Sanità internazionale 6 Luglio 2021 15:04

L’Inghilterra rischia di diventare una fabbrica di varianti del virus?

Dal 19 luglio Boris Johnson eliminerà anche le ultime limitazioni nel Regno Unito, eppure i contagi sono decisamente in risalita per via della variante Delta. Cosa si rischia a riaprire tutto in questa situazione epidemiologica?

L’Inghilterra rischia di diventare una fabbrica di varianti del virus?

Boris Johnson, il premier inglese, ha deciso: il 19 luglio le ultime restrizioni nel Regno Unito verranno eliminate. A Londra e nelle altre città inglesi si tornerà a vivere come sempre, sebbene il numero di contagi sia ben lontano da quello che gli esperti avevano preventivato. La variante Delta imperversa e i nuovi casi si concentrano soprattutto nella popolazione giovane e giovanissima, meno vaccinata ma più esposta per le tante attività estive.

Anche per questa ragione i tassi di ospedalizzazione e i decessi rimangono bassi, a fronte di una risalita “esponenziale” dei contagi. Tuttavia, proseguire con le riaperture, proprio perché i giovani sono la popolazione meno a rischio dell’esito più nefasto di Covid-19, potrebbe avere degli effetti ugualmente pericolosi.

Varianti, come si formano

Sul Guardian, alcuni scienziati inglesi spiegano che nessuna restrizione e ancora tanti soggetti non vaccinati potrebbero produrre l’ambiente ideale per la formazione di nuove varianti. Cos’è una variante del virus e come si forma? Il virus, dopo aver infettato una persona, si replica all’interno del suo corpo decine di migliaia di volte. Il processo non è sempre perfetto e a volte produce delle mutazioni: moltissime sono inerti e non preoccupano, altre – come la Delta – costituiscono un rischio.

La variante si diffonde poi quando l’ambiente è favorevole: persone vicine che hanno contatti frequenti, presenza di soggetti immunodepressi, ventilazione adatta e favorevole, assenza di mascherine. Le cosiddette “varianti di preoccupazione” sono quelle che potrebbero evadere la protezione dei vaccini finora sviluppati. Nessun vaccino riesce a proteggere al 100% da Covid-19 ma la percentuali di protezione sono molto alte. Secondo gli scienziati la possibilità che una variante evada completamente il vaccino è improbabile, ma non impossibile. Inoltre nelle persone più vulnerabili e anziane, nonostante il vaccino, una variante potrebbe trovare il modo di compromettere il sistema immunitario.

Convivere con il virus, forse è presto

Intanto in Uk Johnson ha già fatto sua l’espressione di alcuni scienziati sulla necessità di “imparare a convivere con il virus“. Tuttavia, finché la maggioranza della popolazione non è vaccinata (compresi i più giovani) e SarS-CoV-2 non mostra di essersi indebolito, eliminare distanziamento e mascherine potrebbe favorire nuove varianti.

L’invito degli scienziati inglesi alla politica è quello di fare attenzione: non si può lasciare la fetta di popolazione ancora non vaccinata in balia del virus. «Covid è una cosa terribile anche e soprattutto nei bambini» ha puntualizzato Stephen Griffin, virologo e professore dell’Università di Leeds.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Terapia del plasma, Perotti (San Matteo di Pavia) «Oggi sospesa per mancanza di pazienti, ma tesoretto di 200 sacche pronte all’uso»
Il direttore del servizio di immunoematologia dell’IRCCS pavese ricorda il collega De Donno: «Era una brava persona, molto volenterosa, di quelli che gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma non strumentalizziamo la sua morte. Il plasma non c’entra»
di Federica Bosco
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Covid, nuovo report GIMBE: «+64,8% di contagi e +46,1% di morti in una settimana». Ma i numeri assoluti restano bassi
Il monitoraggio della fondazione GIMBE, nella settimana 21-27 luglio, rileva un ulteriore aumento dei nuovi casi e degli indicatori ospedalieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva