Lavoro 16 novembre 2018

Contratto medici, Vergallo (Aaroi-Emac): «Solo promesse, mancano i fatti. Proclameremo una nostra giornata di sciopero»

Il presidente degli anestesisti a Sanità Informazione: «Paghiamo lo scotto di una programmazione sanitaria lasciata allo sbando da decenni, ma è ora di dare risposte concrete a medici e cittadini»

di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

Dichiarazioni di intenti e la garanzia, a parole, di affrontare tutte le criticità che hanno portato i medici a proclamare lo sciopero del 23 novembre. È questo ciò che è emerso dall’incontro tra i rappresentanti politici e quelli dell’intersindacale della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria. Per questo non può ritenersi soddisfatto Alessandro Vergallo, presidente nazionale di Aaroi-Emac (Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani –Emergenza area critica) che, ai nostri microfoni, ha annunciato una mobilitazione specifica solo per la sua categoria, oltre allo sciopero con gli altri sindacati.

Presidente, i sindacati incontrano la politica in questa assemblea pubblica: siete soddisfatti delle risposte che avete ricevuto finora?

«In realtà, per adesso, ci sono state fornite solamente delle dichiarazioni di intenti, per cui non possiamo essere soddisfatti. La verità è che stiamo attendendo un rinnovo contrattuale fermo ormai da nove anni e, più in generale, non abbiamo avuto ancora le risposte giuste. Ci vien fatta la promessa di un impegno ad occuparsene: chiaramente paghiamo lo scotto di un sistema sanitario lasciato allo sbando da decenni, soprattutto per quanto riguarda la programmazione, per cui non possiamo pretendere delle risposte immediate. Però, d’altro canto, la politica deve fornire riscontri non solo a medici e operatori sanitari ma soprattutto ai cittadini».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, IL PRESSING DI GUIDO QUICI (CIMO) SULLE ISTITUZIONI: «INTASIAMO I SOCIAL DEI POLITICI»

Voi avevate previsto uno sciopero unico solo per gli anestetisti, a cui poi, per forza di cose, hanno dovuto aderire tutti gli altri sindacati. Avete intenzione di proclamare un’altra giornata solo per voi?

«Probabile. L’idea di settorializzare la giornata di protesta e lo sciopero per discipline come quella che noi collettivamente rappresentiamo era nata sul concetto, ormai innegabile ma che ha fatto fatica ad affermarsi fino ad adesso, che esistono assolutamente delle differenze carenziali settore per settore. Ci sono stati dei tagli lineari, ma in realtà le sofferenze di organico non investono tutto il mondo ospedaliero nella stessa maniera, ma colpiscono in modo particolare alcuni settori come quello che noi rappresentiamo. Ecco perché l’idea di uno sciopero dedicato esclusivamente a noi. Non essendo stato possibile per tutta una serie di meccanismi legati alla commissione di garanzia, sicuramente prenderemo in considerazione di indire un’altra giornata che sia esclusivamente nostra, penso entro la fine dell’anno».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, VERGALLO (AAROI-EMAC): «SCIOPERO DI UN ANESTESISTA BLOCCA DIECI PROFESSIONISTI. FAREMO SENTIRE PESO DELLA CATEGORIA»

Articoli correlati
Contratto medici, CIMO pronta a class action contro Regioni e Aran e a denuncia alla Corte Europea dei diritti dell’uomo
Il presidente Guido Quici: «Siamo alle ultime battute di quest’anno e prendiamo atto della mancata volontà di firmare un dignitoso contratto e di riconoscere i diritti dei medici. Se neanche lo sciopero è servito, sarà un Giudice nazionale a ordinare all’Amministrazione di emendare le proprie amnesie ed un altro, europeo, a sanzionare lo Stato, le Regioni e gli organi cui è demandata la rappresentanza negoziale»
Pensioni d’oro, Cavallero (Cosmed): «No al taglio di un diritto acquisito. È un gravissimo precedente da contrastare. Andremo alla Corte Costituzionale»
«Il governo sa bene che la Corte dichiarerà illegittimo il taglio alle pensioni più alte. È una campagna di propaganda». L’intervista al segretario generale della Cosmed Giorgio Cavallero, che sul contratto della dirigenza aggiunge: «Pare ci siano spiragli per la firma, ma aspettiamo la versione definitiva della Legge di Bilancio»
Legge di Bilancio, il duro giudizio dell’intersindacale medica: «Se promesse tradite, nuovi scioperi»
Dall’«emendamento beffa» sull’inclusione dell’indennità di esclusività nella massa salariale e la «precarizzazione di ritorno» causata dai contratti di lavoro autonomo, fino alla «criminalizzazione e militarizzazione dell’intramoenia», i sindacati di medici e dirigenti sanitari avvertono: «Il rimedio rischia di essere peggiore del male»
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
Contratto medici, il nodo è la Ria. Palermo (Anaao): «Bene impegno Ministro, ora risposte. Problemi sono tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire»
Il segretario si dice «pessimista» sul rinnovo. Poi chiede di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità: «Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...