Lavoro 22 Gennaio 2019 09:00

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, contribuendo quindi ad aggravare la carenza di specialisti. In Legge di Bilancio, poi, i tagli dal 15% al 40% alle pensioni più alte. Ma il vicepresidente dell’Enpam Giovanni Malagnino tranquillizza i medici…

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Sono i provvedimenti vessillo della Lega, quelli che riguardano le pensioni. In particolare, quota 100 consentirà a chi ha maturato a fine 2018 almeno 62 anni di età e 38 di contributi di andare in pensione anticipata. La platea che potrebbe beneficiare della misura è di circa 315mila persone, e tra queste ci sono anche medici. I sindacati dei camici bianchi sottolineano che la riforma pensionistica non avrà un grosso impatto sulle uscite già previste con la legge Fornero, ma piuttosto un effetto di accelerazione: andrà in pensione il 10-15% dei medici e, quindi, invece di avere 7mila uscite l’anno, verosimilmente ne avremmo 8mila.

Dati confermati anche dall’Enpam, secondo cui l’impatto di quota 100 sui camici bianchi iscritti alla cassa previdenziale dei medici sarà «molto basso». È questa la previsione del vicepresidente Enpam Giovanni Malagnino, che abbiamo incontrato al sit-in organizzato dall’intersindacale davanti al ministero della Pubblica Amministrazione, dove ha voluto «portare la solidarietà dell’Enpam ai colleghi ospedalieri e del territorio che si stanno battendo per sostenere il Sistema sanitario nazionale in un momento in cui si sta cercando di bloccarlo in tutti i modi».

E tra gli ostacoli e le difficoltà che il SSN sta affrontando c’è anche la grave carenza di specialisti che sta svuotando le corsie degli ospedali. Una situazione che, come denunciato più volte da diverse voci, rischia di aggravarsi ulteriormente con quota 100. Perché se la misura «non avrà un riflesso sugli iscritti all’Enpam» – come sottolineato da Malagnino, il mondo ospedaliero «potrebbe approfittarne». 

LEGGI ANCHE: RUSSO (FORZA ITALIA): «CONTRATTO E QUOTA 100, RISCHIO ESODO DALLA SANITÀ PUBBLICA. ORA ASSUNZIONI E STOP PRECARIATO»

Chi infatti ha vissuto per più di 38 anni la vita ospedaliera, con i turni massacranti che la contraddistinguono e le guardie e le notti e il mancato rispetto dei riposi e delle ferie e, ancora, lo stress e il burnout e la sospensione a tempo indeterminato di qualsiasi attività extra-lavorativa, non può che guardare con favore all’idea di andare in pensione un po’ prima. Anche rinunciando ad un assegno pensionistico un po’ più alto, considerato che la pensione di chi aderisce a quota 100 sarà tagliata, a seconda dei casi, tra il 5% ed il 30%. «Qualche ospedaliero potrebbe approfittarne perché è stanco e non ce la fa più a stare in ospedale», commenta Malagnino.

A detta del vicepresidente Enpam, però, la misura presenta una «grossa limitazione»: per 5 anni, infatti, non si potranno cumulare altri redditi superiori ai 5mila euro oltre a quello pensionistico. «Non si capisce perché – continua il vicepresidente dell’Enpam – a 62 anni non si potrà lavorare e poi, a 68, si potrà ricominciare. È francamente una cosa di difficile comprensione».

Per i dipendenti pubblici, la finestra di uscita è semestrale e i primi pensionamenti con quota 100 saranno ad agosto. «Ma la Legge prevede che prima di novembre non si possano assumere nuovi medici, quando negli ospedali e sul territorio c’è già una grave carenza di professionisti – prosegue Malagnino -. Quindi se quota 100 fosse utile per inserire subito giovani nel mondo ospedaliero, potrebbe anche essere una cosa opportuna, ma così non è».

Chi è già in pensione, invece, rischia il taglio dell’assegno. La Legge di Bilancio prevede infatti un contributo del 15% per i redditi tra 100mila e 130mila euro, del 25% per i redditi tra 130.001 e 200mila euro, del 30% per i redditi tra 200.001 e 350mila euro, del 35% per i redditi tra 350.001 e 500mila euro e del 40% per quelli superiori a 500mila euro.

Anche in questo caso, però, Malagnino rassicura i medici Enpam: «Il taglio delle pensioni d’oro non riguarda le casse di previdenza privatizzate, quindi noi siamo esplicitamente esclusi e siamo abbastanza sereni. Le nostre pensioni, ad ogni modo, non sono considerate d’oro perché molto difficilmente superano i 4mila euro netti al mese. E poi – conclude il vicepresidente della cassa previdenziale – chi ha versato si riprende i suoi soldi. Niente di più, niente di meno».

LEGGI ANCHE: PENSIONI D’ORO, CAVALLERO (COSMED): «NO AL TAGLIO DI UN DIRITTO ACQUISITO. È UN GRAVISSIMO PRECEDENTE DA CONSTRASTARE. ANDREMO ALLA CORTE COSTITUZIONALE»

Articoli correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano