Lavoro 4 Aprile 2019 10:12

Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»

La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»

Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»

Procedere a una nuova programmazione, creare un percorso formativo unico per specializzandi e medici di medicina generale, favorire l’ingresso nel mondo del lavoro ai neolaureati evitando di richiamare i medici in pensione. Questa la posizione del Sindacato dei medici italiani veicolata da Delia Epifani, Coordinatrice regionale del settore formazione per lo Smi Puglia e intervistata in occasione degli Stati Generali del giovane medico.

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO: LA CAMPAGNA DI CONSULCESI PER I MEDICI DI BASE FA TAPPA AD ALESSANDRIA

Abbiamo assistito ad una giornata di confronto e dibattito sul ruolo del giovane medico: quali sono le criticità che riscontrate in maniera maggiore e le soluzioni che sono state proposte e condivise?

«La criticità più importante, che è sotto gli occhi di tutti, è la totale assenza di programmazione che c’è stata nel corso degli ultimi anni. A nostro parere, la prima cosa da cui ripartire è proprio questa. Assistiamo alla costituzione di laureati che ogni anno non sanno se avranno un futuro formativo. Il secondo punto su cui ragionare è, secondo noi, quello di unificare i due percorsi formativi con la creazione di un iter unico che inglobi sia le scuole di specializzazione che il corso di medicina generale in modo da eliminare le disparità e migliorare la qualità. Mi riferisco soprattutto alla scuola di medicina generale che attualmente è quella un po’ più carente a livello formativo. In aggiunta, sappiamo benissimo che c’è una disparità retributiva importante e contributiva perché abbiamo sistemi previdenziali diversi, veniamo tassati in maniera diversa. L’unica soluzione a nostro parere è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo».

Questa differenza retributiva e contributiva pesa ancora molto e influenza la vostra carriera. Come valuti la possibilità di fare un ricorso per azzerare queste differenze?

«Per azzerare le differenze si deve iniziare dal percorso formativo. È verissimo il fatto che non si può fondare una famiglia nella stessa maniera se prendi 1600 euro al mese o se ne prendi 900. E molto diverso ovviamente. Si è parlato di eliminazione delle incompatibilità per i ricorsisti, ma questa non è una soluzione, è solo un palliativo. Ripeto, andrebbero equiparate partendo da un’equiparazione formativa».

Per quando riguarda gli anni di formazione: quali sono le altre difficoltà che incontra uno specializzando, ad esempio i turni massacranti: questo incide non solo sulla vita personale dello specializzando ma anche sulla sicurezza del paziente?

«Assolutamente sì; lo specializzando è un medico in formazione, ma tante volte viene visto come colui che deve sopperire alle carenze dell’ospedale. Questo ovviamente va ad impattare sulla qualità di vita del medico, sul suo burnout e influisce anche sulle prestazioni e sul paziente, cosa che non può essere accettabile in un sistema che deve garantirne la salute.

Un’ultima domanda: cosa pensi dell’apertura dei concorsi agli specializzandi dell’ultimo anno o a reintegrare i pensionati per sopperire alla carenza di medici che oggi esiste nel nostro paese?

«Scindiamo le due cose: per gli specializzandi è una nota positiva, favorisce l’ingresso nel mondo del lavoro prima possibile a patto che non vengano utilizzati come forza lavoro a basso prezzo. Al contrario, sui pensionati che vengono richiamati, ritorniamo sul discorso del burnout. Il pensionato è un medico che ha già avuto una carriera, è arrivato stanco alla fine di questa, forse nell’ottica di preservare il bene dei pazienti sarebbe opportuno puntare sui giovani e un po’ meno sul riutilizzo di risorse che sono state portate allo stremo».

Articoli correlati
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere
Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Malattie croniche intestinali, Caprioli (IG-IBD): «L’ecografia riduce i tempi di attesa e costa meno»
Il Segretario Generale dell’IG-IBD: «Necessario formare medici specializzati nell’ ecografia delle anse intestinali, ma anche inserire un corso di ecografia già nel ciclo di studi universitari della facoltà di Medicina. L’ecografia delle anse intestinali, infatti, se effettuata da specialisti formati ad hoc migliora il trattamento dei pazienti ed evita eseguire altri esami più costosi ed invasivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi