Lavoro 11 Settembre 2020 18:08

Rientro a scuola in sicurezza, la formazione delle equipe anti Covid-19

Si è svolto questa mattina l’evento formativo dedicato alle equipe anti Covid-19 della Asl Roma 1. Il direttore Angelo Tanese: «Supportare le istituzioni scolastiche nella gestione di questa fase di ripartenza»

Mancano pochi giorni al rientro a scuola nella maggior parte delle regioni italiane, dopo lo tsunami coronavirus che ha travolto il mondo. «Una sfida per il sistema», l’ha definita il premier Conte, che ha assicurato il corretto svolgimento del nuovo anno scolastico. Un anno che sarà inevitabilmente diverso dai precedenti. Ma la scuola è davvero pronta a riaprire? Intanto, quasi il 50% del personale della scuola, circa 500mila persone, ha effettuato il test sierologico per il Covid-19 e di questi il 2,6% –13mila persone – è risultato positivo e dovrà attendere il tampone negativo per poter lavorare.

RIENTRO A SCUOLA: LE MISURE DELLA ASL ROMA 1

Nella Regione Lazio le scuole riapriranno i cancelli regolarmente lunedì prossimo ma esiste la possibilità per i sindaci di posporre l’inizio delle lezioni in caso di difficoltà. In questo scenario, sono tante le misure intraprese dalla Asl Roma 1 in vista della riapertura sulla base di quanto stabilito dalla “Linee di indirizzo operative per la preparazione e gestione di casi e focolai di SARS-CoV -2 nelle scuole e nei servizi educativi del Lazio”.

L’INDAGINE DI SIEROPREVALENZA

«Siamo andati nelle scuole per poter fare gli esami ai docenti e agli alunni disabili – ha spiegato Paolo Parente, coordinatore dell’indagine di sieroprevalenza Asl Roma 1 per le scuole -. L’indagine ha visto coinvolti finora il 50% degli utenti. Questo ha permesso di costruire un rapporto solido con il corpo docente e con le dirigenze scolastiche».

Concorda la dottoressa Teresa Ierardi che ha coordinato l’indagine, riscontrando tuttavia ritardi e carenze strutturali in alcuni istituti: «È stato un lavoro importante e capillare, abbiamo riscontrato una buona partecipazione. Devo dire, però, che tante scuole non sono ancora pronte a riaprire, alcune dovevano ancora effettuare la sanificazione».

LE EQUIPE ANTI COVID-19

«Inoltre, ogni distretto avrà un’equipe anti Covid-19 specifica che verrà contattata tramite un numero dedicato – ha precisato Parente – da tutte le scuole che dovessero necessitare di un intervento rapido per la gestione degli alunni e operatori con sintomatologia ascrivibile al Covid-19».

Con l’obiettivo di instaurare un rapporto diretto e di supporto reciproco tra Asl e scuole questa mattina si è svolto il corso di formazione dedicato alle equipe anti Covid-19. Tante le domande in sala e tanti gli argomenti affrontati: dalle indicazioni per ridurre il contagio ai numeri dedicati, passando per il ruolo del referente scolastico fino ad arrivare alle procedure operative per la gestione dei casi sintomatici a scuola. Le equipe saranno composte da operatori sanitari del SISP e operatori sanitari dei Distretti ed avranno il compito di:

  • effettuare indagini epidemiologiche e attività di contact tracing nelle scuole e nei servizi educativi;
  • coordinare il lavoro con pediatri di libera scelta e medici di medicina generale del territorio per la gestione tempestiva di bambini, studenti e operatori scolastici con segni/sintomi di Covid-19;
  • pianificare e eseguire test di screening o diagnostici presso scuole e servizi educativi con il supporto delle attività dell’Unità Speciale di Continuità Assistenziale Regionale (USCAR), in raccordo con il coordinamento regionale USCAR e in collegamento con i Dirigenti scolastici o Responsabili delle strutture scolastiche e educative.

«La Asl Roma 1 ha introdotto un’equipe scuola Covid come richiesto dalla Regione Lazio che diventa fondamentale per supportare le istituzioni scolastiche nella gestione di questa fase di ripartenza – ha dichiarato il direttore della Asl Roma 1 Angelo Tanese -. È il momento di farsi trovare pronti. Il nostro compito è costruire un modello di intervento sia per la gestione dei casi positivi che per le scelte di isolamento e per tutti gli aspetti relativi alla sanificazione e sicurezza per far sì che la scuola possa portare in campo l’attività didattica il più possibile con serenità» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Cure domiciliari Covid-19, Ministero aggiorna protocollo: ecco cosa cambia
La circolare sostituisce le linee guida di novembre. A casa paracetamolo e Fans; anticorpi monoclonali solo nella prima fase dell'infezione. No a cortisone, eparina e antibiotici. Se la saturazione scende sotto il 92% valutare ricovero o ossigenoterapia in casa
Autismo al tempo del Covid: da OISMA gli strumenti per aiutare insegnanti e genitori
Giuseppe, un ragazzo di 18 anni autistico insignito del titolo di Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella per il suo impegno durante la DAD e la capacità di essere da stimolo per i compagni, è l’esempio che esiste anche in età adulta una plasticità cerebrale che permette di apprendere mettendo in gioco le emozioni positive
di Federica Bosco
Covid-19, over 65 esclusi da vaccinazione a scuola. Tuzi (M5S): «Così 50mila esclusi, non c’è logica medica»
«Bisogna modificare rapidamente i piani vaccinali e prevedere un monitoraggio regionale per impedire che si possano verificare nuovamente situazioni similari» spiega il medico e deputato Cinque Stelle
Università UniCamillus: +34,2% di iscrizioni al Test di ammissione a Medicina
L’Università UniCamillus sarà la prima Università del Lazio ad effettuare i test di ammissione ai propri Corsi di Laurea attraverso procedura on line
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco