Sanità internazionale 6 Luglio 2021 15:04

L’Inghilterra rischia di diventare una fabbrica di varianti del virus?

Dal 19 luglio Boris Johnson eliminerà anche le ultime limitazioni nel Regno Unito, eppure i contagi sono decisamente in risalita per via della variante Delta. Cosa si rischia a riaprire tutto in questa situazione epidemiologica?

L’Inghilterra rischia di diventare una fabbrica di varianti del virus?

Boris Johnson, il premier inglese, ha deciso: il 19 luglio le ultime restrizioni nel Regno Unito verranno eliminate. A Londra e nelle altre città inglesi si tornerà a vivere come sempre, sebbene il numero di contagi sia ben lontano da quello che gli esperti avevano preventivato. La variante Delta imperversa e i nuovi casi si concentrano soprattutto nella popolazione giovane e giovanissima, meno vaccinata ma più esposta per le tante attività estive.

Anche per questa ragione i tassi di ospedalizzazione e i decessi rimangono bassi, a fronte di una risalita “esponenziale” dei contagi. Tuttavia, proseguire con le riaperture, proprio perché i giovani sono la popolazione meno a rischio dell’esito più nefasto di Covid-19, potrebbe avere degli effetti ugualmente pericolosi.

Varianti, come si formano

Sul Guardian, alcuni scienziati inglesi spiegano che nessuna restrizione e ancora tanti soggetti non vaccinati potrebbero produrre l’ambiente ideale per la formazione di nuove varianti. Cos’è una variante del virus e come si forma? Il virus, dopo aver infettato una persona, si replica all’interno del suo corpo decine di migliaia di volte. Il processo non è sempre perfetto e a volte produce delle mutazioni: moltissime sono inerti e non preoccupano, altre – come la Delta – costituiscono un rischio.

La variante si diffonde poi quando l’ambiente è favorevole: persone vicine che hanno contatti frequenti, presenza di soggetti immunodepressi, ventilazione adatta e favorevole, assenza di mascherine. Le cosiddette “varianti di preoccupazione” sono quelle che potrebbero evadere la protezione dei vaccini finora sviluppati. Nessun vaccino riesce a proteggere al 100% da Covid-19 ma la percentuali di protezione sono molto alte. Secondo gli scienziati la possibilità che una variante evada completamente il vaccino è improbabile, ma non impossibile. Inoltre nelle persone più vulnerabili e anziane, nonostante il vaccino, una variante potrebbe trovare il modo di compromettere il sistema immunitario.

Convivere con il virus, forse è presto

Intanto in Uk Johnson ha già fatto sua l’espressione di alcuni scienziati sulla necessità di “imparare a convivere con il virus“. Tuttavia, finché la maggioranza della popolazione non è vaccinata (compresi i più giovani) e SarS-CoV-2 non mostra di essersi indebolito, eliminare distanziamento e mascherine potrebbe favorire nuove varianti.

L’invito degli scienziati inglesi alla politica è quello di fare attenzione: non si può lasciare la fetta di popolazione ancora non vaccinata in balia del virus. «Covid è una cosa terribile anche e soprattutto nei bambini» ha puntualizzato Stephen Griffin, virologo e professore dell’Università di Leeds.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
Da Alfa a Omicron, con nuove varianti incubazione sempre più breve
Con il susseguirsi di nuove varianti il periodo di incubazione dell’infezione Covid-19 diventa sempre più breve. A confermarlo uno studio pubblicato sul Journal of American Medical Association Network Open
Le varianti Covid più preoccupanti emergono da infezioni croniche
Uno studio condotto dall'Università di Emory e dall'Università di Oxford sostiene che le varianti più preoccupanti emergano dalle persone con infezioni croniche Covid-19
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa