Lavoro 20 Novembre 2018

Sciopero medici, Ettore (Fesmed): «Di questo passo nostro SSN, da virtuoso, diventerà uno dei peggiori al mondo»

Il presidente della Fesmed accende i riflettori sulle conseguenze del blocco del turnover: «I medici anziani non hanno fatto in tempo a trasmettere ai più giovani l’esperienza acquisita in tanti anni. Questo significa che i (pochi) medici che entrano nel sistema rischiano di avere competenze così insignificanti da mettere a rischio la salute dei cittadini»

Giuseppe Ettore, presidente della Fesmed, è il sindacalista più scettico sui risultati degli incontri tra rappresentanza di medici e dirigenza sanitaria ed il mondo della politica. «Di fatto, risposte non ne abbiamo ancora – ha puntualizzato ai nostri microfoni a margine dell’assemblea pubblica organizzata dall’intersindacale -. Abbiamo solo promesse, tra l’altro dette male, da cui emerge che la politica ha il problema di trasmettere con chiarezza cosa voglia fare della sanità pubblica».

«Credo che l’aspetto più allarmante – prosegue Ettore – sia il grave degrado in cui versa oggi il SSN, non solo per le risorse insufficienti, ma anche per il livello della vita lavorativa del personale negli ospedali di oggi, e i rischi che questo comporta per i cittadini».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, TUZI (M5S): «PROBLEMA VIENE DAL PASSATO. GIUSTO MANIFESTARE DISSENSO MA NOI CHIEDIAMO TEMPO»

Il presidente della Fesmed accende quindi i riflettori sulle conseguenze del blocco del turnover, che vanno al di là della carenza di specialisti, ma incidono anche su quello che Ettore chiama «l’aspetto esperienziale» del personale: «I medici anziani non hanno fatto in tempo a trasmettere ai più giovani tutto quello che hanno vissuto e imparato, con orgoglio e sudore, nelle corsie, nelle sale operatorie o nei pronto soccorso. Questo significa che i (pochi) medici che entrano nel Sistema Sanitario Nazionale, soprattutto nelle aree di urgenza ed emergenza, rischiano di avere delle competenze così insignificanti che mettono a rischio la salute dei cittadini. E questo il nostro SSN, che è stato dichiarato uno dei migliori al mondo, non se lo può permettere. Di questo passo, a breve sarà uno dei peggiori al mondo».

Focalizzando il discorso sul rinnovo del contratto di lavoro della categoria, tra i motivi principali che, venerdì, porteranno allo sciopero migliaia di medici in tutta Italia, Giuseppe Ettore riconosce «la disponibilità dimostrata dalla presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice», ma evidenzia anche il problema del «grosso imbuto dal punto di vista decisionale. Chi decide – spiega a Sanità Informazione – sono il ministero dell’Economia e le Regioni, per cui in questo gioco triangolare non sappiamo quale sarà la vera conclusione».

LEGGI ANCHE: SINDACATI MEDICI, LE RAGIONI DELLO SCIOPERO. TROISE (ANAAO): «BENE SEGNALI DI ATTENZIONE, MA PRODURRANNO RISULTATI»

«Ovviamente si determina uno scaricabarile tra il MEF e le Regioni – prosegue – per cui le Regioni non ricevono l’adeguato finanziamento ed il MEF blocca il finanziamento del sistema sanitario pubblico. Fatto sta che noi oggi non abbiamo le risorse per poter finanziare il rinnovo del contratto ed è un paradosso, perché dovevano essere proprio le Regioni a incamerare una quota parte per il rinnovo contrattuale. Questo è accaduto per altre aree della sanità – conclude Ettore – ma non per la sanità pubblica degli ospedali».

 

Articoli correlati
Contratto medici, Onotri (SMI) contesta bozza ARAN: «Fondo unico e dotazioni organiche, ecco cosa non va»
«Dall’ARAN ci aspettavamo una proposta contrattuale decente per la dirigenza medica, rispondente all’esigenze e alle richieste dei medici e dei veterinari; ma purtroppo le nostre aspettative sono state disilluse». Con queste parole Pina Onotri, Segretario Generare del Sindacato Medici Italiani, espone la sua contrarietà all’attuale bozza del contratto nazionale della Dirigenza Medica in discussione all’Aran. […]
Contratto dirigenza: domani si chiude il pre-accordo, ma i sindacati del “Patto” potrebbero non firmare
«Se il testo non dovesse modificarsi significativamente, le organizzazioni sindacali aderenti al Patto per la professione medica - CIMO, FESMED e ANPO-ASCOTI-FIALS Medici - saranno costrette a non firmare il pre-accordo e dichiareranno lo stato di agitazione dei propri iscritti». Così Guido Quici, presidente del Patto
Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica
Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»
Contratto medici, nuova bozza ARAN sul tavolo. Ma il fronte sindacale resta diviso
In attesa del via libera da parte del Mef sul nuovo Atto d’indirizzo, ripartono le trattative con l’obiettivo di chiudere entro fine luglio. Filippi (Cgil): «Possiamo ottenere grandi risultati». Quici (Cimo – Fesmed): «Testo di rinnovo del contratto volutamente provocatorio e umiliante, è dichiarazione di guerra»
Contratto, Quici (CIMO-FESMED): «A chi conviene un medico demotivato e mal pagato?»
«Storia di un contratto che le istituzioni non vogliono fare». Le riflessioni del presidente della Federazione CIMO-FESMED Guido Quici sul contratto della dirigenza medica e sanitaria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...