Formazione 28 Settembre 2021 16:54

Test medicina 2021, pubblicata la graduatoria nominativa. Si preannuncia una valanga di ricorsi

La graduatoria nazionale è consultabile nell’area riservata di ciascun candidato sulla piattaforma Universitaly. I candidati da tutta Italia: «Tra domande sbagliate e irregolarità, siamo pronti a fare ricorso»

Test medicina 2021, pubblicata la graduatoria nominativa. Si preannuncia una valanga di ricorsi

Il grande giorno è arrivato. È finalmente online la graduatoria nominativa nazionale per i 60mila candidati che hanno svolto il Test di Medicina lo scorso 3 settembre. Ciascun candidato, accedendo alla propria area personale, potrà scorrere l’elenco ufficiale pubblicato dal Ministero dell’Università sulla piattaforma Universitaly.

La graduatoria nominativa nazionale: assegnato o prenotato

Gli studenti possono visualizzare il punteggio ottenuto, la posizione e il collocamento in graduatoria, trovando la dicitura «assegnato» o «prenotato». Gli «assegnati», potranno procedere all’immatricolazione nella sede prescelta, i «prenotati» dovranno ripiegare su una sede diversa da quella di preferenza o aspettare lo scorrimento, specificando però l’interesse a rimanere in graduatoria. Il primo scorrimento è previsto per il 6 ottobre.

Il punteggio minimo effettivo è 36,9

Secondo i più recenti calcoli degli esperti, il 70,2% dei candidati è risultato idoneo. Il punteggio più alto è stato registrato a Varese: 82.4. Il punteggio minimo effettivo per entrare a Medicina nel 2021 si ferma a 36,9 all’Università di Messina.

Tante le irregolarità, via ai ricorsi legali

Anche quest’anno, però, la prova d’ammissione è stata caratterizzata da irregolarità e violazioni delle disposizioni. Al centro delle polemiche una domanda e tre risposte sbagliate, che aprono la strada ai ricorsi legali da parte delle aspiranti matricole. Sono tantissimi, infatti, i futuri medici che si dicono favorevoli ad un ricorso collettivo per far valere i propri diritti. In questo video abbiamo raccolto le voci di chi è pronto a tentare l’iter legale.

Migliaia di ragazzi esclusi inizialmente dai test, anche grazie al riconoscimento del Consiglio di Stato delle ragioni portate avanti da Consulcesi, sono riusciti ad entrare in questi anni a Medicina dopo aver fatto ricorso. Per affidare ad un ricorso legale le proprie chance di entrare e richiedere l’ammissione alla facoltà di Medicina si hanno a disposizione 60 giorni da oggi, giorno di pubblicazione della graduatoria nazionale.

Consulcesi: «Oltre uno su sei non ce l’ha fatta. Al lavoro per gli oltre 40mila esclusi»

«Fino a quando sarà un test irregolare di 100 minuti con risposte a crocette a decidere il destino di oltre 70mila giovani, la carenza di medici del nostro SSN non troverà mai una risposta adeguata». Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella, commenta in questo modo la graduatoria nazionale. «Rispetto allo scorso anno ci sono oltre 20mila iscrizioni e 2mila posti in più, nonostante questo, oltre uno su sei non ce l’ha fatta. Questo sistema di selezione si è rivelato inadeguato soprattutto nei criteri di valutazione che non riescono ad ‘intercettare’ gli studenti più bravi. Il messaggio che voglio lanciare ai ragazzi è: non arrendetevi, se questo è davvero il vostro sogno, una strada per entrare a medicina è possibile» conclude Massimo Tortorella.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni
Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni
Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»
È previsto per domani l'insediamento della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la Corte d'Appello a cui medici possono presentare ricorso a seguito di un provvedimento disciplinare. Le sanzioni sono rimaste in sospeso da oltre un anno
Test Medicina, piano B per 4 studenti su 5: oltre la metà rinuncia al sogno del camice
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «C'è un'altra strada, quella del ricorso, che porta all'ammissione alla Facoltà di Medicina». Poche settimane per partecipare al ricorso
Numero chiuso, il Rettore Gavino Mariotti (Sassari): «Incide negativamente sulla carenza di medici, servono graduatorie locali»
Per il Magnifico Rettore dell’Università sarda «i sistemi sanitari regionali, come quello sardo ma non solo, hanno gravi carenze di professionalità mediche». E rilancia la proposta di andare nelle scuole per preparare i giovani al test d’ingresso
di Francesco Torre
Test Medicina: oltre 45mila esclusi dalle graduatorie. Tortorella (Consulcesi): «Boom di ricorsi»
Il network legale: «Solo 60 giorni di tempo per tutelare il proprio diritto allo studio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...