Lavoro 4 Aprile 2019

Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»

La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»

Immagine articolo

Procedere a una nuova programmazione, creare un percorso formativo unico per specializzandi e medici di medicina generale, favorire l’ingresso nel mondo del lavoro ai neolaureati evitando di richiamare i medici in pensione. Questa la posizione del Sindacato dei medici italiani veicolata da Delia Epifani, Coordinatrice regionale del settore formazione per lo Smi Puglia e intervistata in occasione degli Stati Generali del giovane medico.

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO: LA CAMPAGNA DI CONSULCESI PER I MEDICI DI BASE FA TAPPA AD ALESSANDRIA

Abbiamo assistito ad una giornata di confronto e dibattito sul ruolo del giovane medico: quali sono le criticità che riscontrate in maniera maggiore e le soluzioni che sono state proposte e condivise?

«La criticità più importante, che è sotto gli occhi di tutti, è la totale assenza di programmazione che c’è stata nel corso degli ultimi anni. A nostro parere, la prima cosa da cui ripartire è proprio questa. Assistiamo alla costituzione di laureati che ogni anno non sanno se avranno un futuro formativo. Il secondo punto su cui ragionare è, secondo noi, quello di unificare i due percorsi formativi con la creazione di un iter unico che inglobi sia le scuole di specializzazione che il corso di medicina generale in modo da eliminare le disparità e migliorare la qualità. Mi riferisco soprattutto alla scuola di medicina generale che attualmente è quella un po’ più carente a livello formativo. In aggiunta, sappiamo benissimo che c’è una disparità retributiva importante e contributiva perché abbiamo sistemi previdenziali diversi, veniamo tassati in maniera diversa. L’unica soluzione a nostro parere è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo».

Questa differenza retributiva e contributiva pesa ancora molto e influenza la vostra carriera. Come valuti la possibilità di fare un ricorso per azzerare queste differenze?

«Per azzerare le differenze si deve iniziare dal percorso formativo. È verissimo il fatto che non si può fondare una famiglia nella stessa maniera se prendi 1600 euro al mese o se ne prendi 900. E molto diverso ovviamente. Si è parlato di eliminazione delle incompatibilità per i ricorsisti, ma questa non è una soluzione, è solo un palliativo. Ripeto, andrebbero equiparate partendo da un’equiparazione formativa».

Per quando riguarda gli anni di formazione: quali sono le altre difficoltà che incontra uno specializzando, ad esempio i turni massacranti: questo incide non solo sulla vita personale dello specializzando ma anche sulla sicurezza del paziente?

«Assolutamente sì; lo specializzando è un medico in formazione, ma tante volte viene visto come colui che deve sopperire alle carenze dell’ospedale. Questo ovviamente va ad impattare sulla qualità di vita del medico, sul suo burnout e influisce anche sulle prestazioni e sul paziente, cosa che non può essere accettabile in un sistema che deve garantirne la salute.

Un’ultima domanda: cosa pensi dell’apertura dei concorsi agli specializzandi dell’ultimo anno o a reintegrare i pensionati per sopperire alla carenza di medici che oggi esiste nel nostro paese?

«Scindiamo le due cose: per gli specializzandi è una nota positiva, favorisce l’ingresso nel mondo del lavoro prima possibile a patto che non vengano utilizzati come forza lavoro a basso prezzo. Al contrario, sui pensionati che vengono richiamati, ritorniamo sul discorso del burnout. Il pensionato è un medico che ha già avuto una carriera, è arrivato stanco alla fine di questa, forse nell’ottica di preservare il bene dei pazienti sarebbe opportuno puntare sui giovani e un po’ meno sul riutilizzo di risorse che sono state portate allo stremo».

Articoli correlati
Veneto, Ordini medici lanciano proposta a Zaia: «No a neolaureati in corsia, puntiamo su specializzandi con il tutor»
Parla a Sanità Informazione il Presidente di OMCeO Rovigo, Francesco Noce: «Capisco la preoccupazione del Presidente della Regione Veneto, ma l’idea dei corsi di formazione ci lascia molto perplessi, si potrebbe andare incontro a rischi professionali». Poi sottolinea i vantaggi della proposta inoltrata a Zaia che «potrebbe liberare numerose borse di studio e colmare il gap attuale»
di Federica Bosco
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»
La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diventa guardia attiva; in Portogallo viene pagato il 50% delle ore anche se non si viene chiamati
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Psicologo di Famiglia, Conte (Ordine Psicologi Lazio): «Serve cabina di regia che stabilisca procedure e formazione»
Dopo l'approvazione della legge, le regioni iniziano ad attrezzarsi. Il tesoriere dell'Ordine degli psicologi Federico Conte: «L’affiancamento dello psicologo al MMG agirebbe su più fronti, dal supporto nel processo diagnostico fino al trattamento. I modelli di intervento più avanzati nei Paesi più sviluppati prevedono da diversi anni la presa in carico del paziente su più livelli (approccio bio-psico-sociale)»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone