Lavoro 20 novembre 2018

Sciopero medici, ecco le ragioni. Troise (Anaao): «Bene segnali di attenzione, ma produrranno risultati?»

Mancato rinnovo del contratto, aumento borse di specializzazione insufficiente, scarso finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, assenza di un piano di assunzioni straordinario. Ecco perché venerdì medici, dirigenti sanitari e veterinari incroceranno le braccia

Immagine articolo

Mancano poco più di 48 ore allo sciopero di medici, veterinari e dirigenti sanitari. Tra segnali di apertura della commissione Affari Sociali e docce fredde dal ministero dell’Economia, per il quale «non ci sono ulteriori risorse per i rinnovi contrattuali 2016 – 2018», non c’è ancora l’accordo sul rinnovo del contratto di lavoro e sulle prospettive future del Sistema Sanitario Nazionale. La protesta del mondo della sanità quindi continua finché non si avranno risposte e risultati concreti. I sindacati della categoria, infatti, non hanno intenzione di retrocedere e, se hanno apprezzato la disponibilità della presidente della Commissione Marialucia Lorefice, temono che dalle parole non si passi ai fatti.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, VERGALLO (AAROI-EMAC): «SOLO PROMESSE, MANCANO I FATTI. PROCLAMEREMO UNA NOSTRA GIORNATA DI SCIOPERO»

«Ben venga qualunque risposta positiva, ma sono convinto che, se risposte verranno, arriveranno per la fine del mese durante le discussioni parlamentari della manovra», commenta Costantino Troise, presidente di Anaao Assomed. Una delle possibili soluzioni per uscire dall’impasse, infatti, è quella di collegare alla legge di Bilancio il Ddl “Concretezza”, in cui verrebbe inserita una norma che consenta lo sblocco del salario accessorio.

«Non ci è ancora molto chiaro, però – aggiunge Andrea Filippi, segretario nazionale di Fp Cgil Medici – se levare il tetto ci consentirà di reintrodurre la Retribuzione Individuale di Anzianità nei fondi. Per noi ovviamente sì, però temiamo una dialettica con le Regioni che ad oggi hanno utilizzato la RIA per altri scopi e non per qualificare il lavoro dei professionisti».

Ma, come i sindacati non si stancano mai di ripetere e come sottolinea Troise, «la questione va al di là del contratto: riguarda il finanziamento del SSN in modo da poter garantire, per il futuro, l’esigibilità del diritto alla salute dei cittadini. Le due questioni sono strettamente connesse – prosegue il presidente Anaao-Assomed -: non c’è diritto alla salute se non c’è il diritto a curare con professionalità, in autonomia e in condizioni di lavoro migliori di quelle attuali».

«Chiediamo misure concrete per interrompere la deriva negativa che il SSN ha intrapreso da troppo tempo», aggiunge Alessandra Di Tullio, coordinatore nazionale di FASSID. «Le partite in ballo sono grosse e generali – specifica Filippi –. Chiediamo un piano di assunzioni straordinario e, soprattutto, l’aumento dei contratti di specializzazione: per coprire i servizi di emergenza e urgenza, quindi parliamo solo di ospedali e pronto soccorso e non di territori, ne servono almeno 3mila in più».

Nonostante, quindi, «per la prima volta la controparte abbia capito l’essenza del problema e se ne faccia carico, capendo che la nostra non è una posizione corporativa ma mira a migliorare i servizi erogati ai cittadini», come sottolinea il segretario nazionale di Anaao-Assomed Carlo Palermo, lo sciopero rimane. E, anzi, Guido Quici, presidente di CIMO, si augura che sia «solo l’inizio di una serie di iniziative. Se fosse per me farei uno sciopero a scacchiera, bloccando tutti i servizi con cadenza periodica. Se fosse per me intaserei i social di tutti i parlamentari e degli assessori regionali. Ci sono strumenti che stanno facendo la fortuna di alcuni, non vedo per quale motivo non possiamo utilizzarli anche noi».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, ETTORE (FESMED): «DI QUESTO PASSO NOSTRO SSN, DA VIRTUOSO, DIVENTERÀ UNO DEI PEGGIORI AL MONDO»

Articoli correlati
Intramoenia, Quici (Cimo): «Sospensione non ridurrà le liste d’attesa, anzi…»
«L’intramoenia è un’attività marginale dei medici, svolta al di fuori dell’orario di lavoro, che in sette anni ha fatto guadagnare alle aziende sanitarie oltre 1 miliardo di euro. Soldi che dovevano essere destinati anche alla riduzione delle liste d’attesa. Lo hanno fatto?». Intervista al presidente della Cimo, secondo cui il meccanismo previsto dal decreto 'Semplificazione' è «demenziale»
Contratto medici, CIMO pronta a class action contro Regioni e Aran e a denuncia alla Corte Europea dei diritti dell’uomo
Il presidente Guido Quici: «Siamo alle ultime battute di quest’anno e prendiamo atto della mancata volontà di firmare un dignitoso contratto e di riconoscere i diritti dei medici. Se neanche lo sciopero è servito, sarà un Giudice nazionale a ordinare all’Amministrazione di emendare le proprie amnesie ed un altro, europeo, a sanzionare lo Stato, le Regioni e gli organi cui è demandata la rappresentanza negoziale»
Pensioni d’oro, Cavallero (Cosmed): «No al taglio di un diritto acquisito. È un gravissimo precedente da contrastare. Andremo alla Corte Costituzionale»
«Il governo sa bene che la Corte dichiarerà illegittimo il taglio alle pensioni più alte. È una campagna di propaganda». L’intervista al segretario generale della Cosmed Giorgio Cavallero, che sul contratto della dirigenza aggiunge: «Pare ci siano spiragli per la firma, ma aspettiamo la versione definitiva della Legge di Bilancio»
Legge di Bilancio, il duro giudizio dell’intersindacale medica: «Se promesse tradite, nuovi scioperi»
Dall’«emendamento beffa» sull’inclusione dell’indennità di esclusività nella massa salariale e la «precarizzazione di ritorno» causata dai contratti di lavoro autonomo, fino alla «criminalizzazione e militarizzazione dell’intramoenia», i sindacati di medici e dirigenti sanitari avvertono: «Il rimedio rischia di essere peggiore del male»
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...