Formazione 4 Aprile 2019

Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»

La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»

Immagine articolo

Procedere a una nuova programmazione, creare un percorso formativo unico per specializzandi e medici di medicina generale, favorire l’ingresso nel mondo del lavoro ai neolaureati evitando di richiamare i medici in pensione. Questa la posizione del Sindacato dei medici italiani veicolata da Delia Epifani, Coordinatrice regionale del settore formazione per lo Smi Puglia e intervistata in occasione degli Stati Generali del giovane medico.

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO: LA CAMPAGNA DI CONSULCESI PER I MEDICI DI BASE FA TAPPA AD ALESSANDRIA

Abbiamo assistito ad una giornata di confronto e dibattito sul ruolo del giovane medico: quali sono le criticità che riscontrate in maniera maggiore e le soluzioni che sono state proposte e condivise?

«La criticità più importante, che è sotto gli occhi di tutti, è la totale assenza di programmazione che c’è stata nel corso degli ultimi anni. A nostro parere, la prima cosa da cui ripartire è proprio questa. Assistiamo alla costituzione di laureati che ogni anno non sanno se avranno un futuro formativo. Il secondo punto su cui ragionare è, secondo noi, quello di unificare i due percorsi formativi con la creazione di un iter unico che inglobi sia le scuole di specializzazione che il corso di medicina generale in modo da eliminare le disparità e migliorare la qualità. Mi riferisco soprattutto alla scuola di medicina generale che attualmente è quella un po’ più carente a livello formativo. In aggiunta, sappiamo benissimo che c’è una disparità retributiva importante e contributiva perché abbiamo sistemi previdenziali diversi, veniamo tassati in maniera diversa. L’unica soluzione a nostro parere è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo».

Questa differenza retributiva e contributiva pesa ancora molto e influenza la vostra carriera. Come valuti la possibilità di fare un ricorso per azzerare queste differenze?

«Per azzerare le differenze si deve iniziare dal percorso formativo. È verissimo il fatto che non si può fondare una famiglia nella stessa maniera se prendi 1600 euro al mese o se ne prendi 900. E molto diverso ovviamente. Si è parlato di eliminazione delle incompatibilità per i ricorsisti, ma questa non è una soluzione, è solo un palliativo. Ripeto, andrebbero equiparate partendo da un’equiparazione formativa».

Per quando riguarda gli anni di formazione: quali sono le altre difficoltà che incontra uno specializzando, ad esempio i turni massacranti: questo incide non solo sulla vita personale dello specializzando ma anche sulla sicurezza del paziente?

«Assolutamente sì; lo specializzando è un medico in formazione, ma tante volte viene visto come colui che deve sopperire alle carenze dell’ospedale. Questo ovviamente va ad impattare sulla qualità di vita del medico, sul suo burnout e influisce anche sulle prestazioni e sul paziente, cosa che non può essere accettabile in un sistema che deve garantirne la salute.

Un’ultima domanda: cosa pensi dell’apertura dei concorsi agli specializzandi dell’ultimo anno o a reintegrare i pensionati per sopperire alla carenza di medici che oggi esiste nel nostro paese?

«Scindiamo le due cose: per gli specializzandi è una nota positiva, favorisce l’ingresso nel mondo del lavoro prima possibile a patto che non vengano utilizzati come forza lavoro a basso prezzo. Al contrario, sui pensionati che vengono richiamati, ritorniamo sul discorso del burnout. Il pensionato è un medico che ha già avuto una carriera, è arrivato stanco alla fine di questa, forse nell’ottica di preservare il bene dei pazienti sarebbe opportuno puntare sui giovani e un po’ meno sul riutilizzo di risorse che sono state portate allo stremo».

Articoli correlati
L’estate degli specializzandi senza bonus Covid
Riconoscimenti a macchia di leopardo e nessuna linea comune, molti medici in formazione che hanno lavorato nei reparti Covid non potranno usufruire delle facilitazioni previste. La parola alle associazioni
di Tommaso Caldarelli
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Delegazione Pd incontra Ministro Manfredi, tutte le richieste per gli specializzandi
Una delegazione del Partito Democratico e del Forum Sanità Giovani Democratici composta dall’Onorevole Beatrice Lorenzin e da Stefano Manai in qualità di Resposabile formazione sanitaria del PD, ha avuto un incontro con il ministro dell’Università Manfredi nel corso del quale ha avanzato delle proposte – frutto anche di una sintesi delle istanze portate avanti dalle diverse […]
«Da grande voglio fare il medico ma…». Quando il test di Medicina ti cambia la vita
Quattro aspiranti camici bianchi si raccontano a Sanità Informazione: chi ha superato l’ostacolo del numero chiuso e chi ha lasciato il sogno nel cassetto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...