Sanità internazionale 20 Settembre 2021 17:55

USA, terza dose per tutti e frontiere riaperte ai vaccinati

Si potrà tornare a viaggiare negli Stati Uniti, la decisione della Casa Bianca annunciata per tutti i viaggiatori vaccinati e con prova di test negativo entro 72 ore. Intanto si procede sulla terza dose, FDA approva l’uso per over 65

USA, terza dose per tutti e frontiere riaperte ai vaccinati

Gli Stati Uniti hanno deciso: confini riaperti per i viaggiatori vaccinati da inizio novembre. Jeff Zients, coordinatore della Casa Bianca, lo ha comunicato precisando che per entrare nel Paese si dovrà presentare documentazione che provi l’avvenuta vaccinazione e i risultati di test negativi effettuati entro le 72 ore prima della partenza.

«Non verranno quindi più richieste quarantene – ha spiegato Zients – e questi protocolli proteggeranno gli americani in patria e rafforzeranno la sicurezza dei trasporti internazionali». Erano mesi che l’industria turistica americana e l’Unione Europea facevano pressione per sbloccare la situazione. Nello specifico quest’ultima chiedeva reciprocità nell’applicazione delle misure di Bruxelles, che hanno riaperto mesi fa ai cittadini Usa.

La situazione Covid negli Stati Uniti

La situazione epidemiologica statunitense non è però promettente come le misure adottate. Negli ultimi sette giorni la media dei decessi giornalieri ha superato i duemila, per la prima volta dallo scorso marzo. Texas e Florida sono gli stati più colpiti e rappresentano da soli il 30% di queste morti. Metà della popolazione è vaccinata in entrambi (56% in Florida, 50% in Texas) ma la media dei morti si mantiene a 350 al giorno in Florida e 286 in Texas.

Terza dose, FDA ha detto no ai “sani”

Anche per questo motivo gli Stati Uniti sono stati i primi a cominciare la somministrazione delle terze dosi agli immunodepressi, perseguendo l’intento di estendere la misura a tutta la popolazione il più in fretta possibile. Un proposito che però dovrà aspettare, dopo il parere contrario della Food and Drug Administration (FDA) espresso lo scorso 17 settembre. Il richiamo Pfizer-BioNTech per tutta la popolazione, compresa quella adulta e sana, è stato bocciato, mentre è arrivato l’ok alla somministrazione al di sopra dei 65 anni.

Secondo gli esperti dell’FDA la casa farmaceutica non ha fornito dati sufficienti per approvare la decisione serenamente, in quanto lo scenario di Israele potrebbe non essere sufficiente per prevedere quello che accadrà negli USA con la somministrazione estesa a tutti. Il parere non è comunque vincolante, infatti la Casa Bianca ha ribadito la sua intenzione di fornire il booster a tutti gli americani a otto mesi dalla seconda somministrazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore al seno HER2+ metastatico: FDA approva trastuzumab deruxtecan per pazienti trattate con terapia a base di anti-HER2
L’approvazione FDA per trastuzumab deruxtecan amplia l'indicazione dell’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca per un uso più precoce (seconda linea) nel trattamento del carcinoma mammario metastatico
Se gli USA vieteranno l’aborto, quali saranno le conseguenze per le donne?
I giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America vogliono abrogare il diritto all'aborto nel Paese, secondo un documento interno pubblicato da Politico. Il mondo scientifico si ribella a fronte di una decisione dettata da ragioni di carattere politico-ideologico e tutto questo sulla pelle delle donne
di Stefano Piazza
La sindrome dell’Avana non è dovuta ad attacchi da parte di paesi stranieri. La Cia conferma, poi si corregge
Si tratta di una patologia neurologica riscontrata in alcuni diplomatici americani in servizio a Cuba tra il 2016 e il 2017 ed in seguito in molte altre città del mondo. Da cosa è causata? Tante teorie e nessuna certezza se non quella che i dati sono stati raccolti senza un metodo
di Stefano Piazza
Long Covid pediatrico, aumentano i casi da Delta. In USA liste d’attesa sempre più lunghe per le cure
Aumentano i casi di Long Covid pediatrico, negli Stati Uniti molti ospedali hanno aperto programmi ad hoc. La variante Delta sembra dare conseguenze anche ai bambini: i sintomi vanno dal mal di stomaco all'otite
Omicron, Fda limita uso monoclonali: «Improbabile funzionino contro variante»
L’agenzia americana sulle attuali terapie a base di monoclonali: «Al momento non sono autorizzate. Se in futuro circolerà una variante suscettibile, l’indicazione cambierà». E la Florida costretta a chiudere i siti di trattamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...