Formazione 16 Settembre 2020 15:38

Scuole specializzazione, i posti disponibili per il 2020 sono 14.455

Il Mur ha pubblicato il decreto tanto atteso: rispetto allo scorso anno oltre 5mila borse in più. Epifani (Smi): «Aumentate le borse ma anche i candidati al test d’ammissione per le scuole di specializzazione. Non è stato risolto il problema dell’imbuto formativo»

Scuole specializzazione, i posti disponibili per il 2020 sono 14.455

Saranno 14.455 le borse di specializzazione per l’anno accademico 2020/2021: ben 5mila in più rispetto alle 8.920 dello scorso anno. È quanto disposto dal decreto pubblicato dal Ministero dell’Università e della Ricerca a una settimana dal test di ammissione dei medici alle scuole di specializzazione che si terrà il prossimo 22 settembre.

SCUOLE SPECIALIZZAZIONE: IL DECRETO

Nello specifico, come stabilito dal decreto, 13.400 borse saranno finanziate dallo Stato, 888 dalle regioni e 167 da enti pubblici e privati. È opportuno ricordare che 39 borse sono riservate ai militari e 486 al SSN. Il Mur ha specificato anche i requisiti per poter concorrere all’assegnazione dei contratti aggiuntivi.

DECRETO MINISTERIALE

DISTRIBUZIONE CONTRATTI

Proprio ieri il Sindacato dei Medici Italiani (Smi) aveva sollecitato la pubblicazione dei posti disponibili e delle sedi per ciascuna scuola di specializzazione in una lettera indirizzata al Ministro dell’Università Manfredi e al Governo.

SMI: «RESTA IL PROBLEMA DELL’IMBUTO FORMATIVO»

Delia Epifani Responsabile Nazionale Formazione e Prospettive dello Smi – ha dichiarato a Sanità informazione: «C’è stato un aumento di borse, è vero, ma per una serie di circostanze, prime fra tutte la laurea abilitante, è salito vertiginosamente il numero dei partecipanti previsto sui 26mila concorrenti. Lo sforzo è stato tanto, lo ammettiamo – ha continuato Epifani -, ma sono aumentati a dismisura i candidati quindi non è stato risolto il problema dell’imbuto formativo».

LE RICHIESTE DELLO SMI

La lista di problematiche su cui c’è ancora da lavorare è lunga: «Persiste una disparità importante tra la formazione in medicina generale e quella specialistica – ha evidenziato Delia Epifani – e il triennio della medicina generale non è iniziato. La pandemia ha amplificato i problemi che già c’erano mettendo in luce quello che non va – ha sottolineato Epifani -, gli specializzandi hanno un ruolo cruciale negli ospedali e i medici in formazione in medicina generale sono stati fondamentali all’interno delle Usca nella gestione domiciliare dei pazienti Covid positivi. L’impegno dei giovani medici non sempre viene ripagato – ha concluso – e  non sappiamo qual è il futuro che ci aspetta».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes
Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza
di Federica Bosco
Covid, Gimbe: «Scendono ancora nuovi casi e ricoveri. Misure insufficienti nelle scuole»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe conferma un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19: 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?