicepresidente del gruppo, Kamel Ghribi, ha risposto all’appello lanciato dal governo tunisino con una donazione per aiutare il suo Paese di origine
Medici e scuole di specializzazione, Binetti: «Una sinergia tra tre numeri per evitare cervelli in fuga»
La senatrice dell'Udc spiega quale dovrebbe essere, dal suo punto di vista, uno dei perni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per quanto riguarda l’ambito della salute
Congresso Società Italiana di Igiene, il presidente: «Vaccinazione dovrebbe essere resa obbligatoria»
Tra i temi caldi i vaccini, il mantenimento delle misure di igiene e prevenzione, il nuovo ruolo dei Tecnici di Prevenzione e degli specialisti in Igiene e Medicina Preventiva
Operatori sanitari contagiati dal Covid-19, a chi spetta l’indennizzo e a chi no? Risponde l’esperto
L’avvocato Francesco Cecconi dello Studio Legale FCA parla di «intollerabile disparità di trattamento tra gli operatori sanitari dipendenti e i libero professionisti»
Tumori cutanei non melanoma, al via il progetto SKINConnecting
I tumori della cute cosiddetti non melanoma skin cancer (NMSC) sono tra le patologie oncologiche più diffuse. Con incidenza in continua crescita, possono colpire soggetti di qualsiasi età, soprattutto avanzata, spesso affetti da altre patologie concomitanti e sono causa di decine di migliaia di interventi chirurgici e decessi ogni anno. In Italia, i non melanoma […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva