Formazione 4 Aprile 2019

Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»

La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»

Immagine articolo

Procedere a una nuova programmazione, creare un percorso formativo unico per specializzandi e medici di medicina generale, favorire l’ingresso nel mondo del lavoro ai neolaureati evitando di richiamare i medici in pensione. Questa la posizione del Sindacato dei medici italiani veicolata da Delia Epifani, Coordinatrice regionale del settore formazione per lo Smi Puglia e intervistata in occasione degli Stati Generali del giovane medico.

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO: LA CAMPAGNA DI CONSULCESI PER I MEDICI DI BASE FA TAPPA AD ALESSANDRIA

Abbiamo assistito ad una giornata di confronto e dibattito sul ruolo del giovane medico: quali sono le criticità che riscontrate in maniera maggiore e le soluzioni che sono state proposte e condivise?

«La criticità più importante, che è sotto gli occhi di tutti, è la totale assenza di programmazione che c’è stata nel corso degli ultimi anni. A nostro parere, la prima cosa da cui ripartire è proprio questa. Assistiamo alla costituzione di laureati che ogni anno non sanno se avranno un futuro formativo. Il secondo punto su cui ragionare è, secondo noi, quello di unificare i due percorsi formativi con la creazione di un iter unico che inglobi sia le scuole di specializzazione che il corso di medicina generale in modo da eliminare le disparità e migliorare la qualità. Mi riferisco soprattutto alla scuola di medicina generale che attualmente è quella un po’ più carente a livello formativo. In aggiunta, sappiamo benissimo che c’è una disparità retributiva importante e contributiva perché abbiamo sistemi previdenziali diversi, veniamo tassati in maniera diversa. L’unica soluzione a nostro parere è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo».

Questa differenza retributiva e contributiva pesa ancora molto e influenza la vostra carriera. Come valuti la possibilità di fare un ricorso per azzerare queste differenze?

«Per azzerare le differenze si deve iniziare dal percorso formativo. È verissimo il fatto che non si può fondare una famiglia nella stessa maniera se prendi 1600 euro al mese o se ne prendi 900. E molto diverso ovviamente. Si è parlato di eliminazione delle incompatibilità per i ricorsisti, ma questa non è una soluzione, è solo un palliativo. Ripeto, andrebbero equiparate partendo da un’equiparazione formativa».

Per quando riguarda gli anni di formazione: quali sono le altre difficoltà che incontra uno specializzando, ad esempio i turni massacranti: questo incide non solo sulla vita personale dello specializzando ma anche sulla sicurezza del paziente?

«Assolutamente sì; lo specializzando è un medico in formazione, ma tante volte viene visto come colui che deve sopperire alle carenze dell’ospedale. Questo ovviamente va ad impattare sulla qualità di vita del medico, sul suo burnout e influisce anche sulle prestazioni e sul paziente, cosa che non può essere accettabile in un sistema che deve garantirne la salute.

Un’ultima domanda: cosa pensi dell’apertura dei concorsi agli specializzandi dell’ultimo anno o a reintegrare i pensionati per sopperire alla carenza di medici che oggi esiste nel nostro paese?

«Scindiamo le due cose: per gli specializzandi è una nota positiva, favorisce l’ingresso nel mondo del lavoro prima possibile a patto che non vengano utilizzati come forza lavoro a basso prezzo. Al contrario, sui pensionati che vengono richiamati, ritorniamo sul discorso del burnout. Il pensionato è un medico che ha già avuto una carriera, è arrivato stanco alla fine di questa, forse nell’ottica di preservare il bene dei pazienti sarebbe opportuno puntare sui giovani e un po’ meno sul riutilizzo di risorse che sono state portate allo stremo».

Articoli correlati
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
Burnout e malattie cardiache, dalla scienza nuove possibilità di risarcimento
Italia tra i Paesi europei con operatori sanitari più stressati: la sindrome colpisce il 90% in corsia. Consulcesi attiva sportello gratuito per la prima valutazione medico-legale e consulenza legale: all’esame tutti i fattori di rischio, come riconoscere i sintomi e come tutelarsi
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
Francia, mille primari si dimettono per «salvare l’ospedale pubblico»
Tagli, turni massacranti e salari bassi i motivi della protesta
«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook
Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto gridare, con tutto il fiato che ho in corpo, queste cose a chi “governa” la sanità in Italia ma non è possibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...