Lavoro 20 novembre 2018

Sciopero medici, ecco le ragioni. Troise (Anaao): «Bene segnali di attenzione, ma produrranno risultati?»

Mancato rinnovo del contratto, aumento borse di specializzazione insufficiente, scarso finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, assenza di un piano di assunzioni straordinario. Ecco perché venerdì medici, dirigenti sanitari e veterinari incroceranno le braccia

Immagine articolo

Mancano poco più di 48 ore allo sciopero di medici, veterinari e dirigenti sanitari. Tra segnali di apertura della commissione Affari Sociali e docce fredde dal ministero dell’Economia, per il quale «non ci sono ulteriori risorse per i rinnovi contrattuali 2016 – 2018», non c’è ancora l’accordo sul rinnovo del contratto di lavoro e sulle prospettive future del Sistema Sanitario Nazionale. La protesta del mondo della sanità quindi continua finché non si avranno risposte e risultati concreti. I sindacati della categoria, infatti, non hanno intenzione di retrocedere e, se hanno apprezzato la disponibilità della presidente della Commissione Marialucia Lorefice, temono che dalle parole non si passi ai fatti.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, VERGALLO (AAROI-EMAC): «SOLO PROMESSE, MANCANO I FATTI. PROCLAMEREMO UNA NOSTRA GIORNATA DI SCIOPERO»

«Ben venga qualunque risposta positiva, ma sono convinto che, se risposte verranno, arriveranno per la fine del mese durante le discussioni parlamentari della manovra», commenta Costantino Troise, presidente di Anaao Assomed. Una delle possibili soluzioni per uscire dall’impasse, infatti, è quella di collegare alla legge di Bilancio il Ddl “Concretezza”, in cui verrebbe inserita una norma che consenta lo sblocco del salario accessorio.

«Non ci è ancora molto chiaro, però – aggiunge Andrea Filippi, segretario nazionale di Fp Cgil Medici – se levare il tetto ci consentirà di reintrodurre la Retribuzione Individuale di Anzianità nei fondi. Per noi ovviamente sì, però temiamo una dialettica con le Regioni che ad oggi hanno utilizzato la RIA per altri scopi e non per qualificare il lavoro dei professionisti».

Ma, come i sindacati non si stancano mai di ripetere e come sottolinea Troise, «la questione va al di là del contratto: riguarda il finanziamento del SSN in modo da poter garantire, per il futuro, l’esigibilità del diritto alla salute dei cittadini. Le due questioni sono strettamente connesse – prosegue il presidente Anaao-Assomed -: non c’è diritto alla salute se non c’è il diritto a curare con professionalità, in autonomia e in condizioni di lavoro migliori di quelle attuali».

«Chiediamo misure concrete per interrompere la deriva negativa che il SSN ha intrapreso da troppo tempo», aggiunge Alessandra Di Tullio, coordinatore nazionale di FASSID. «Le partite in ballo sono grosse e generali – specifica Filippi –. Chiediamo un piano di assunzioni straordinario e, soprattutto, l’aumento dei contratti di specializzazione: per coprire i servizi di emergenza e urgenza, quindi parliamo solo di ospedali e pronto soccorso e non di territori, ne servono almeno 3mila in più».

Nonostante, quindi, «per la prima volta la controparte abbia capito l’essenza del problema e se ne faccia carico, capendo che la nostra non è una posizione corporativa ma mira a migliorare i servizi erogati ai cittadini», come sottolinea il segretario nazionale di Anaao-Assomed Carlo Palermo, lo sciopero rimane. E, anzi, Guido Quici, presidente di CIMO, si augura che sia «solo l’inizio di una serie di iniziative. Se fosse per me farei uno sciopero a scacchiera, bloccando tutti i servizi con cadenza periodica. Se fosse per me intaserei i social di tutti i parlamentari e degli assessori regionali. Ci sono strumenti che stanno facendo la fortuna di alcuni, non vedo per quale motivo non possiamo utilizzarli anche noi».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, ETTORE (FESMED): «DI QUESTO PASSO NOSTRO SSN, DA VIRTUOSO, DIVENTERÀ UNO DEI PEGGIORI AL MONDO»

Articoli correlati
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
Carenza medici in Veneto, Leoni (Cimo): «Allarmi ignorati da anni. Ora, fatalità, non ci sono candidati ai concorsi»
«Chi è l’assassino del ricambio generazionale?» si chiede Giovanni Leoni, segretario regionale di Cimo Regione Veneto. Prendendo atto «con profondo sollievo» delle comunicazioni di questi giorni da parte delle Istituzioni come Ministero, Regione e AULSS del Veneto sulla carenza dei medici dipendenti e del personale, evidenzia però come le stesse istituzioni siano «da sempre preposte […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...