Formazione 16 Settembre 2020 15:38

Scuole specializzazione, i posti disponibili per il 2020 sono 14.455

Il Mur ha pubblicato il decreto tanto atteso: rispetto allo scorso anno oltre 5mila borse in più. Epifani (Smi): «Aumentate le borse ma anche i candidati al test d’ammissione per le scuole di specializzazione. Non è stato risolto il problema dell’imbuto formativo»

Scuole specializzazione, i posti disponibili per il 2020 sono 14.455

Saranno 14.455 le borse di specializzazione per l’anno accademico 2020/2021: ben 5mila in più rispetto alle 8.920 dello scorso anno. È quanto disposto dal decreto pubblicato dal Ministero dell’Università e della Ricerca a una settimana dal test di ammissione dei medici alle scuole di specializzazione che si terrà il prossimo 22 settembre.

SCUOLE SPECIALIZZAZIONE: IL DECRETO

Nello specifico, come stabilito dal decreto, 13.400 borse saranno finanziate dallo Stato, 888 dalle regioni e 167 da enti pubblici e privati. È opportuno ricordare che 39 borse sono riservate ai militari e 486 al SSN. Il Mur ha specificato anche i requisiti per poter concorrere all’assegnazione dei contratti aggiuntivi.

DECRETO MINISTERIALE

DISTRIBUZIONE CONTRATTI

Proprio ieri il Sindacato dei Medici Italiani (Smi) aveva sollecitato la pubblicazione dei posti disponibili e delle sedi per ciascuna scuola di specializzazione in una lettera indirizzata al Ministro dell’Università Manfredi e al Governo.

SMI: «RESTA IL PROBLEMA DELL’IMBUTO FORMATIVO»

Delia Epifani Responsabile Nazionale Formazione e Prospettive dello Smi – ha dichiarato a Sanità informazione: «C’è stato un aumento di borse, è vero, ma per una serie di circostanze, prime fra tutte la laurea abilitante, è salito vertiginosamente il numero dei partecipanti previsto sui 26mila concorrenti. Lo sforzo è stato tanto, lo ammettiamo – ha continuato Epifani -, ma sono aumentati a dismisura i candidati quindi non è stato risolto il problema dell’imbuto formativo».

LE RICHIESTE DELLO SMI

La lista di problematiche su cui c’è ancora da lavorare è lunga: «Persiste una disparità importante tra la formazione in medicina generale e quella specialistica – ha evidenziato Delia Epifani – e il triennio della medicina generale non è iniziato. La pandemia ha amplificato i problemi che già c’erano mettendo in luce quello che non va – ha sottolineato Epifani -, gli specializzandi hanno un ruolo cruciale negli ospedali e i medici in formazione in medicina generale sono stati fondamentali all’interno delle Usca nella gestione domiciliare dei pazienti Covid positivi. L’impegno dei giovani medici non sempre viene ripagato – ha concluso – e  non sappiamo qual è il futuro che ci aspetta».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Decreto Covid, la delusione di medici e professionisti sanitari. Anelli (FNOMCeO): «Tutela insufficiente»
Il Ministro Speranza esprime soddisfazione per il DL e ribadisce «l’impegno di tutto il governo a lavorare, in sede di conversione del decreto, ad una protezione legale per il personale sanitario impegnato nell’emergenza»
Covid-19 e scuole, Draghi: «Riaprire fino a prima media. In alcuni casi test a studenti»
Il Ministro alla Salute Speranza: «Scuola settore strategico. Riaprire con prudenza»
Riapertura scuole, Florida (Sottosegretario Istruzione): «Test salivari molecolari soluzione migliore per i bambini»
«Ritengo che i test salivari molecolari, essendo meno invasivi rispetto ai tamponi nasali, possano essere più adatti al mondo dei più piccoli, anche in vista di una somministrazione frequente».
di Peter D'Angelo
Draghi al Senato: «Riaperture cominceranno dalle scuole dopo Pasqua, se si potrà»
Il presidente del Consiglio è intervenuto in Senato parlando di vaccini e Unione Europea. Dopo Pasqua, se ci saranno le condizioni, le scuole almeno per i più piccoli dovrebbero riaprire. Intanto il certificato vaccinale diventa concreto
Vaccinazioni, Smi-Lazio firma Accordo sui medici di Continuità Assistenziale e Medicina dei servizi
di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio
di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...