Politica 12 Novembre 2018

Contratto medici, mercoledì l’assemblea pubblica. Filippi (Cgil): «Con 100 milioni in più si salva SSN. Così può solo galleggiare»

Il segretario nazionale di Fp Cgil Medici risponde alle dichiarazioni della presidente della Commissione Affari Sociali Lorefice: «Ddl Concretezza aumenta fondo accessorio per medici stabilizzati, non c’entra con il nostro contratto»

Immagine articolo

Mercoledì 14 novembre medici e dirigenti sanitari incontrano esponenti della politica nazionale e regionale, e lo fanno in un’assemblea pubblica a Roma. Poco prima dell’apertura delle porte del Cinema Nuovo Olimpia che ospiterà il dibattito, inoltre, è previsto l’incontro tra una delegazione dell’intersindacale e la Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati. «Sarà l’occasione – commenta a Sanità Informazione Andrea Filippi, segretario nazionale di Fp Cgil Medici – per discutere le nostre proposte, anche se difficilmente sarà un incontro produttivo».

I temi al centro dell’assemblea pubblica sono riassunti nel manifesto preparato per l’occasione dai sindacati: lo smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale, il peggioramento delle condizioni di lavoro di medici e dirigenti sanitari, l’assenza da 10 anni del contratto, la mancanza delle assunzioni, la perdita di valore economico e professionale del lavoro, l’incertezza del futuro dei giovani lasciati fuori dalla formazione post laurea. Tra gli invitati del mondo delle istituzioni, i ministri della Salute e della Pubblica Amministrazione, i sottosegretari alla Salute e all’Economia, il coordinatore delle Regioni e il presidente del Comitato di settore, i presidenti delle Commissioni sanità di Camera e Senato, i parlamentari medici, veterinari e dirigenti sanitari e i responsabili sanità dei partiti. Conferme dei partecipanti ancora non si hanno.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO): «MANCATO RINNOVO ACCENTUERÀ FUGA CAMICI BIANCHI. DA POLITICA DISINTERESSE TOTALE»

Due i punti sui quali si è particolarmente soffermato Andrea Filippi nel presentare la giornata di mercoledì e nel commentare le ultime novità intervenute a livello normativo: lo sblocco del fondo accessorio previsto dal Ddl “Concretezza” e l’aumento del finanziamento per le borse di specializzazione contenuto nella manovra.

«La deroga alla Legge Madia prevista nel Ddl “Concretezza” – commenta Filippi, rispondendo alle dichiarazioni rilasciate ai nostri microfoni dalla presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice – consente di sbloccare quella parte del fondo accessorio per i dirigenti precari che vengono stabilizzati, aumentando le loro quote di competenza. È un’operazione sana ma non sufficiente. E non c’entra nulla col contratto. Noi invece chiediamo di recuperare la Retribuzione Individuale di Anzianità, la voce preminente che costituisce i fondi della dirigenza medica e sanitaria e che risulta ancora bloccata».

L’aumento dei contratti di specializzazione di 800 unità, poi, è «un’operazione sibillina», a detta di Filippi: «Sono stati previsti 22 milioni di euro, che aumenteranno fino al 2023. Ma le borse in più ogni anno saranno sempre e solo 800: i finanziamenti serviranno per portarle a regime per i prossimi 5 anni. Ma le Regioni da tempo chiedono 3mila borse in più. Quest’aumento non è un buon segnale, perché parliamo di un finanziamento di 20 milioni quando, con 120 milioni, coprivano il vero fabbisogno di 3mila borse. Un Governo che fa una finanziaria da 20 miliardi ma che non trova 100 milioni per salvare il SSN vuole continuare a far galleggiare il SSN».

«È meno del minimo necessario – conclude Filippi -. E questo sarebbe il segnale di rinnovamento di un Governo che intende fare la rivoluzione? Non mi sembra niente di diverso rispetto a quello che ha fatto il Governo Renzi. Anzi, forse è anche peggio. Almeno Renzi ha stabilizzato tutti i precari».

Articoli correlati
Filippi (Fp Cgil Medici): «Bene investimenti, ma ora serve un’idea innovativa di cambiamento dei servizi»
È innegabile come gli ultimi due decreti del Governo, “Cura Italia” e “Rilancio”, sanciscano un vero e proprio cambio di rotta in termini di risorse destinate al Fondo Sanitario Nazionale rispetto agli ultimi 20 anni, caratterizzati da un progressivo definanziamento sui servizi e sul personale. Se da un punto di vista strettamente quantitativo registriamo per […]
di Andrea Filippi, Segretario Nazionale Fp Cgil Medici e Dirigenti SSN
Sanità, Fp Cgil Medici: «Serve riforma Enpam e Ordini professionali»
«Non è più rinviabile una riforma complessiva della gestione dell’Enpam così come quella degli Ordini professionali». Ad affermarlo è Andrea Filippi, il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, alla luce di quanto emerso sulle retribuzioni del presidente dell’Ente di previdenza ed assistenza dei medici e degli odontoiatri, aggiungendo che: «Da anni chiediamo […]
Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»
Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della tornata precedente. In corso discussione Governo-sindacati se sono sufficienti»
Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»
Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»
Contratto, sindacati guardano già al 2019-2021. Grasselli (Cosmed): «Premiare medici che lavorano in aree marginali»
Al Convegno “Quale futuro per contratti e pensioni” organizzato dalla Confederazione Sindacale Medici e Dirigenti si è parlato molto di come incrementare le parti variabili del salario: «È necessario abrogare il comma 2 articolo 23 della Legge Madia: non ha più alcuna utilità, non ha generato alcun risparmio perché di fatto provoca distorsioni applicative in tutti i territori» sottolinea il segretario aggiunto Cosmed Aldo Grasselli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...