Lavoro 14 Gennaio 2019

Ferie non godute, ecco quando (e perché) vanno monetizzate. L’Avv. Croce (Consulcesi & Partners): “Anche la giustizia Ue dalla nostra parte”

Lo studio legato alla principale realtà di tutela dei camici bianchi spiega a Sanità Informazione perché i professionisti hanno diritto ad un risarcimento: “Le direttive della CGUE, che si sovraimpongono al nostro ordinamento, confermano i nostri principi. Nei ricorsi punteremo su questo”

Se un medico non riesce a godere delle sue ferie per impedimenti che dipendono dal suo datore di lavoro ha diritto ad un risarcimento. Lo confermano una sentenza della Corte Costituzionale del 2013 e più pronunce della Corte di Giustizia europea del 2018. Ed è su queste basi che si fondano i ricorsi che l’avvocato Marco Croce, che fa parte della rete di studi legali creata, su tutto il territorio nazionale, da Consulcesi & Partners, sta preparando proprio in questi giorni per tutelare diversi professionisti che sono incappati in questa ingiustizia.

Avvocato Croce, il Suo studio ha già gestito diverse posizioni stragiudiziali relative al problema delle ferie non godute, e in questi giorni stanno partendo i primi ricorsi. Ci può spiegare in cosa consiste la questione e perché siete sicuri che i professionisti che vi incappano abbiano diritto ad un risarcimento?

“Il problema è che l’ordinamento sanitario – e, in generale, della pubblica amministrazione – prevede il principio dell’effettività teorica di godimento delle ferie perché, anche per comprensibili ragioni di finanze pubbliche, non esiste un favore per la traduzione del mancato godimento delle ferie in monetizzazione. C’è anzi una norma espressa che prevede il contrario, ovvero che le ferie non godute non siano monetizzabili. Detto questo, la vicenda sembrerebbe chiusa. Così non è. Il punto è che l’istituto della non monetizzabilità delle ferie va letto in coordinazione con altri principi, tant’è vero che nel 2013 la Corte Costituzionale è intervenuta proprio su questa materia. E dunque l’impossibilità di fruire delle ferie causata da un’esigenza della pubblica amministrazione sanitaria – e quindi, ad esempio, da carenze di organico, da ordini di servizio per una protratta emergenza o comunque per una espressa indicazione dell’amministrazione di non fruire delle ferie per garantire la continuità assistenziale e prestazionale – chiaramente priva il medico della possibilità di fruire delle ferie. E siccome questa mancata fruizione dipende da un’esigenza dell’amministrazione, non parliamo più di monetizzazione, ma di un danno che il medico ha subito e che si traduce in un obbligo risarcitorio in capo all’amministrazione”.

Qual è la posizione dell’Unione europea su questo problema?

“La giurisprudenza della Ue si è schierata dal lato nostro. Nel mese di novembre del 2018, quindi piuttosto di recente, ci sono state alcune pronunce – come ad esempio quella del 6 novembre da parte della Corte di Giustizia europea – che confermano esattamente questo principio, ovvero che laddove il diritto di fruire delle ferie non sia stato goduto a causa di un’esigenza del datore di lavoro, non c’è dubbio che esso debba essere tradotto in una somma di denaro per mancato godimento delle stesse. È una posizione importante perché le pronunce della Corte di Giustizia europea si sovraimpongono al nostro ordinamento. Quindi da un lato esiste il diritto costituzionale alle ferie che controbilancia la norma delle leggi finanziarie che non consentono la loro monetizzazione; dall’altro abbiamo queste pronunce, sia della Corte Costituzionale nel 2013, sia della Corte di Giustizia europea nel 2018, che ci danno ampia motivazione laddove l’impossibilità di fruire di quelle ferie sia dipesa da esigenze di servizio che hanno impedito al medico di goderne”.

Il suo studio tratta questi casi per conto di Consulcesi, di cui è partner.

“Ormai la nostra collaborazione dura da un paio di anni perché a mio avviso Consulcesi ha una visione di tutela dei medici – e, più in generale, dei professionisti della salute – moderna, molto accurata e giustamente fidelizzata su tutto il territorio nazionale perché attenta e molto poliedrica. Si occupa di tantissime esigenze dei camici bianchi e a mio avviso lo fa con correttezza e completezza”.

Articoli correlati
Covid, Consulcesi & Partners: «Boom di denunce contro i medici, via a task force per difesa categoria»
Secondo il procuratore aggiunto di Roma, sono cresciute le denunce di pazienti e familiari su presunta responsabilità medica per aver contratto il Covid-19. Da Consulcesi & Partners un aiuto per tutelare le ragioni degli operatori sanitari
Test medicina, caos codici e irregolarità: «Rischio prove nulle in 2 università su 3»
Secondo quanto riporta Consulcesi, sarebbero «ben 23 atenei su 37 ad essere implicati in illeciti e anomalie»
Medici e infermieri pronti per seconda ondata: in estate + 30% corsi online su Covid
Consulcesi registra un picco rispetto l’anno precedente e nella top ten dei titoli più scelti 8 sono sulla pandemia: in pole il docufilm “Covid 19 – Il virus della Paura”
Ex specializzandi, dopo i Ddl arriva la petizione. Dalla politica sostegno bipartisan
La petizione, lanciata da Consulcesi su Change.org, ha come obiettivo quello di dare ulteriore spinta ai Disegni di legge presentati in Parlamento
Violazioni direttive Ue, medici specialisti penalizzati: Consulcesi lancia petizione su Change.org
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «È tempo di sanare questa grave ingiustizia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 settembre, sono 31.870.904 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 976.311 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...