Mondo 24 Agosto 2020 15:29

Covid negli Usa, cosa non ha funzionato nelle scelte di Trump

Una dottoressa italiana in Arizona: «È stato fatto tutto molto male. Folle lasciare libero arbitrio alla popolazione»

di Federica Bosco
Covid negli Usa, cosa non ha funzionato nelle scelte di Trump

«All’inizio si puntava il dito contro l’Italia come esempio da non seguire. Ora, a distanza di quattro mesi, gli Stati Uniti ci guardano come modello perché siamo riusciti a tenere sotto controllo contagi e focolai, anche se, come era prevedibile, il virus ha rialzato la testa e con molta probabilità ci sarà un nuovo picco in autunno».

Le parole di Francesca Polverino, pneumologa italiana per otto anni alla guida di un gruppo di ricerca sull’enfisema polmonare all’Università di Harvard e da poco in Arizona, ci portano, a distanza di due mesi dall’ultima intervista, dall’altra parte dell’Oceano per capire cosa è accaduto negli Stati Uniti e perché il sistema americano non ha retto l’urto della pandemia.

UNO STUDIO SULL’EVOLUZIONE DELLA MALATTIA

L’occasione di una lunga chiacchierata via zoom con il medico oggi in servizio a Tucson è stata data da uno studio che la dottoressa ha realizzato con un gruppo di colleghi italiani su un campione di 5000 pazienti Covid ospedalizzati in 19 regioni italiane tra marzo ed aprile e che ha messo in luce la prevalenza di pazienti ospedalizzati non fumatori (il 93%) rispetto ai fumatori o agli ex fumatori.

Da notare, aggiunge la dottoressa, anche l’abbassamento dell’età media dei contagiati. Sostenitrice della tesi di Zangrillo e Bassetti, secondo la dottoressa Polverino «la minore aggressività clinica del virus fa sì che ci siano meno ricoveri gravi in terapia intensiva, ma non per questo da trascurare».

«Anzi – aggiunge – la malattia sembra avere dei momenti di up e di down, tanto è vero che negli Stati Uniti dopo il picco iniziale di fine marzo e il conseguente calo, il momento di maggiore aggressività del virus è stato giugno ed oggi siamo nella fase discendente».

COVID NEGLI USA, COSA È SUCCESSO

Inevitabile, allora, un paragone tra il nostro Paese e gli Usa: dopo aver sostenuto una politica a tutela dell’economia anche in emergenza Covid, oggi Trump corre ai ripari e incentiva quella terapia del plasma scoperta in Italia, al San Matteo di Pavia, per fronteggiare l’emergenza. «La battaglia anti-coronavirus di Trump ha determinato il corso della pandemia soprattutto negli Stati repubblicani, come l’Arizona. Qui la gente, sulla scia delle parole del Presidente, ha sempre avuto un atteggiamento poco incline all’uso della mascherina, i distanziamenti e le regole anti Covid».

PERCHÉ IL “LIBERI TUTTI” HA FALLITO

«È stato fatto tutto molto male. Lasciare libero arbitrio alla popolazione è stato folle – commenta senza mezze parole -. Tre settimane di lockdown e subito dopo hanno riaperto tutto. E infatti poi si è avuto il picco disastroso di giugno che ha portato 15 mila casi al giorno in Florida, Texas e California. Ora siamo a mille persone contagiate circa al giorno in Arizona, ancora 10 mila al giorno in California».

LA RIAPERTURA DELLE SCUOLE

«La riapertura dell’università e delle scuole, a mio avviso, sarà decisiva per l’andamento della pandemia, non solo in Arizona che è uno stato repubblicano quindi incline al Trump pensiero, ma anche altrove. In particolare, nello Stato di New York sono stati molti i casi di bambini positivi al coronavirus con vasculite e patologie simili alla sindrome di Kawasaki».

A tre settimane dalla riapertura della scuola in Italia, le parole della dottoressa Polverino suonano come un campanello d’allarme: «Attenzione ai giovani. Una volta che si apriranno le scuole, i banchi isolati e le mascherine non basteranno più, perché i ragazzi tendono a stare insieme, come è accaduto in altri luoghi di aggregazione come le discoteche».

LA CORSA AL VACCINO CONTRO IL COVID NEGLI USA

«A mio avviso ora è importante tirare la cinghia, finché non si avrà un vaccino o una terapia efficace. Molti vaccini sono in fase tre. Lo stesso governo americano ha promesso novità importanti per fine anno, quindi credo che per il 2021 avremo una risposta in questo senso. Ma nel frattempo sarà necessario osservare il corso degli eventi per capire, ad esempio, come si comporterà il virus con l’arrivo delle temperature fredde e il sopraggiungere della fase influenzale. Si potrebbe fare la scuola a distanza ancora per qualche mese, perché gli effetti del virus sulla popolazione sono cambiati con il passare del tempo».

I PROSSIMI OBIETTIVI

«Occorre poi approfondire perché la stragrande maggioranza degli ospedalizzati per coronavirus sono non fumatori, dato confermato anche negli Stati Uniti, Europa e Cina su ampie coorti, e soprattutto sarebbe importante analizzare l’impatto sul Covid della somministrazione di ace inibitori e sartani separatamente, cosa che non è mai stata fatta», chiosa.

 

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Usa: nel 2021 suicidi in aumento dopo più di 2 anni di declino
Lo scorso anno, negli Stati Uniti, 47.646 persone sono morte per suicidio. Secondo un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention americani, nel 2021 si è verificato un decesso per suicidio ogni 11 minuti. Questo, secondo gli esperti, potrebbe dipendere dalla pandemia
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...