Lavoro 11 Settembre 2020 18:08

Rientro a scuola in sicurezza, la formazione delle equipe anti Covid-19

Si è svolto questa mattina l’evento formativo dedicato alle equipe anti Covid-19 della Asl Roma 1. Il direttore Angelo Tanese: «Supportare le istituzioni scolastiche nella gestione di questa fase di ripartenza»

Mancano pochi giorni al rientro a scuola nella maggior parte delle regioni italiane, dopo lo tsunami coronavirus che ha travolto il mondo. «Una sfida per il sistema», l’ha definita il premier Conte, che ha assicurato il corretto svolgimento del nuovo anno scolastico. Un anno che sarà inevitabilmente diverso dai precedenti. Ma la scuola è davvero pronta a riaprire? Intanto, quasi il 50% del personale della scuola, circa 500mila persone, ha effettuato il test sierologico per il Covid-19 e di questi il 2,6% –13mila persone – è risultato positivo e dovrà attendere il tampone negativo per poter lavorare.

RIENTRO A SCUOLA: LE MISURE DELLA ASL ROMA 1

Nella Regione Lazio le scuole riapriranno i cancelli regolarmente lunedì prossimo ma esiste la possibilità per i sindaci di posporre l’inizio delle lezioni in caso di difficoltà. In questo scenario, sono tante le misure intraprese dalla Asl Roma 1 in vista della riapertura sulla base di quanto stabilito dalla “Linee di indirizzo operative per la preparazione e gestione di casi e focolai di SARS-CoV -2 nelle scuole e nei servizi educativi del Lazio”.

L’INDAGINE DI SIEROPREVALENZA

«Siamo andati nelle scuole per poter fare gli esami ai docenti e agli alunni disabili – ha spiegato Paolo Parente, coordinatore dell’indagine di sieroprevalenza Asl Roma 1 per le scuole -. L’indagine ha visto coinvolti finora il 50% degli utenti. Questo ha permesso di costruire un rapporto solido con il corpo docente e con le dirigenze scolastiche».

Concorda la dottoressa Teresa Ierardi che ha coordinato l’indagine, riscontrando tuttavia ritardi e carenze strutturali in alcuni istituti: «È stato un lavoro importante e capillare, abbiamo riscontrato una buona partecipazione. Devo dire, però, che tante scuole non sono ancora pronte a riaprire, alcune dovevano ancora effettuare la sanificazione».

LE EQUIPE ANTI COVID-19

«Inoltre, ogni distretto avrà un’equipe anti Covid-19 specifica che verrà contattata tramite un numero dedicato – ha precisato Parente – da tutte le scuole che dovessero necessitare di un intervento rapido per la gestione degli alunni e operatori con sintomatologia ascrivibile al Covid-19».

Con l’obiettivo di instaurare un rapporto diretto e di supporto reciproco tra Asl e scuole questa mattina si è svolto il corso di formazione dedicato alle equipe anti Covid-19. Tante le domande in sala e tanti gli argomenti affrontati: dalle indicazioni per ridurre il contagio ai numeri dedicati, passando per il ruolo del referente scolastico fino ad arrivare alle procedure operative per la gestione dei casi sintomatici a scuola. Le equipe saranno composte da operatori sanitari del SISP e operatori sanitari dei Distretti ed avranno il compito di:

  • effettuare indagini epidemiologiche e attività di contact tracing nelle scuole e nei servizi educativi;
  • coordinare il lavoro con pediatri di libera scelta e medici di medicina generale del territorio per la gestione tempestiva di bambini, studenti e operatori scolastici con segni/sintomi di Covid-19;
  • pianificare e eseguire test di screening o diagnostici presso scuole e servizi educativi con il supporto delle attività dell’Unità Speciale di Continuità Assistenziale Regionale (USCAR), in raccordo con il coordinamento regionale USCAR e in collegamento con i Dirigenti scolastici o Responsabili delle strutture scolastiche e educative.

«La Asl Roma 1 ha introdotto un’equipe scuola Covid come richiesto dalla Regione Lazio che diventa fondamentale per supportare le istituzioni scolastiche nella gestione di questa fase di ripartenza – ha dichiarato il direttore della Asl Roma 1 Angelo Tanese -. È il momento di farsi trovare pronti. Il nostro compito è costruire un modello di intervento sia per la gestione dei casi positivi che per le scelte di isolamento e per tutti gli aspetti relativi alla sanificazione e sicurezza per far sì che la scuola possa portare in campo l’attività didattica il più possibile con serenità» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test anti-Covid made in Italy ci dirà quando fare il richiamo di vaccino
Sviluppato dall’IRCCS Candiolo di Torino in collaborazione con l’Italian Institute for Genomic Medicine (IIGM) e con il laboratorio Armenise-Harvard di Immunoregolazione, un test che servirà, su larga scala, a stabilire il livello e la durata di immunizzazione delle persone al virus Sars-CoV-2
Ansia da primo giorno di scuola? C’è chi la “cura” con la mascherina
Abolito l’obbligo di mascherina in classe, ma c’è chi la indosserà ugualmente, lo psicologo: «Aiuta a sentirsi più al sicuro». Altra novità dell’anno scolastico 2022-23 è la riapertura delle mense, ma l’esperto avverte: «Attenzione all’inquinamento acustico. La pandemia ci ha disabituati al caos»
Quarantena e isolamento ridotti, nuova circolare del Ministero della Salute
Una nuova circolare del ministero della Salute accorcia i tempi previsti per la quarantena dei positivi e l'isolamento in caso di positività persistente
Rientro a scuola, c’è ancora l’obbligo della mascherina?
Nelle nuove linee guida per il rientro a scuola le misure sono meno stringenti: nessun obbligo mascherina per tutti. Ma le cose potranno cambiare qualora l'emergenza si aggravi
Rientro a scuola, nelle nuove regole mascherine se i casi aumentano
L'Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell'Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno pubblicato le nuove linee guida Covid per il rientro a scuola. Le mascherine indicate solo per studenti e operatori fragili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi