Dalla Redazione 20 Maggio 2020 19:35

Tanese (ASL Roma 1): «Serve uno straordinario piano di innovazione del Servizio Sanitario»

L’emergenza Covid 19 ha sottoposto il nostro sistema sanitario, e più in generale il nostro Paese, a una durissima prova, sia sotto il profilo più strettamente assistenziale, per il rapido e grave impatto del contagio sulla popolazione, sia per le ricadute sociali ed economiche delle misure di contenimento. La cosiddetta Fase 2 viene quindi invocata […]

di Angelo Tanese, Direttore generale ASL Roma 1

L’emergenza Covid 19 ha sottoposto il nostro sistema sanitario, e più in generale il nostro Paese, a una durissima prova, sia sotto il profilo più strettamente assistenziale, per il rapido e grave impatto del contagio sulla popolazione, sia per le ricadute sociali ed economiche delle misure di contenimento.

La cosiddetta Fase 2 viene quindi invocata ed evocata, da più parti, come il necessario ritorno alla normalità e il progressivo superamento del periodo dell’emergenza, per contenere i danni del lockdown. Se questa aspettativa è legittima e comprensibile, per ritornare ad una vita attiva e produttiva, occorre tuttavia riflettere su due aspetti a mio avviso fondamentali, per gestire in modo consapevole ed efficace la Fase 2 dell’emergenza.

Innanzitutto, il fatto che dovremo comunque convivere con il rischio e quindi adottare tutte le misure necessarie per operare in sicurezza, e per un periodo abbastanza lungo, fino a quando non ci sarà un vaccino. E forse anche in quel caso molte delle misure di prevenzione che abbiamo oggi adottato, come la misurazione della temperatura in ingresso in posti ad alto afflusso, o il distanziamento sociale nei luoghi pubblici, resteranno probabilmente nelle nostre abitudini e comportamenti sociali.

Il secondo aspetto, a mio avviso più importante, risiede nella necessità di considerare la Fase 2 non già come un ritorno a ciò che eravamo ma come una grande occasione per ripensare, sulla base di ciò che abbiamo vissuto e appreso da questa esperienza, lo stesso sistema di erogazione dei servizi sanitari.

I prossimi mesi dovranno vederci impegnati, ancor più di questo inizio del 2020, in uno straordinario piano di innovazione del Servizio Sanitario, nell’ottica di una maggiore flessibilità e integrazione della rete ospedaliera, nello sviluppo di un’assistenza territoriale più proattiva e di prossimità, con particolare attenzione all’utilizzo delle tecnologie digitali, e a una più forte e condivisa cultura della prevenzione e della promozione della salute. I cittadini hanno forse compreso il senso della responsabilità individuale nella tutela della salute come bene comune, e dobbiamo fare tesoro di questa esperienza per riorientare le politiche e le nostre azioni verso la sostenibilità, la sicurezza e la qualità della vita nelle nostre città.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
“La sanità digitale come strumento di prevenzione del rischio clinico”: esperti a confronto al Santo Spirito
Nel convegno promosso dall'Asl Roma 1 si parlerà di e-health e di tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) necessarie per far funzionare il sistema sanitario in sicurezza e qualità, riducendo i rischi collegati ai processi sempre più complessi ed interprofessionali.
Rientro a scuola in sicurezza, la formazione delle equipe anti Covid-19
Si è svolto questa mattina l’evento formativo dedicato alle equipe anti Covid-19 della Asl Roma 1. Il direttore Angelo Tanese: «Supportare le istituzioni scolastiche nella gestione di questa fase di ripartenza»
Covid-19, a Roma il tampone si fa in macchina. Di Rosa (Sisp): «Tre infermieri per 50 test al giorno»
Attivo 7 giorni su 7, il test modello drive-in della Asl Roma1 per la ricerca del nuovo Coronavirus è partito presso il comprensorio di Santa Maria della Pietà. Si fa senza scendere dall’auto, è sicuro, rapido, efficace e pronto in sole 24 ore. Ne abbiamo parlato con il Direttore Enrico di Rosa
Fine Vita, Tanese (ASL Roma1): «In momento così delicato diventa fondamentale la formazione per i sanitari e l’informazione per gli assistiti»
«La diversità culturale e religiosa crea barriere e la rete dei servizi dell’azienda sanitaria deve funzionare in maniera più integrata, a partire dal medico di medicina generale fino agli operatori». Così Angelo Tanese, Direttore generale della ASL Roma 1 che, insieme al Tavolo interreligioso di Roma ed al Policlinico Gemelli, ha promosso il Manifesto Interreligioso per il Fine Vita
Emergenza rifiuti a Roma, Di Rosa (Siti e Asl Roma1): «Malattie infettive? Difficile ma non impossibile. Più rischi con il caldo»
Topi, mosche e cinghiali: non è la ricetta per una pozione magica ma «le specie animali che attirate dai rifiuti urbani, possono proliferare e diventare vettori di malattie per l’uomo». Lo spiega Enrico Di Rosa, Segretario della SITI e referente dell’UOC Servizio igiene sanità pubblica dell'Asl Roma 1
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.