Lavoro 20 novembre 2018

Sciopero medici, Ettore (Fesmed): «Di questo passo nostro SSN, da virtuoso, diventerà uno dei peggiori al mondo»

Il presidente della Fesmed accende i riflettori sulle conseguenze del blocco del turnover: «I medici anziani non hanno fatto in tempo a trasmettere ai più giovani l’esperienza acquisita in tanti anni. Questo significa che i (pochi) medici che entrano nel sistema rischiano di avere competenze così insignificanti da mettere a rischio la salute dei cittadini»

Giuseppe Ettore, presidente della Fesmed, è il sindacalista più scettico sui risultati degli incontri tra rappresentanza di medici e dirigenza sanitaria ed il mondo della politica. «Di fatto, risposte non ne abbiamo ancora – ha puntualizzato ai nostri microfoni a margine dell’assemblea pubblica organizzata dall’intersindacale -. Abbiamo solo promesse, tra l’altro dette male, da cui emerge che la politica ha il problema di trasmettere con chiarezza cosa voglia fare della sanità pubblica».

«Credo che l’aspetto più allarmante – prosegue Ettore – sia il grave degrado in cui versa oggi il SSN, non solo per le risorse insufficienti, ma anche per il livello della vita lavorativa del personale negli ospedali di oggi, e i rischi che questo comporta per i cittadini».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, TUZI (M5S): «PROBLEMA VIENE DAL PASSATO. GIUSTO MANIFESTARE DISSENSO MA NOI CHIEDIAMO TEMPO»

Il presidente della Fesmed accende quindi i riflettori sulle conseguenze del blocco del turnover, che vanno al di là della carenza di specialisti, ma incidono anche su quello che Ettore chiama «l’aspetto esperienziale» del personale: «I medici anziani non hanno fatto in tempo a trasmettere ai più giovani tutto quello che hanno vissuto e imparato, con orgoglio e sudore, nelle corsie, nelle sale operatorie o nei pronto soccorso. Questo significa che i (pochi) medici che entrano nel Sistema Sanitario Nazionale, soprattutto nelle aree di urgenza ed emergenza, rischiano di avere delle competenze così insignificanti che mettono a rischio la salute dei cittadini. E questo il nostro SSN, che è stato dichiarato uno dei migliori al mondo, non se lo può permettere. Di questo passo, a breve sarà uno dei peggiori al mondo».

Focalizzando il discorso sul rinnovo del contratto di lavoro della categoria, tra i motivi principali che, venerdì, porteranno allo sciopero migliaia di medici in tutta Italia, Giuseppe Ettore riconosce «la disponibilità dimostrata dalla presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice», ma evidenzia anche il problema del «grosso imbuto dal punto di vista decisionale. Chi decide – spiega a Sanità Informazione – sono il ministero dell’Economia e le Regioni, per cui in questo gioco triangolare non sappiamo quale sarà la vera conclusione».

LEGGI ANCHE: SINDACATI MEDICI, LE RAGIONI DELLO SCIOPERO. TROISE (ANAAO): «BENE SEGNALI DI ATTENZIONE, MA PRODURRANNO RISULTATI»

«Ovviamente si determina uno scaricabarile tra il MEF e le Regioni – prosegue – per cui le Regioni non ricevono l’adeguato finanziamento ed il MEF blocca il finanziamento del sistema sanitario pubblico. Fatto sta che noi oggi non abbiamo le risorse per poter finanziare il rinnovo del contratto ed è un paradosso, perché dovevano essere proprio le Regioni a incamerare una quota parte per il rinnovo contrattuale. Questo è accaduto per altre aree della sanità – conclude Ettore – ma non per la sanità pubblica degli ospedali».

 

Articoli correlati
Legge di Bilancio, il duro giudizio dell’intersindacale medica: «Se promesse tradite, nuovi scioperi»
Dall’«emendamento beffa» sull’inclusione dell’indennità di esclusività nella massa salariale e la «precarizzazione di ritorno» causata dai contratti di lavoro autonomo, fino alla «criminalizzazione e militarizzazione dell’intramoenia», i sindacati di medici e dirigenti sanitari avvertono: «Il rimedio rischia di essere peggiore del male»
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
Contratto medici, il nodo è la Ria. Palermo (Anaao): «Bene impegno Ministro, ora risposte. Problemi sono tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire»
Il segretario si dice «pessimista» sul rinnovo. Poi chiede di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità: «Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini»
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...