Lavoro 16 Novembre 2018

Contratto medici, Vergallo (Aaroi-Emac): «Solo promesse, mancano i fatti. Proclameremo una nostra giornata di sciopero»

Il presidente degli anestesisti a Sanità Informazione: «Paghiamo lo scotto di una programmazione sanitaria lasciata allo sbando da decenni, ma è ora di dare risposte concrete a medici e cittadini»

di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

Dichiarazioni di intenti e la garanzia, a parole, di affrontare tutte le criticità che hanno portato i medici a proclamare lo sciopero del 23 novembre. È questo ciò che è emerso dall’incontro tra i rappresentanti politici e quelli dell’intersindacale della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria. Per questo non può ritenersi soddisfatto Alessandro Vergallo, presidente nazionale di Aaroi-Emac (Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani –Emergenza area critica) che, ai nostri microfoni, ha annunciato una mobilitazione specifica solo per la sua categoria, oltre allo sciopero con gli altri sindacati.

Presidente, i sindacati incontrano la politica in questa assemblea pubblica: siete soddisfatti delle risposte che avete ricevuto finora?

«In realtà, per adesso, ci sono state fornite solamente delle dichiarazioni di intenti, per cui non possiamo essere soddisfatti. La verità è che stiamo attendendo un rinnovo contrattuale fermo ormai da nove anni e, più in generale, non abbiamo avuto ancora le risposte giuste. Ci vien fatta la promessa di un impegno ad occuparsene: chiaramente paghiamo lo scotto di un sistema sanitario lasciato allo sbando da decenni, soprattutto per quanto riguarda la programmazione, per cui non possiamo pretendere delle risposte immediate. Però, d’altro canto, la politica deve fornire riscontri non solo a medici e operatori sanitari ma soprattutto ai cittadini».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, IL PRESSING DI GUIDO QUICI (CIMO) SULLE ISTITUZIONI: «INTASIAMO I SOCIAL DEI POLITICI»

Voi avevate previsto uno sciopero unico solo per gli anestetisti, a cui poi, per forza di cose, hanno dovuto aderire tutti gli altri sindacati. Avete intenzione di proclamare un’altra giornata solo per voi?

«Probabile. L’idea di settorializzare la giornata di protesta e lo sciopero per discipline come quella che noi collettivamente rappresentiamo era nata sul concetto, ormai innegabile ma che ha fatto fatica ad affermarsi fino ad adesso, che esistono assolutamente delle differenze carenziali settore per settore. Ci sono stati dei tagli lineari, ma in realtà le sofferenze di organico non investono tutto il mondo ospedaliero nella stessa maniera, ma colpiscono in modo particolare alcuni settori come quello che noi rappresentiamo. Ecco perché l’idea di uno sciopero dedicato esclusivamente a noi. Non essendo stato possibile per tutta una serie di meccanismi legati alla commissione di garanzia, sicuramente prenderemo in considerazione di indire un’altra giornata che sia esclusivamente nostra, penso entro la fine dell’anno».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, VERGALLO (AAROI-EMAC): «SCIOPERO DI UN ANESTESISTA BLOCCA DIECI PROFESSIONISTI. FAREMO SENTIRE PESO DELLA CATEGORIA»

Articoli correlati
Gli anestesisti in tour da Torino a Bari. Petrini (Siaarti): «Contro il Covid siamo stati brillanti»
Un'iniziativa per raccontare una professione in prima linea ed incontrare medici e istituzioni. La presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva: «Suggerimenti positivi per il governo su organizzazione e follow up»
di Federica Bosco
Covid-19, Vergallo (Aaroi): «Ora degenza in terapia intensiva più breve, ma pazienti gravi come a marzo»
Il Presidente del sindacato degli anestesisti rianimatori: «I fondi europei non siano persi in rivoli non produttivi. Come la medicina di famiglia»
Posti in più in terapia intensiva, ma mancano gli anestesisti. La denuncia di Vergallo (Aaroi-Emac)
Il presidente di Aaroi-Emac in un'intervista sul Messagero parla di tremila professionisti vacanti, mentre le persone in terapia intensiva aumentano ancora
Sanità privata, il 24 agosto presidi in tutta Italia per il rinnovo del contratto
Cgil, Cisl e Uil: «Non escludiamo sciopero nazionale se la sigla definitiva del contratto continuerà a mancare»
«Gli anestesisti-rianimatori siano centrali nella scuola di specializzazione in cure palliative»
L'appello congiunto di Flavia Petrini (SIAARTI), Alessandro Vergallo (AAROI-EMAC) e Paolo Pelosi (CPAR) ai ministri Manfredi e Speranza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...