Lavoro 20 Novembre 2018

Sciopero medici, Ettore (Fesmed): «Di questo passo nostro SSN, da virtuoso, diventerà uno dei peggiori al mondo»

Il presidente della Fesmed accende i riflettori sulle conseguenze del blocco del turnover: «I medici anziani non hanno fatto in tempo a trasmettere ai più giovani l’esperienza acquisita in tanti anni. Questo significa che i (pochi) medici che entrano nel sistema rischiano di avere competenze così insignificanti da mettere a rischio la salute dei cittadini»

Giuseppe Ettore, presidente della Fesmed, è il sindacalista più scettico sui risultati degli incontri tra rappresentanza di medici e dirigenza sanitaria ed il mondo della politica. «Di fatto, risposte non ne abbiamo ancora – ha puntualizzato ai nostri microfoni a margine dell’assemblea pubblica organizzata dall’intersindacale -. Abbiamo solo promesse, tra l’altro dette male, da cui emerge che la politica ha il problema di trasmettere con chiarezza cosa voglia fare della sanità pubblica».

«Credo che l’aspetto più allarmante – prosegue Ettore – sia il grave degrado in cui versa oggi il SSN, non solo per le risorse insufficienti, ma anche per il livello della vita lavorativa del personale negli ospedali di oggi, e i rischi che questo comporta per i cittadini».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, TUZI (M5S): «PROBLEMA VIENE DAL PASSATO. GIUSTO MANIFESTARE DISSENSO MA NOI CHIEDIAMO TEMPO»

Il presidente della Fesmed accende quindi i riflettori sulle conseguenze del blocco del turnover, che vanno al di là della carenza di specialisti, ma incidono anche su quello che Ettore chiama «l’aspetto esperienziale» del personale: «I medici anziani non hanno fatto in tempo a trasmettere ai più giovani tutto quello che hanno vissuto e imparato, con orgoglio e sudore, nelle corsie, nelle sale operatorie o nei pronto soccorso. Questo significa che i (pochi) medici che entrano nel Sistema Sanitario Nazionale, soprattutto nelle aree di urgenza ed emergenza, rischiano di avere delle competenze così insignificanti che mettono a rischio la salute dei cittadini. E questo il nostro SSN, che è stato dichiarato uno dei migliori al mondo, non se lo può permettere. Di questo passo, a breve sarà uno dei peggiori al mondo».

Focalizzando il discorso sul rinnovo del contratto di lavoro della categoria, tra i motivi principali che, venerdì, porteranno allo sciopero migliaia di medici in tutta Italia, Giuseppe Ettore riconosce «la disponibilità dimostrata dalla presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice», ma evidenzia anche il problema del «grosso imbuto dal punto di vista decisionale. Chi decide – spiega a Sanità Informazione – sono il ministero dell’Economia e le Regioni, per cui in questo gioco triangolare non sappiamo quale sarà la vera conclusione».

LEGGI ANCHE: SINDACATI MEDICI, LE RAGIONI DELLO SCIOPERO. TROISE (ANAAO): «BENE SEGNALI DI ATTENZIONE, MA PRODURRANNO RISULTATI»

«Ovviamente si determina uno scaricabarile tra il MEF e le Regioni – prosegue – per cui le Regioni non ricevono l’adeguato finanziamento ed il MEF blocca il finanziamento del sistema sanitario pubblico. Fatto sta che noi oggi non abbiamo le risorse per poter finanziare il rinnovo del contratto ed è un paradosso, perché dovevano essere proprio le Regioni a incamerare una quota parte per il rinnovo contrattuale. Questo è accaduto per altre aree della sanità – conclude Ettore – ma non per la sanità pubblica degli ospedali».

 

Articoli correlati
Sanità privata, la protesta di Cgil, Cisl e Uil: «Firma entro pochi giorni o sciopero generale»
Presidio di decine di lavoratori davanti alla Camera dei deputati: tra gli slogan «contratto subito» e «padroni predoni». Landini (Cgil): «Firmare il contratto vuol dire riconoscere il lavoro delle persone e mettere al centro la salute dei cittadini». Bombardieri (Uil): «Se non si rinnovano i contratti, lo scontro sarà inevitabile». Ai manifestanti la solidarietà del vicesegretario dem Andrea Orlando
«Rischioso aderire al Mes senza un progetto per il futuro della sanità». Intervista al presidente Cimo-Fesmed Guido Quici
«Questa è una vera opportunità per riformare il SSN. Servono ospedali flessibili, continuità con il territorio e centralità della professione. Ora la politica ci strumentalizza, poi finirà tutto nel dimenticatoio. Se sono sinceri, ci convochino per il nuovo contratto»
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Quest’estate gli ospedalieri potrebbero non riuscire ad andare in ferie. Leoni (CIMO Veneto) spiega perché
Nuovo contratto, carenza di personale e recupero delle prestazioni rimandate per il Covid: la tempesta perfetta che rende le vacanze estive di chi lavora in ospedale un miraggio
Cimop in Conferenza Regioni, confermato sciopero il 24 gennaio
Contratto nella sanità privata, i vertici della Cimop ricevuti e ascoltati dalla Conferenza delle Regioni. De Rango: “Grata a Venturi e Icardi per la sensibilità”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...